Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le aspettative del paziente da una visita al ER

“Ho dovuto appena conoscere che cosa stava causando il dolore,„ ho detto un paziente. La gente cammina in un pronto soccorso perché qualcosa è sbagliato. Potrebbe essere pericoloso o benigno. Potrebbe causare il danno a lungo termine se trascurato, o può essere fine aspettare fuori i sintomi.

“I nostri obiettivi primari quando vediamo i pazienti nel pronto soccorso sono di valutare se il paziente è in pericolo immediato, di stabilizzare il paziente e poi diagnosticare se possibile. Ma a volte raggiungere questi scopi non è abbastanza per incontrare le aspettative di un paziente,„ ha detto aumentare di Kristin, il MD, Direttore delle transizioni acute di cura ed il professore associato della medicina di emergenza a Jefferson (università di Filadelfia + università di Thomas Jefferson).

Per capire meglio le ragioni per l'insoddisfazione paziente con le visite di ER e per indirizzare se i medici di ER stiano fornendo la cura che soddisfanno le esigenze dei pazienti, il Dott. Rising e colleghi ha impegnato 30 persone che recentemente hanno visualizzato il ER durante le discussioni espandibili del telefono e poi hanno analizzato le loro risposte identificando i temi emergenti. I loro risultati sono stati pubblicati negli annali della medicina di emergenza e possono informare le migliori transizioni di cura.

Sebbene una diagnosi possa contribuire a fornire ai pazienti un programma di strada per quanto riguarda i punti seguenti e le guide legittimino i sintomi che i pazienti stanno sperimentando, la diagnosi non è sempre possibile per verificarsi durante la visita di ER. Invece i pazienti possono essere scaricati con una descrizione dei sintomi che inizialmente hanno riferito e forse un'assicurazione che i sintomi non sono immediatamente pericolosi.

“Per alcuni pazienti, l'assicurazione che non sono in pericolo immediato è abbastanza. Per altri, abbiamo imparato, è più importante capire le cose come come traversare il sistema sanitario per continuare il trattamento diagnostico, ragioni di cercare la cura di ripetizione e quanto tempo i sintomi potrebbero urtare le loro vite,„ ha detto aumentare.

Un partecipante celebre, “ho dovuto sapere per quando incornicila stava impedendomi di passare con la mia routine quotidiana di vita normale.„

I risultati hanno implicazioni per come i medici ed i professionisti di sanità preparano e comunicano le istruzioni di scarico. I pazienti hanno i bisogni e domande concreti da cui può essere indirizzato spesso indipendentemente se una diagnosi è stata fatta. Il lavoro suggerisce che ci sia un'esigenza della più attenzione su come il più efficacemente fornire le istruzioni di scarico ai pazienti per cui una diagnosi definitiva non è stata trovata.

“Abbiamo trovato che di alcuni pazienti, la diagnosi non era la più grande esigenza,„ abbiamo detto aumentare. “Piuttosto hanno voluto sapere alleviare o gestire i loro sintomi, indipendentemente da indipendentemente da fatto che una diagnosi definitiva fosse stata fatta.„