Il raggiungimento del WHO è piano d'azione globale per demenza

Thought LeadersDr. Matthew NortonDirectorAlzheimer's Research UK
Un'intervista con Dott. Matthew Norton, condotto da Kate Anderton, BSc

Perché è la demenza una grande preoccupazione per i funzionari ed i governi di sanità?

La demenza è la più grande sfida medica del XXI secolo. Pregiudica oltre 50 milione di persone universalmente e questo numero si pensa che aumenti a quasi 80 milioni da ora al 2030 ed i casi continueranno ad aumentare esponenzialmente. Non ci sono corrente maturazione per demenza, o i trattamenti che possono rallentare o fermano la progressione delle malattie di fondo.

Signora anziana con demenzaCredito di immagine: Ocskay Bence/Shutterstock

Ci sono ogni anno intorno 10 milione nuovi casi di demenza, ad un costo stimato all'economia globale dei trilione dollari e 26 miliardo sterline l'annualmente nel Regno Unito. Oltre all'impatto finanziario significativo, la circostanza non solo pregiudica quelle con demenza, ma i loro amici vicini e famiglia.

Gli studi hanno indicato che quelli i più vicini ai grandi impatti psicologici di esperienza determinata dal preoccuparsi per un caro con la malattia. Abbiamo fatto i grandi progressi in altre aree di malattia come la malattia cardiovascolare o il cancro, ma non la demenza. È un travisamento e dobbiamo ringraziare il fatto quel più necessità di essere fatto.

È egualmente significativo che la prevalenza di demenza sta sviluppandosi il più rapido nei paesi basso medi di reddito. Alcuni anni fa, la demenza è stata veduta come emissione con reddito elevato del paese, mentre ora è un'emissione globale. Poichè abbiamo fatto gli avanzamenti nei trattamenti per le malattie non comunicative, le speranze di vita sono più alte e di conseguenza la demenza sta diventando più prevalente.

Cinque anni fa, il governo BRITANNICO ha impegnato per trovare un nuovo trattamento che potrebbe fermare o rallentare significativamente la demenza da ora al 2025. I vari governi ed organizzazioni attraverso il globo stanno contribuendo a raggiungere questo scopo, ma ancora stiamo mancando di nello slancio.

Il problema è che abbiamo cominciato da una base molto bassa. Nel Regno Unito, per esempio, era intorno uno in sei ricercatori del cancro ai ricercatori di demenza ed ora siamo giù a circa uno in quattro.

Nel Regno Unito, attraverso tutte le fasce d'età ed i generi, demenza è ora la causa della morte principale, sebbene le figure siano distorte verso quelle nella vita più tarda ed in gente più anziana. Ciò ha stimolato il WHO a sviluppare il piano d'azione globale 2017 per demenza, particolarmente dovuto la sua prevalenza nei paesi di reddito basso.

Descriva prego il WHO è piano d'azione globale per demenza.

Il piano d'azione globale del WHO mette a fuoco sulla risposta della sanità pubblica a demenza e descrive i modi in cui i governi possono esaminare la salubrità e gli aspetti del sociale della circostanza.

Fa le domande come; Come possiamo creare una società che sta consolidando e supportando della gente con demenza? E, come i nostri sistemi sanitari cambiano e si adattano per assicurare che stiamo preoccupando per e gente supportante con demenza giustamente? Inoltre, come possiamo tutto il lavoro verso la progressione ricercare in moda da poterci sviluppare noi non appena i nuovi trattamenti, ma nuovi metodi di cura anche?

Che cosa erano gli atti chiave identificati nel WHO sono piano d'azione globale?

La pianificazione ha mirato a richiedere in basso ai paesi di reddito medio per sviluppare una pianificazione per indirizzare la demenza. Sette priorità sono state stabilite dal WHO, ciascuno compreso un insieme degli obiettivi ad alto livello affinchè i paesi tendano a.

Tenuta della manoCredito di immagine: Segno/Shutterstock di Ocskay

La demenza come priorità di salute pubblica è quella prima. Settantacinque per cento di 194 Stati membri sono preveduti a, o già si sono sviluppati, una pianificazione o una polizza o una strategia nazionale per affrontare la demenza da ora al 2025.

