Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova procedura non invadente per riposizionare i calcoli renali ha potuto avvantaggiare gli astronauti

Una nuova, procedura indolore e non invadente che sfrutta la tecnologia di ultrasuono per riposizionare i calcoli renali, in uno sforzo per offrire alla vittima il sollievo rapido, subirà la prova nei pazienti di emergenza.

Lo sviluppo e la valutazione della nuova tecnologia piombo dall'università di Washington e dalla medicina di UW, in collaborazione con altre università ed agenzie.

I calcoli renali sono uno stato sempre più comune che pregiudica 1 in 11 Americano durante la loro vita. La circostanza è ancora di più incontrato frequentemente in astronauti durante le missioni spaziali. La speranza è che la nuova tecnologia potrebbe avvantaggiare gli astronauti come pure i pazienti di Terra-side.

L'approccio sarà provato sopra in pazienti locali ai pronto soccorsi del centro medico del Harborview della medicina di UW e del centro medico dell'università di Washington.

Il finanziamento è stato fornito dal NASA (NASA), gli istituti nazionali dell'istituto nazionale della salubrità del diabete e digestivo e malattie renali ed il dipartimento dell'istituto di ricerca chirurgico della difesa.

Dopo che l'invenzione di un'unità di ultrasuono per individuare meglio i calcoli renali, ingegneri dal laboratorio di fisica applicata all'università di Washington ha osservato che potrebbero riposizionare esattamente i piccoli oggetti con l'ultrasuono su una tabella del laboratorio. Insieme con i partner nell'urologia della scuola di medicina di UW, nella medicina di emergenza e negli instituti della radiologia, i ricercatori hanno continuato ad avanzare la tecnologia ed ad usare le stesse onde da un trasduttore tenuto in mano di ultrasuono per riassegnare i calcoli renali nei test preliminari.

Il lavoro egualmente piombo ad una rotazione fuori dalla società, SonoMotion, che sta funzionando per sviluppare un'unità commerciale per gli stessi scopi del calcolo renale non invadente che riposizionano.

Ogni anno più di 600 persone alle prese con una cura di emergenza di ricerca di episodio del calcolo renale a Harborview ed il centro medico di UW a Seattle.

I calcoli renali diventano sintomatici se entrano nell'apparato urinario, hanno difficoltà passare e sono attaccati dove possono causare il dolore debilitante. Inoltre, l'ostruzione di flusso dell'urina causa un backup. Ciò può provocare il gonfiamento del rene e la limitazione nell'uretere, quindi collocando la fase per l'infezione o avanzare il danno del rene.

Poiché il viaggio nello spazio rende ad astronauti ai i calcoli renali inclini dovuti, in parte per disossare la demineralizzazione da assenza di peso, sono al rischio aumentato.

La base e le pubblicazioni di prova della NASA notano che gli astronauti hanno avuti più di 30 istanze dei calcoli renali in due anni di viaggio nello spazio. L'assistenza medica è una sfida ardua per quelle che orbitano questo pianeta o che si dirigono ad altre destinazioni del sistema solare.

“Per questa prova che proveremo a riposizionare l'ostruzione dei calcoli per i nostri pazienti del pronto soccorso,„ ha detto il Dott. M. Kennedy Corridoio, assistente universitario della medicina di emergenza e ricercatore co-principale dello studio con il Dott. Hunter Wessells, professore e presidenza dell'urologia, entrambe alla scuola di medicina di UW.

“La nostra speranza è che potremo muovere i calcoli nuovamente dentro i reni dei pazienti.„ Corridoio ha detto, “questo potrebbe rendere i nostri pazienti più comodi e permetterli di occuparsi del calcolo renale alle loro condizioni, non alle condizioni del calcolo. Un assegno complementare di riposizionamento dei calcoli renali potenzialmente sta evitando i farmaci di dolore inutili quali gli opioidi per i pazienti scaricati dalla loro emergenza del calcolo renale.„

“Prevediamo potere riposizionare un calcolo acuto per alleviare la pressione sul rene. Ciò avrebbe il vantaggio di alleviamento che soffre come pure l'intervento urologico emergente di prevenzione,„ ha spiegato Wessells.

Il loro gruppo di ricerca clinico verificherà un protocollo che potrebbe essere effettuato sicuro e efficacemente durante la missione spaziale dai radar-risponditore medici a bordo.

Michael Bailey, un ricercatore di ultrasuono al laboratorio di fisica applicata di UW ed uno dei direttori di progetto, sottolineato, “questa tecnologia potrebbe dare a pazienti su terra la capacità immediatamente di ritornare a vita normale (contrariamente ai trattamenti chirurgici o ai tentativi continuati e dolorosi a passare il calcolo). Per gli astronauti nello spazio, questa opzione ha potuto salvare una vita e permettere che gli astronauti completino le responsabilità urgenti di missione senza dovere girare la navetta spaziale intorno - una considerazione significativa.„

Bailey ha citato un incidente occorso dove un cosmonauta russo che è sembrato sperimentare un calcolo renale di didascalia mentre nello spazio.

La squadra di missione stava preparando per il rientro di emergenza quando è sembrato che la sua pietra definitivo passasse.

La resa corrente della tecnologia di spinta del calcolo renale di ultrasuono è stata punzonata il sistema flessibile di ultrasuono, o FUS ed è circa la dimensione di un podio di conferenza sulle ruote. Ha uno schermo incorporato della rappresentazione e un'unità a mano per la consegna delle onde attraverso la superficie dell'organismo.

Se le prove su terra riescono, la NASA probabilmente pianificazione pilotare il sistema di ultrasuono nelle missioni future, compreso le prospezioni umane della durata più lunga di Marte.

Oltre a Corridoio, a Wessells ed a Bailey, il gruppo di ricerca include: DRS. Jonathan Harper e Mathew Sorensen dal dipartimento di urologia e Dott. Martin Gunn dal dipartimento di radiologia, tutti i medici della medicina di UW.

Molti altri compreso il personale e gli studenti al laboratorio di fisica applicata di UW, i ricercatori al centro di ricerca chirurgico di risultati nel dipartimento di chirurgia, l'istituto della medicina di UW delle scienze di traduzione di salubrità, i collaboratori del hub dell'innovazione di UW CoMotion da parecchie altre università, i residenti della medicina di UW e molti altri egualmente stanno contribuendo allo sviluppo tecnologico, alla ricerca, alla prova ed alla valutazione.