Lo studio indica che nessuna due genti hanno la stessa anatomia del cervello

Come con le impronte digitali, nessuna due genti hanno la stessa anatomia del cervello, uno studio dai ricercatori dell'università di Zurigo hanno indicato. Questa unicità è il risultato di una combinazione di fattori genetici e di diverse esperienze di vita.

L'impronta digitale è unica in ogni persona: Poichè non ci sono due impronte digitali le stesse, hanno stato bene egualmente al metodo di avanzamento di verifica di identità per la polizia, alle autorità dell'immigrazione ed ai produttori dello smartphone. Ma che cosa circa il centralino centrale dentro le nostre teste? È possibile scoprire chi un cervello appartiene da determinate funzionalità anatomiche? Ciò è la domanda posta dal gruppo che lavora con Lutz Jäncke, professore di UZH di neuropsicologia. Negli studi più iniziali, Jäncke già aveva potuto dimostrare che le diverse esperienze e circostanze di vita influenzano l'anatomia del cervello.

Le esperienze fanno il loro segno sul cervello
I musicisti professionisti, giocatori di golf o giocatori di scacchi, per esempio, hanno caratteristiche particolari nelle regioni del cervello che usano il la maggior parte per la loro nell'attività esperta. Tuttavia, gli eventi della durata di scarsità possono anche lasciare le tracce nel cervello: Se, per esempio, il braccio destro è tenuto ancora per due settimane, lo spessore della corteccia del cervello nelle aree responsabili del gestire il braccio vincolato è diminuito. “Abbiamo sospettato che quelle esperienze che hanno un effetto sul cervello interagiscono con il trucco genetico in modo che nel corso degli anni ogni persona sviluppasse un'anatomia completamente determinata del cervello,„ spiega Jäncke.

L'imaging a risonanza magnetica fornisce la base per i calcoli
Per studiare la loro ipotesi, Jäncke ed il suo gruppo di ricerca hanno esaminato i cervelli di quasi 200 genti più anziane in buona salute che usando l'imaging a risonanza magnetica tre volte durante due anni. Oltre 450 funzionalità anatomiche del cervello sono stati valutati, compreso quelle molto generali quali volume totale del cervello, spessore della corteccia e volumi di argomenti grigi e bianchi. Per ciascuna di 191 persone, i ricercatori potevano identificare una combinazione determinata di caratteristiche anatomiche del cervello specifico, con cui l'accuratezza dell'identificazione, anche per le caratteristiche anatomiche del cervello molto generale, era oltre 90 per cento.

Combinazione di circostanze e di genetica
“Con il nostro studio che potevamo confermare che la struttura dei cervelli della gente è molto determinata,„ dice Lutz Jäncke sui risultati. “La combinazione di influenze genetiche e non genetiche pregiudica chiaramente non solo il funzionamento del cervello, ma anche la sua anatomia.„ La sostituzione dei sensori dell'impronta digitale con le scansioni di MRI in futuro è improbabile, tuttavia. MRIs è troppo costoso e che richiede tempo rispetto al metodo provato e semplice di cattura delle impronte digitali.

Progresso in neuroscienza
Un aspetto importante dei risultati dello studio per Jäncke è che riflettono i grandi sviluppi fatti negli ultimi anni nel campo: “Appena 30 anni fa abbiamo pensato che il cervello umano non avesse pochi o diverse caratteristiche. L'identificazione personale con le caratteristiche anatomiche del cervello era inconcepibile.„ Nel frattempo l'imaging a risonanza magnetica ha molto meglio, come fa usare il software per valutare le scansioni di cervello digitalizzate - Jäncke dice che è grazie a questo progresso che ora sappiamo meglio.

Sorgente: http://www.media.uzh.ch/en/Press-Releases/2018/Brain-Anatomy.html

Advertisement