La seconda priorità è consapevolezza e l'amicizia di demenza. 100 per cento dei paesi si pensano che facciano meno campagna di sensibilizzazione un di funzionamento mettere a fuoco sopra e promuovendo una società demenza-inclusa da ora al 2025.

La riduzione di rischio di demenza è il terzo, che comprende riconoscere quello procedendo agli adeguamenti al nostro stile di vita che possiamo diminuire il rischio di demenza. La ricerca pubblicata nella lancetta nel 2016 ha mostrato che quello intorno 30 per cento dei casi del morbo di Alzheimer potrebbero essere impediti attraverso i cambiamenti di stile di vita. Le pianificazioni mirano a sollevare la consapevolezza di riduzione di rischio ed a raccomandare i modi affinchè la gente potenzialmente attenuino il loro rischio.

La quarta priorità mette a fuoco sulla diagnosi, sul trattamento, sulla cura e sul contributo ai pazienti con demenza. Così com'è, 50 per cento dei paesi potranno soltanto supportare 50 per cento della gente con demenza da ora al 2025, come le tariffe di diagnosi variano considerevolmente attraverso il globo. La diagnosi deve notevolmente essere migliorata nel minimo ai paesi di reddito medio, poichè è le fondamenta che le guide creano l'accesso alle cure, il supporto, la ricerca e più.

Il quinto è contributo alla personale che dispensa le cure di demenza. Settantacinque per cento dei paesi devono fornire al contributo ed ai programmi di formazione alla personale che dispensa le cure ed alle famiglie della gente che vive con la demenza. Dobbiamo rivalutare come assistiamo quelli che forniscono la cura, poichè avvertono l'angoscia simile a quella dei pazienti.  

I sistemi di informazione sono il sixth; 50 per cento dei paesi stanno raccogliendo ordinariamente un insieme di memoria dei dati e degli indicatori chiave che contribuiranno a riflettere i progressi che stanno realizzando contro le loro pianificazioni nazionali, ma che egualmente permetta che noi vediamo che progressi stanno realizzandi globalmente.

La settima iniziativa è la ricerca ed innovazione di demenza. Il WHO vorrebbe raddoppiare l'output globale della ricerca su demenza da ora al 2025.

Che provvedimenti sono stati presi dai governi in risposta al piano d'azione globale del WHA?

È stato soltanto un anno poiché il piano d'azione è stato installato, ma finora appena 27 stati membri del WHO hanno proposto le pianificazioni nazionali per demenza ed intorno 28, secondo un rapporto recente, sono in via di sviluppo. Ciò significa che siamo ancora lontano dal colpire l'obiettivo di 146 paesi.

Il peperoncino rosso è il solo country rilasciare una pianificazione poiché il piano d'azione è stato pubblicato ed il Canada recentemente ha approvato la legislazione primaria per applicare la loro pianificazione. Mentre le reazioni sono state lente, il piano d'azione ha aiutato l'aumento l'emissione di demenza e lo ha inbandierato come emissione che i country devono urgentemente affrontare.

Per raggiungere l'obiettivo di 75 per cento, stiamo andando avere bisogno di 15 o 20 stati membri di sviluppare una pianificazione e di metterla in atto ogni cinque anni fino al 2025, che è improbabile. Dato le priorità politiche di alcuni paesi, come molti di quelli in Africa Subsahariana, è non realistico invitare completamente per applicare tali pianificazioni. Con noncuranza, ancora solleverà la consapevolezza dell'emissione.

In un rapporto recente dall'internazionale del morbo di Alzheimer, era chiaro che il mondo non è sul cingolo per raggiungere l'obiettivo 2025. È 2025 un obiettivo realistico?

Da una prospettiva pratica, l'obiettivo 2025 è non realistico, ma è probabile collocare i paesi sul percorso giusto. Possiamo mirare a comprendere la demenza come componente chiave di più vaste pianificazioni di salubrità e strategie di salubrità in paesi, ma questo deve essere incluso accanto agli obiettivi significativi intorno a demenza ed essere incluso non appena in una pianificazione molto più vasta e moderata attraverso le emissioni di salubrità multiple.

