Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo sistema per la consegna anticancro della droga offre la speranza di trattare i tumori pediatrici

In la maggior parte del mondo occidentale, il cancro è la causa della morte primaria in bambini sopra l'età di una. I trattamenti attuali per i malati di cancro adulti non sono particolarmente efficaci per i bambini. Ciò è perché le droghe chemioterapeutiche hanno effetti differenti sulla fisiologia dei bambini, che è abbastanza dissimile dalla fisiologia adulta. Le cellule tumorali di un bambino differiscono negli aspetti che comprendono le caratteristiche genetiche, i modelli di crescita e le vie inerenti allo sviluppo e la chemioterapia convenzionale può danneggiare specialmente i gravi danni un bambino malato.

Il trasporto delle droghe facendo uso delle nanoparticelle è una tecnologia molto di promessa preveduta per cambiare la fronte di taglio di medicina. È particolarmente pertinente per il trasferimento delle droghe anticancro nel tumore. Ma malgrado l'estesa ricerca e gli sviluppi, l'entrata in vigore di tale tecnologia per i bambini con cancro ampiamente non è stata studiata fin qui. Ciò è dovuta in parte alle restrizioni su partecipazione del bambino ai test clinici e sulle varianze in fisiologia dei bambini alle età differenti.

Ma un nuovo sistema per il trasporto delle droghe anticancro, sviluppato all'istituto di tecnologia dell'Technion-Israele offre la speranza e un'occhiata delle cose di venire. Il sistema - che rallenta la crescita del tumore e prolunga la speranza di vita in mouse da 42% - è stato messo a punto da prof. Alejandro Sosnik del dipartimento di scienza e di assistenza tecnica dei materiali insieme al dottorando Alexandra Bukchin ed è stato condotto in collaborazione con il gruppo di ricerca del Dott. Angel Carcaboso dall'ospedale Sant Joan il de Deu-Barcellona. Lo studio è stato pubblicato nel giornale della versione controllata.

Lo sviluppo piombo da prof. Sosnik è basato sul trasporto selettivo della droga chemioterapeutica Dasatinib via l'imballaggio del nanoscale. Ciò che imballa dirige la droga pricipalmente verso le cellule tumorali, quindi notevolmente riducendo l'esposizione di altri organi alla droga e significativamente diminuendo la tossicità.

Dasatinib è una droga approvata venduta nel mondo intero. Inibisce una chinasi della tirosina, un enzima che agisce come un'opzione per l'attivazione e la disattivazione dei trattamenti cellulari vari. Uno di questi trattamenti è la crescita e divisione delle cellule, in modo da una mutazione in una chinasi della tirosina può piombo a divisione cellulare incontrollata - cioè, un tumore cancerogeno.

Corrente amministrato sotto forma di compresse, Dasatinib inibisce la chinasi della tirosina e ferma la crescita del cancro. Tuttavia, la droga è rilasciata in un modo untargeted nell'organismo del paziente, che lo induce a pregiudicare le celle in buona salute pure.

La tecnologia sviluppata da prof. Sosnik ed il suo gruppo è intesa per impedire questo fenomeno trasportando la droga alle cellule tumorali da solo, così massimizzando il suo risparmio di temi senza nuocere ai tessuti sani. Il trasportatore si compone delle micelle del polimero, nanostructures creati tramite l'auto-installazione dei polimeri in acqua e considerati come un metodo eccellente per il trasporto delle droghe, in parte dovuto i loro nanometri di dimensione (10 - 300) minuscoli. L'innovazione principale nella ricerca di prof. Sosnik è l'aggiunta dello zucchero al nanoplatform. La cellula tumorale identifica lo zucchero e le assunzioni il delivery system, rilasciante la droga dentro la cella ed inibente l'attività dell'enzima.

In laboratorio l'esperimento effettuato dal gruppo di ricerca di prof. Sosnik, l'efficacia di nuovo delivery system ha diminuito il dosaggio della droga stata necessaria per uccidere le celle del sarcoma - un tumore cancerogeno dei muscoli e delle ossa che rappresenta circa 10% dei tumori in bambini - in vitro da circa 90%.

L'efficacia del delivery system egualmente è stata dimostrata in vivo facendo uso dei modelli del cancro in mouse sviluppati dal gruppo spagnolo facendo uso delle biopsie del tumore dei pazienti pediatrici. Il delivery system ha migliorato significativamente la capitalizzazione della droga nell'ambiente del tumore. Inoltre, l'uso di questa piattaforma di nanotecnologia piombo ad un prolungamento drammatico (42%) della durata della vita mediana dei mouse a partire dai 19 giorni (nel gruppo di controllo) ai 27 giorni.

Sia nel laboratorio che negli esperimenti sugli animali (a differenza dell'amministrazione convenzionale di questa droga inghiottendo) l'iniezione di Dasatinib facendo uso di nuovo delivery system piombo alla sua capitalizzazione pricipalmente nel tumore. Ciò significa che l'efficacia della droga aumenta mentre i tessuti sani non sono commoventi, così la prevenzione degli effetti secondari vari di molte chemioterapie.

L'articolo nel giornale della versione controllata riassume uno studio che triennale quello piombo al primo successo nella consegna del Dasatinib con l'aiuto di queste nanoparticelle e la prima dimostrazione delle particelle che si accumulano nel tumore nel tessuto del paziente, in un modello di cancro pediatrico in animali da laboratorio. La ricerca è stata supportata da Technion come pure dalle concessioni dalla Commissione Europea (#612765-MC-NANOTAR e #PIRG-08-GA-2010-276998).

Prof. Sosnik, che piombo il curriculum unito del dipartimento di Technion di scienza e di assistenza tecnica dei materiali e la facoltà di biologia, mette a fuoco sui trattamenti speciali di sviluppo per i bambini con cancro.

“I destinatari sono spezzettati molto fisiologicamente e quindi meno economicamente possibile per le ditte farmaceutiche,„ ha detto. “Le differenze fra i bambini delle età differenti sono grandi e le compagnie farmaceutiche non vogliono investire in ricerca e sviluppo per tali classi d'età strette. La fisiologia di un bambino è molto differente da quella di un adulto, in modo dal tumore si sviluppa diversamente. Gli effetti delle droghe sul tumore non sono egualmente gli stessi. Inoltre, i test clinici sono condotti raramente sui bambini per ovvi motivi. Spero che il delivery system che abbiamo messo a punto migliori la situazione e servisca a consegnare una vasta gamma di droghe anticancro.„