Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca mostra il collegamento fra i livelli elevati di vitamina D del siero ed il colesterolo più basso in bambini

C'è un collegamento fra i livelli elevati di vitamina D del siero ed i più bassi livelli del colesterolo del plasma nei bambini della scuola primaria, la nuova ricerca dall'università di Finlandia orientale mostra. I bambini di cui i livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 hanno superato 80 nmol/l hanno avuti più bassi livelli del colesterolo della lipoproteina totale ed (LDL) a bassa densità del plasma che i bambini di cui i livelli di hydroxyvitamin D del siero 25 erano inferiore a 50 nmol/l, che è considerare spesso come un valore di soglia per la sufficienza di vitamina D. 25 il hydroxyvitamin D è il modulo di circolazione principale della vitamina D. I risultati sono stati riferiti in uno delle pubblicazioni principali dell'endocrinologia, del giornale dell'endocrinologia clinica e del metabolismo.

La vitamina D è conosciuta per essere essenziale per il metabolismo dell'osso ed i bassi livelli del siero 25 (l'OH) D aumentano il rischio di rachitismo, di osteomalacia e di osteopenia. La vitamina D può anche migliorare i livelli di lipidi del plasma ed avere impatto utile su altri fattori di rischio delle malattie cardiovascolari. Tuttavia, la prova su questi altri effetti sulla salute della vitamina D è ancora insufficiente e parzialmente contrastante e quindi non una base sufficiente per dare le raccomandazioni.

Lo stile di vita scompone, quale la dieta sana, l'attività fisica in fattori e spendendo il tempo all'aperto che piombo alla produzione della vitamina D nell'interfaccia, può essere collegato sia ai livelli elevati di vitamina D del siero che abbassare i livelli di lipidi del plasma. I ricercatori hanno trovato che il collegamento fra i livelli elevati di vitamina D del siero ed i più bassi livelli del colesterolo del plasma era indipendente da adiposità dell'organismo, dai fattori dietetici, dall'attività fisica, dalla formazione parentale e dal giorno prima della campionatura di sangue. Inoltre, i fattori ereditari che precedentemente sono stati collegati ai livelli di vitamina D del siero non hanno modificato l'associazione osservata. La più ricerca è necessaria scoprire le ragioni dietro l'associazione inversa della vitamina D del siero con i livelli di lipidi del plasma.

I nuovi risultati forniscono il supporto per l'importanza di seguenti raccomandazioni per l'assunzione di vitamina D, che variano da paese a paese. Le sorgenti dietetiche più importanti della vitamina D sono vitamina D prodotti fortificati pesce quali i prodotti lattier-caseario e le diffusioni e. Oltre all'ingestione dietetica, l'uso di supplemento di vitamina D egualmente è raccomandato per la popolazione in genere in parecchi paesi. L'uso raccomandato dei supplementi di vitamina D varia molto fra questi paesi (principalmente 5-50 µg/d, corrispondenti a 200-2000 IU/d) secondo il gruppo d'età ed altri fattori. La vitamina D è sintetizzata in modo endogeno nell'interfaccia in presenza di UV-radiazione dal sole. Tuttavia, nelle latitudini nordiche, l'esposizione a luce solare da solo è insufficiente mantenere i livelli sufficienti del siero 25 (l'OH) D, particolarmente durante l'inverno.

Lo studio fa parte dell'attività fisica e la nutrizione in bambini (PANICO) studia, che è uno studio di intervento di stile di vita nell'istituto della biomedicina all'università di Finlandia orientale. Complessivamente 512 bambini hanno invecchiato 6 - 8 anni hanno partecipato alle misure del riferimento nel 2007-2009, costituendo un campione rappresentativo del loro gruppo d'età. Lo studio di PANICO redige scientifico le informazioni apprezzate sugli stili di vita, sulla salubrità e sul benessere dei bambini.