Una delle sfide chiave sta ricevendo le pianificazioni ben sviluppate; di meno che la metà delle pianificazioni adottate hanno ricevuto il finanziamento per l'entrata in vigore affettiva. Non c'è egualmente chiaro consenso su come costituire un fondo per sarà fornito, che è un'altra barriera.

Mentre la maggior parte delle pianificazioni mettono a fuoco su consapevolezza e prepararsi e contributo alla personale che dispensa le cure, la ricerca ed i dati elementari sembrano essere di meno di una priorità. Dovremo utilizzare l'osservatorio globale di demenza per condurre la ricerca adeguata e per raccogliere i dati, che richiedono il finanziamento significativo della ricerca e sono risorsa intensiva.

I dati sono una grande emissione pure. Mentre abbiamo una quantità ragionevole di dati dai paesi di redditi alti, la qualità dei dati attraverso il globo è abbastanza povera. Ciò comprende le misure della prevalenza, dell'incidenza e della diagnosi di demenza, che è parzialmente dovuto le emissioni con la diagnosi in alcuni paesi. Più sforzi devono essere fatti per cominciare catturare i dati registrati di salubrità in un modo più sistematico.

Che cosa è l'osservatorio globale di demenza (GDO) e perché era impostazione?

L'osservatorio globale di demenza è stato installato per varie ragioni, ma in termini di piano d'azione, lo scopo era di incoraggiare i paesi a raccogliere ordinariamente gli insiemi di memoria dei dati su demenza ed usa quelli come gli indicatori per illustrare i paesi di progresso stanno facendo contro i piani d'azione che si sviluppano.

La raccolta e la collazione dei dati è provocatorie per una serie di ragioni, ma principalmente perché la demenza abbastanza difficile diagnosticare nelle fasi iniziali, in modo da nella verifica chiaramente, insiemi di dati di alta qualità, è stata storicamente problematica.

La piattaforma è realmente circa la compilazione dell'insieme dei dati chiave dai membri, idealmente su un cittadino e potenzialmente su un livello regionale ed anche facendo uso dei dati e delle statistiche epidemiologici dalle sorgenti della ricerca per combinare un insieme degli indicatori ad un livello nazionale per i paesi, ma anche globalmente attraverso l'osservatorio globale.

Mette a fuoco su tre domini. Uno sta riflettendo le cose come il piano d'azione ed altre politiche interne i paesi potrebbero che quel fuoco su attività specifica di demenza. Il secondo è prestazione di servizi; come la cura ed il supporto ed altri servizi sta prestanda? Quanto efficacemente sta consegnanda alla gente con demenza?

In terzo luogo, raccogliendo informazioni sui progetti di ricerca che accadono in ogni stato membro e dividenti collettivamente questi dati. Tutto e scopo tre i per supportare i paesi nel progresso di misurazione potendo paragonarsi ad altri paesi intorno al mondo.

È una risorsa per aiutare la gente a sviluppare i piani d'azione o la configurazione sulle loro pianificazioni attuali. Possono usare l'osservatorio di demenza come loro prima chiamata per i dati chiave come pure polizze e la ricerca di tasto che sosterranno le decisioni che prendono.

Ci sono corrente circa 21 paese, compreso il Regno Unito, che hanno digitato i dati sul portale di GDO, ma c'è un desiderio affinchè intorno 50 paesi abbia dati digitati da ora alla fine del 2018. Penso che vediamo le tariffe di diagnosi per demenza migliore come componente del lavoro dell'osservatorio.

C'è un considerevole modo andare in termini di coltura ed elaborazione del database, ma è certamente un buon inizio. Abbiamo bisogno di più paesi di contribuire come pure di un fuoco sui dati di sviluppo ed alimentanti di migliore qualità da parte a parte all'osservatorio.

Che atti devono essere ordine contenuto per raggiungere l'obiettivo 2025?

Dobbiamo supportare il minimo ai paesi di reddito medio sviluppiamo le pianificazioni e valutiamo come la collaborazione e l'apprendimento reciproco attraverso i paesi possono essere promossi e supportati.

Ci possono essere modi in cui i gruppi di paesi possono venire insieme e fare collettivamente le cose, o modi in cui quelli che già si sono sviluppati pianificazioni possono istruire altri paesi su come sviluppare le pianificazioni. Penso che ci sia un ruolo per le organizzazioni internazionali come l'internazionale del morbo di Alzheimer per esempio ed il WHO, aiutare adottivo tali collaborazioni.  

