Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Disordini di controllo di impulso trovati per essere più comune nella gente che cattura le droghe di Parkinson

Col passare del tempo, la metà della gente che cattura determinate droghe per la malattia del Parkinson può sviluppare i disordini di controllo di impulso come il gioco compulsivo, l'acquisto o cibo, secondo uno studio pubblicato nell'emissione online del 20 giugno 2018 della neurologia®, il giornale medico dell'accademia americana della neurologia.

In Parkinson, un prodotto chimico vitale nel cervello ha chiamato la dopamina che regolamenta il movimento gradualmente è diminuita. Parkinson è curato con il levodopa, che converte in dopamina nel cervello, o con gli agonisti della dopamina, che funzionano attivando i ricevitori della dopamina.

“Il nostro studio suggerisce che i disordini di controllo di impulso siano ancor più comuni che abbiamo pensato nella gente che cattura gli agonisti della dopamina,„ abbiamo detto lo studio l'autore Jean Christophe Corvol, MD, dell'istituto del cervello e della spina dorsale del ICM; Ospedale di Pitié Salpêtrière, assistenza Publique-; Hôpitaux de Parigi, università di Sorbonne a Parigi, Francia. “Questi disordini possono piombo ai problemi finanziari, legali e sociali e psicologici seri.„

Lo studio ha compreso 411 persone che erano state diagnosticate con la malattia del Parkinson per cinque anni o più di meno chi sono stati seguiti per una media di circa tre anni. Ai partecipanti sono stati chiesti nelle interviste riguardo ai disordini di controllo di impulso quali i comportamenti compulsivi di acquisto, del cibo, di gioco o sessuale.

Circa 87 per cento dei partecipanti avevano catturato almeno una volta un agonista della dopamina. All'inizio dello studio, 20 per cento dei partecipanti hanno avuti un disordine di controllo di impulso, con 11 per cento che ha i problemi di baldoria o compulsivi del cibo, i comportamenti sessuali compulsivi di 9 per cento, 5 per cento di acquisto compulsivo e 4 per cento di gioco compulsivo. Sei per cento della gente hanno avuti più di un disordine di controllo di impulso.

Di 306 persone che non hanno avute disordini di controllo di impulso all'inizio dello studio, 94 persone hanno sviluppato un disordine durante lo studio, per un'incidenza cumulativa quinquennale globale di 46 per cento. Per la gente che non aveva catturato mai gli agonisti della dopamina l'incidenza quinquennale era 12 per cento, confrontati a 52 per cento per coloro che aveva usato mai le droghe. L'incidenza annuale media era 26 a 1.000 persona/anno nella gente che non ha catturato mai le droghe, confrontata a 119 a 1.000 persona/anno in coloro che aveva catturato le droghe.

“Questi disordini possono essere provocatori affinchè i neurologi scoprano,„ ha detto Laura S. Boylan, MD, della New York University in New York, in NY ed in un collega dell'accademia americana della neurologia, che ha scritto un editoriale che accompagna l'articolo. “La gente potrebbe essere imbarazzata dire il loro medico circa i loro problemi, possono pensare che queste emissioni non siano collegate con la loro malattia del Parkinson, o possono nemmeno considerare i disordini un problema. Il più, come tempo di medici per la riunione dell'ogni paziente ottiene più breve e più breve, allevare le questioni delicate ottiene più duro e più duro.„

I ricercatori egualmente hanno trovato che con le dosi elevate delle droghe e di cattura loro per i periodi più lunghi, la gente era più probabile sviluppare i disordini di controllo di impulso. Il pramipexole e il ropinirole delle droghe sono stati associati con l'elevato rischio di sviluppare i disordini.

Complessivamente 30 persone con i disordini di controllo di impulso che si sono fermati che catturano gli agonisti della dopamina sono state seguite durante lo studio. I disordini si sono fermati col passare del tempo, con la metà della gente più che non ha emissioni dopo un anno.

Una limitazione dello studio era che perché i partecipanti erano relativamente giovani, con un'età media di 62 ed i giovani sono più probabili essere dati gli agonisti della dopamina ed avere disordini di controllo di impulso, è possibile che la tariffa di avvenimento di questi disordini potrebbe essere sopravvalutata.

Sorgente: https://www.aan.com/PressRoom/Home/PressRelease/1655