Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca studia come il cervello adatta i movimenti dell'organismo per evitare il dolore dopo la lesione

Quando la gente è danneggiato, come il cervello adatta i movimenti dell'organismo per contribuire ad evitare il dolore? La nuova ricerca pubblicata nel giornale della fisiologia studia questo problema.

L'impostazione sperimentale utilizzata nello studio ha combinato l'uso di stimolo magnetico transcranial con un esoscheletro robotizzato collegato con un 2D ambiente di realtà virtuale e con un laser che consegna lo stimolo doloroso al gomito giusto del partecipante. Credito: Michaël Bertrand-Charette.

Dopo una lesione, il nostro organismo assocerà rapido il dolore ad un movimento particolare e modificherà che i muscoli noi usano di conseguenza. Questa nuova ricerca indica che il messaggio dalle aree del cervello del motore verso un muscolo è diminuito se questo muscolo è responsabile della produzione del movimento doloroso ed aumentato se il muscolo neutralizza quel movimento.

Egualmente hanno osservato che se il cervello sa che il movimento causerà a dolore poi il tempo di reazione eseguire il movimento è più lungo, ma i movimenti sono realizzati più rapidamente, suggerenti una strategia di ` che lo supera e sono fatti con'.

Ciò indica che il cervello può anticipare che i movimenti particolari causeranno il dolore, permettendo che noi ci adattiamo diversamente e ci muoviamo. Questa ricerca è messa a fuoco su come l'organismo risponde all'anticipazione di un dolore acuto sperimentale (cioè un dolore transitorio che dura una frazione di secondo durante l'esecuzione di un movimento) ma può essere possibile usare questi risultati per contribuire ad impedire i disordini osteomuscolari di dolore.

Quando la gente è ferita possono imparare rapidamente associare il dolore ad un movimento dato e cambiare il modo che l'organismo si muove per evitare o minimizzare il dolore. La comprensione come questo si presenta nel cervello è cruciale per l'identificazione dei meccanismi che piombo al mantenimento a lungo termine di dolore.  

La ricerca condotta dall'università di Laval, Quebec, insieme con il centro per ricerca interdisciplinare nel ripristino e nell'integrazione del sociale, la Quebec, in questione misurare il collegamento fra le aree del cervello del motore ed il bicipite come hanno preparato muoversi. La ricerca è stata effettuata su trenta partecipanti in buona salute, in cui la metà ha ricevuto gli stimoli dolorosi durante i movimenti della flessione e l'altra metà durante i movimenti di estensione.

D'importanza, poichè il dolore sperimentale è stato indotto con le simulazioni del laser, i risultati non possono direttamente essere trasferiti ad una popolazione dei pazienti che soffrono dal dolore clinico.

Catherine Mercier, autore corrispondente dello studio, ha detto:

Questa scoperta è importante perché conferma l'istituzione delle strategie protettive durante l'anticipazione di dolore acuto. Traccia un avanzamento importante per avanzare la nostra comprensione dei meccanismi in questione nella transizione da acuto a dolore cronico. Effettivamente, una teoria recente sull'effetto di dolore sugli stati di controllo del motore che mentre le strategie protettive possono essere inizialmente pertinenti e piombo ad alleviamento a breve termine di dolore, possono potenzialmente avere conseguenze a lungo termine nocive e piombo a dolore cronico.„