In termini di aree che richiedono più fuoco, la riduzione di rischio probabilmente riceve la meno attenzione. Attribuisco questo alla natura intensiva delle risorse di questa area. Ci ora sono una serie di fattori di rischio stabiliti compreso; attività fisica, obesità, dieta difficile, fumando, eccessivo uso di alcool, diabete, ipertensione nella metà della vita, che modificano i nostri fattori di rischio.

Potremmo fare molto più per promuovere e diffondere le informazioni ed il messaggio che approntando le misure contro questi fattori di rischio e fattori di stile di vita, possiamo diminuire il nostro rischio di demenza. Comunicando questo messaggio chiaramente, possiamo aiutare la gente a percepire la demenza come circostanza causata il più comunemente dalle malattie, Alzheimer. Appena come cancro o la malattia di cuore, quelle malattie sono causate da un intervallo dei fattori differenti, qualche modificabile, alcuno genetico.

Se state pensando a queste cose nella metà della vita, quindi cominciate a valutare il vostro rischio che si muove in avanti e da una prospettiva di diagnosi. Poi cominciate a pensare, “voglio conoscere che cosa sta accadendo nel mio cervello nel miei 50s e 60s, per vedere se ho c'è ne degli marchi di garanzia e patologia di malattia nel mio cervello, così poi io comincio capire più circa il mio rischio potenziale mentre ottengo più vecchio.„

Una volta che la gente afferra il concetto che le malattie come Alzheimer possono essere impedite nelle fasi iniziali di vita, cominciate eliminare alcuno del marchio di infamia e del fatalismo che esiste intorno a demenza. Poi, cominciate vedere molto meglio una comprensione e un approccio più a lungo termine e più coerente ad affrontare la demenza e la salubrità del cervello.

Dobbiamo vedere i grandi aumenti nell'investimento e nel finanziamento generale pure. Soltanto quando otteniamo che noi cominci a vedere l'infrastruttura che permetterà lo sviluppo rapido dei trattamenti e dei miglioramenti cambianti di vita nella salubrità e nella cura.

Che cosa è la ricerca Regno Unito di Alzheimer che fa per contribuire a raggiungere l'obiettivo 2025?

La nostra visione è di vedere un mondo esente dal timore, dal danno e dal crepacuore di demenza. A tal fine, siamo una carità biomedica della ricerca quella fuochi su ricerca di finanziamento su quattro aree chiave. Fare più per capire la circostanza è cruciale; ancora non capiamo abbastanza circa che cosa sta accadendo nel cervello o nei meccanismi delle malattie differenti che causano i tipi differenti di demenze.

Investiamo nella ricerca per contribuire a ampliare la nostra comprensione della circostanza ed anche ad investire nella diagnosi. Ciò significa il miglioramento del modo in cui diagnostichiamo le malattie che causano la demenza, attenzione particolare che genera la nuova prova che supporta la diagnosi precoce.

Mettiamo a fuoco su riduzione di rischio, per sviluppare e migliorare la prova della ricerca intorno ai fattori di rischio ed ai modi modificabili diminuire il rischio e, potenzialmente, anche impedire l'avanzamento di demenza. Egualmente facciamo molto per sollevare la consapevolezza dei modi in cui la gente può potenzialmente modificare il loro rischio di sviluppare la demenza.

Egualmente stiamo mettendo a fuoco sui modi efficacemente trattare le malattie che causano la demenza. Vogliamo vedere un futuro dove una diagnosi di demenza apre un intervallo di efficace e le opzioni adattate del trattamento - i trattamenti che non solo migliorano i sintomi quotidiani, ma affrontano le malattie di fondo.

Una delle sfide fondamentali a fare le grandi andature nella demenza è di diminuire il marchio di infamia che circonda la circostanza e di presente la malattia allo stesso modo che il cancro ed altre malattie sono percepiti - come malattie fisiche che possono essere battute con la ricerca.

