Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano i materiali mineralizzati che potrebbero rigenerare i tessuti duri

I ricercatori all'università di Londra di Queen Mary hanno sviluppato un nuovo modo coltivare i materiali mineralizzati in grado di rigenerare i tessuti duri quali smalto e l'osso dentari.

Lo smalto, situato sulla parte esterna dei nostri denti, è il tessuto più duro nell'organismo e permette ai nostri denti di funzionare per una grande parte della nostra vita malgrado le forze mordaci, l'esposizione alle sostanze alimentari acide e bevande e le temperature estreme. Questa prestazione notevole deriva dalla sua struttura altamente organizzata.

Tuttavia, a differenza di altri tessuti dell'organismo, lo smalto non può rigenerare una volta che è perso, che può piombo per fare soffrire e perdita del dente. Questi problemi pregiudicano più di 50 per cento della popolazione del mondo ed in modo da trovare i modi ricreare lo smalto lungamente è stata un bisogno importante in odontoiatria.

Lo studio, pubblicato nelle comunicazioni della natura, indica che questo nuovo approccio può creare i materiali con precisione notevole ed ordinare quello sguardo e comportarsi come smalto dentario.

I materiali hanno potuto essere usati per un'ampia varietà di complicazioni dentarie quali la prevenzione ed il trattamento della sensibilità di carie dentaria o di dente - anche conosciuta come ipersensibilità della dentina.

Il Dott. sceriffo Elsharkawy, un dentista e primo autore dello studio dal banco di Queen Mary di scienza dei materiali e di assistenza tecnica, ha detto: “Questo è emozionante perché la semplicità e la versatilità della piattaforma di mineralizzazione danno le possibilità trattare e rigenerare i tessuti dentari. Per esempio, potremmo sviluppare le fasciature resistenti all'acido che possono infiltrarsi in, mineralizzare ed il carter ha esposto i punti di presa dei denti umani per il trattamento di ipersensibilità della dentina.„

Il meccanismo che è stato sviluppato è basato su un materiale specifico della proteina che può avviare e guidare la crescita dei nanocrystals dell'apatite al multiplo sottopone a operazioni di disgaggio - similmente a come questi cristalli si sviluppano quando lo smalto dentario si sviluppa nel nostro organismo. Questa organizzazione strutturale è critica per le proprietà fisiche eccezionali presentate da smalto dentario naturale.

Il professor Alvaro Mata dell'autore principale, dal banco di Queen Mary di scienza dei materiali e di assistenza tecnica, ha detto: “Uno scopo importante nella scienza dei materiali è di imparare dalla natura sviluppare i materiali utili basati sul controllo preciso delle particelle elementari molecolari. La scoperta chiave è stata la possibilità per sfruttare le proteine disordinate per gestire e guidare il trattamento di mineralizzazione ai disgaggi multipli. Con questo, abbiamo sviluppato una tecnica per coltivare facilmente i materiali sintetici che emulano tale architettura gerarchico organizzata sopra le ampie aree e con la capacità di sintonizzare i loro beni.„

Permettere al controllo del trattamento di mineralizzazione apre la possibilità per creare i materiali con i beni che imitano i tessuti duri differenti oltre smalto quali l'osso e la dentina. Come tale, il lavoro ha il potenziale di essere utilizzato in varie applicazioni nella medicina a ricupero. Inoltre, lo studio egualmente fornisce le comprensioni nel ruolo di disordine della proteina in fisiologia e patologia umane.