Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Rischio di attacchi di cuore, di colpi e di occlusioni vascolari trovati per essere più alto in malati di cancro

È ben noto che il cancro preesistente è un fattore di rischio significativo per trombosi venosa. Che cosa era fino ad ora poco chiaro era se il cancro egualmente ha un impatto negativo sopra il rischio di attacchi di cuore, di colpi o di occlusioni delle arterie periferiche. Gli studi intrapresi a divisione di MedUni Vienna di ematologia e di Hemastasology all'interno del suo dipartimento di medicina I e recentemente pubblicati per la prima volta in giornale principale “Haematologica„, manifestazioni che il rischio di queste trombosi arteriose e di loro conseguenze è egualmente più alto in pazienti con cancro.

“Potevamo indicare che, sebbene il rischio di trombosi arteriosa in pazienti con i tumori maligni fosse significativamente più basso di quello di trombosi venosa, c'è una grande variazione, secondo il tipo di tumore,„ dice l'autore principale Ella Grilz, descrivente i nuovi risultati. “Per esempio, il rischio di trombosi arteriosa è molto più alto nel caso del cancro polmonare o renale che nel cancro al seno,„ aggiunge.

Quella è l'ultima individuazione dei CAPONI futuri studia (studio di trombosi e del Cancro), che stia funzionando dal 2003 ed includa più di 2.000 malati di cancro. Il fuoco principale dei CAPONI studia, piombo da Ingrid Pabinger e Cihan Ay, deve identificare i fattori che contribuiscono a predire il tromboembolismo venoso in malati di cancro.

Il rischio di prognosi arteriosa è 2,6% - importante crescita nella mortalità
Gli ultimi risultati dettagliatamente: Durante un periodo di due anni, il rischio medio di trombosi arteriosa in malati di cancro è 2,6%. Sebbene questo sia più basso del rischio di trombosi venosa, che sta a circa 8%, il rischio di trombosi arteriosa è molto più alto per i tipi particolari di cancri. Per esempio, durante il periodo biennale di studio, la trombosi arteriosa si è presentata in circa 8% dei pazienti con i tumori renali maligni. Egualmente è stato trovato che il tasso di mortalità ha triplicato in pazienti che hanno sofferto gli attacchi di cuore, i colpi o le occlusioni arteriose periferiche mentre soffrivano dal cancro.

Dice Cihan Ay: “I nuovi risultati dimostrano che la trombosi arteriosa è associata con un più alto tasso di mortalità in pazienti con cancro. Questi pazienti quindi richiedono il primo soccorso speciale, per minimizzare le complicazioni.„

Le indagini di proseguimento sullo studio dei CAPONI ora cercheranno i biomarcatori potenziali per gli attacchi di cuore, i colpi e le occlusioni vascolari in pazienti con cancro. Lo studio del Cancro e di trombosi di Vienna, che ora sta funzionando per 15 anni, già ha prodotto una serie di risultati importanti che migliorano la previsione clinica del rischio e contribuiscono a migliorare la nostra comprensione dei meccanismi patofisiologici di trombosi in relazione con il Cancro.

Sorgente: https://www.meduniwien.ac.at/web/en/about-us/news/detailsite/2018/news-im-juni-2018/cancer-increases-the-risk-of-heart-attacks-strokes-and-vascular-occlusions/