In termini di iniziative specifiche per raggiungere l'obiettivo, accanto al Consiglio di ricerca medica ed alla società del Alzheimer abbiamo investito collettivamente 250 milione libbre nell'istituto di ricerca BRITANNICO di demenza. Ciò è un istituto con sede in Gran-Bretagna con il suo hub a UCL (University College di Londra), con una serie di centri intorno al Regno Unito.

È messo a fuoco sul rendere al Regno Unito un leader mondiale nella ricerca di demenza, con una chiara missione; per generare conoscenza con scienza di scoperta che infine ci aiuterà a conquistare la demenza.

Recentemente abbiamo investito 30 milione libbre in tre istituti di scoperta della droga, situati a Oxford, Cambridge e UCL nel Regno Unito. Sono messi a fuoco sull'esecuzione della fase iniziale, scoperta ad alto rischio della droga che, storicamente, il pharma aveva investito dentro. Le società di Pharma in gran parte avevano fermato l'investimento in queste prove a causa di una serie di errori di profilo alto ed ora è stato di 15 anni dall'ultimo nuovo trattamento di demenza.

Per combattere questo, abbiamo sviluppato una serie di associazioni con l'industria farmaceutica, che hanno veduto la qualità della scoperta della droga della fase iniziale che stiamo facendo ed abbiamo voluto collaborare per supportare quello. Queste associazioni hanno il potenziale di catturare alcune di queste idee interessanti nella fase di sviluppo clinica.

Un esempio di questo è il consorzio di demenza, che comprende finanziare con il pharma sul lavoro ad alto rischio di scoperta della droga della fase iniziale. Diamo loro l'opzione di lavorare a tutti i progetti interessanti in collaborazione con noi, o indipendente.

Per concludere, siamo egualmente un fondatore e un investitore nel fondo di scoperta di demenza, che è un fondo di investimento di scienze biologiche di £265m, l'impostazione come collaborazione fra il governo BRITANNICO, la ricerca Regno Unito di Alzheimer e sei partner farmaceutici. Successivamente è catturato su una serie di altri investitori, specialmente 50 miliardo dollari stanziati da Bill Gates, come investimento personale, per coltivare la larghezza di lavoro che sta accadendo.

Dove possono i lettori trovare più informazioni?

Circa Dott. Matthew Norton

Il Dott. Matthew Norton ha unito la ricerca Regno Unito di Alzheimer come testa di polizza e degli affari pubblici nel 2013 e inganna lo sviluppo politico e l'impegno del consegnatario.

Ha un PhD nella politica sociale e nell'esperienza in supporto della progettazione e funzionamento della ricerca biomedica e clinica per l'istituto nazionale per la ricerca di salubrità (NIHR).

Matthew egualmente ha lavorato come Consigliere senior di polizza all'unità della strategia del Primo Ministro e prima dell'aggiunta la ricerca Regno Unito di Alzheimer lavorata nella polizza e della ricerca per l'età Regno Unito.

 

Kate Anderton

Written by

Kate Anderton

Kate Anderton is a Biomedical Sciences graduate (B.Sc.) from Lancaster University. She manages the editorial content on News-Medical and carries out interviews with world-renowned medical and life sciences researchers. She also interviews innovative industry leaders who are helping to bring the next generation of medical technologies to market.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Anderton, Kate. (2018, August 23). Il raggiungimento del WHO è piano d'azione globale per demenza. News-Medical. Retrieved on April 02, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20180628/Achieving-the-WHOs-Global-Action-Plan-for-Dementia.aspx.

  • MLA

    Anderton, Kate. "Il raggiungimento del WHO è piano d'azione globale per demenza". News-Medical. 02 April 2020. <https://www.news-medical.net/news/20180628/Achieving-the-WHOs-Global-Action-Plan-for-Dementia.aspx>.

  • Chicago

    Anderton, Kate. "Il raggiungimento del WHO è piano d'azione globale per demenza". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20180628/Achieving-the-WHOs-Global-Action-Plan-for-Dementia.aspx. (accessed April 02, 2020).

  • Harvard

    Anderton, Kate. 2018. Il raggiungimento del WHO è piano d'azione globale per demenza. News-Medical, viewed 02 April 2020, https://www.news-medical.net/news/20180628/Achieving-the-WHOs-Global-Action-Plan-for-Dementia.aspx.