Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano il colpevole quel denti cilindrici che danneggiano l'infiammazione dopo attacco di cuore

Gli scienziati hanno azzerato dentro su un colpevole quel i denti cilindrici che danneggiano l'infiammazione nel cuore che segue un attacco di cuore. Il partito colpevole è un tipo di cella immune che prova a guarire il cuore ferito ma invece avvia l'infiammazione che quello piombo ancor più danno.

Più ulteriormente, i ricercatori hanno trovato che una droga già approvata efficacemente tamps giù tale infiammazione in mouse, proteggenti il cuore dal danno progressivo che si presenta spesso dopo un attacco di cuore.

Lo studio, dalla scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis, è pubblicato il 7 giugno nella comprensione di JCI.

Piombo l'autore da Douglas senior L. MANN, MD, Direttore della divisione cardiovascolare dell'università e cardiologo-in-capo all'ospedale Barnes-Ebreo, lo studio ha indicato che i mouse che modellano gli attacchi di cuore umani hanno vissuto lungamente se pirfenidone allora dato, una droga già approvata per trattare uno stato indipendente del polmone. Più ulteriormente, la ricerca ha indicato che la droga funziona regolamentando nel cuore la risposta specifica dei linfociti del linfocita B, le celle immuni che gli scienziati scoperti erano responsabili dell'infiammazione.

“Se capiamo come il pirfenidone funziona per diminuire l'infiammazione, possiamo lavorare per modificare la droga o fare una droga ancora migliore che può potere aiutare tantissimi pazienti,„ ha detto MANN, che è egualmente Tobias ed il professore distinto Lewin di Hortense delle malattie cardiovascolari.

In un attacco di cuore, il sangue è tagliato da un'area del cuore che poi muore spesso. Se la persona sopravvive a, le prove dell'organismo per guarire il muscolo morto formando il tessuto della cicatrice -; ma tale tessuto può più ulteriormente indebolire il cuore. Ancora un altra onda di danno può accadere quando le celle immuni benintenzionate provano a guarire il cuore ferito ma invece determinare l'infiammazione. L'individuazione dei modi evitare la lesione infiammatoria progressiva al cuore ha potuto aiutare annualmente circa 1,5 milione pazienti di attacco di cuore negli Stati Uniti, potenzialmente impedendo la loro progressione all'infarto, secondo i ricercatori.

Pirfenidone è approvato da Food and Drug Administration per trattare uno stato del polmone chiamato fibrosi polmonare idiopatica, uno sfregio dei polmoni che non ha causa conosciuta. La droga egualmente è stata conosciuta per i sui effetti cuore-protettivi in una serie di modelli animali differenti di attacco di cuore. I ricercatori avevano supposto che l'atto protettivo dei pirfenidone nel cuore ha parallelizzato la ragione che aiuta nell'affezione polmonare. Nei polmoni, la droga rallenta la formazione di tessuto della cicatrice.

“Che questa droga egualmente protegge il cuore non è nuovo,„ ha detto primo l'autore Luigi Adamo, il MD, il PhD, un collega clinico in cardiologia. “Ma nei nostri studi, pirfenidone non ha diminuito fisicamente il tessuto della cicatrice nel cuore. Il tessuto della cicatrice è ancora là, ma in qualche modo gli impianti del cuore meglio del previsto una volta esposto a questa droga. Non era chiaro perché. Così precisiamo all'ingegnere inverso la droga per strapparci come può lavorare. Poiché il tessuto della cicatrice era ancora presente, abbiamo sospettato che l'infiammazione era il colpevole principale nella funzione difficile del cuore dopo un attacco di cuore.„

Adamo ha detto che gli studi più immuni sul cuore hanno messo a fuoco su altri tipi di celle immuni, compreso i macrofagi, i linfociti a cellula T, i neutrofili ed i monociti. Ma non ha trovato differenze nei numeri di tali celle immuni nei cuori feriti dei mouse che hanno ricevuto il pirfenidone contro quelli che non hanno fatto. Quando serendipitously ha misurato i linfociti B, tuttavia, Adamo è stato sorpreso per vedere una differenza enorme.

“I nostri risultati che mostrano i linfociti B che determinano l'infiammazione del cuore erano abbastanza inattesi,„ Adamo ha detto. “Non abbiamo saputo che i linfociti B hanno un ruolo nel tipo di danno che del cuore stavamo studiando finché i nostri dati non ci spingessero in quella direzione. Egualmente abbiamo trovato che non c' è appena un tipo di linfocita B nel cuore, ma un'intera famiglia dei tipi differenti che sono strettamente connessi. E il pirfenidone modula queste celle per avere un effetto protettivo sul muscolo di cuore dopo un attacco di cuore.„

Tuttavia, Adamo ha aggiunto che quando i ricercatori hanno eliminato queste celle completamente, non solo era il cuore non protetto, l'effetto benefico della droga è andato via. Così i linfociti B non sono esclusivamente Male, secondo gli scienziati. Se fossero, eliminarli completamente proteggerebbero il cuore.

“Gli effetti protettivi del pirfenidone muniscono di cardini la presenza di linfociti B,„ Adamo ha detto. “La droga può lavorare pure, forse direttamente ad altre celle o forse attraverso i linfociti B. Stiamo continuando a studiare i dettagli.„

Adamo ha detto che il pirfenidone lungamente è stato considerato cassaforte ma che potesse avere effetti secondari come la nausea e vomito. Ha spiegato che i ricercatori non hanno provato a migliorare sopra la droga perché nessuno ha capito precisamente come ha funzionato. Ora che Adamo, MANN ed i loro colleghi hanno identificato i linfociti del linfocita B come l'obiettivo della droga, possono cominciare a studiare i modi renderlo migliore. Con il supporto dell'ufficio dell'università di Washington della gestione della tecnologia, gli scienziati hanno lanciato uno start-up messo a fuoco sulla progettazione della versione del pirfenidone che mantiene la capacità della droga di modulare i linfociti del linfocita B ma che può essere più tollerabile per i pazienti.