La gestione conservatrice dei noduli del subsolid del polmone diminuisce il overtreatment e l'ambulatorio inutile

I noduli di Subsolid (SSN) possono essere considerati un biomarcatore del rischio del cancro polmonare e dovrebbero essere gestiti con sorveglianza attiva a lungo termine. La gestione conservatrice di SSN diminuirà l'ambulatorio e il overtreatment inutili in pazienti con i comorbidities multipli ed il cancro polmonare aggressivo che risultano dai siti del polmone all'infuori dello SSN.

Il cancro polmonare è la causa principale delle morti in relazione con il Cancro nel mondo. Tipicamente, i sintomi del cancro polmonare non compaiono finché la malattia non sia già in una fase avanzata e non curabile. Lo screening dei tumori del polmone tramite tomografia computerizzata della basso dose (LDCT) tiene conto individuazione tempestiva ed il trattamento iniziale del cancro polmonare quindi che diminuiscono le morti in relazione con il Cancro del polmone. Tuttavia, LDCT presenta le sue limitazioni come individuazione delle anomalie che sono noncancerous, richiedenti al paziente di avere prova supplementare come pure diagnosticanti e trattanti le malignità che non avrebbero pregiudicato la speranza di vita del paziente. Overdiagnosis e il overtreatment sono veduti spesso negli adenocarcinomi a crescita lenta del polmone rappresentati da SSN. Purtroppo, la resezione di SSN non ha potuto essere clinicamente vantaggiosa e può provocare il danno cardiopolmonare in pazienti con i comorbidities multipli. Di conseguenza, il trattamento tramite sorveglianza di versi di resezione per SSN persistente rimane discutibile.

Un gruppo di ricercatori europei ha valutato il rischio di morte in relazione con il Cancro del cancro polmonare e del polmone in pazienti con SSN unresected durante quasi 10 anni ed ha analizzato se il cancro è risultato dallo SSN. Lo scopo era di determinare il risultato a lungo termine dei pazienti con SSN unresected nello screening dei tumori del polmone. Nel 2005, la prova italiana multicentrata della selezione (MILD) di rilevazione del polmone ha applicato la sorveglianza attiva per SSN persistente rispetto a resezione iniziale. I risultati di questo studio sono stati basati sui 2.303 pazienti ripartiti con scelta casuale al braccio di LDCT (± di età 58,1 5,9 anni, ± cumulativo di esposizione 43,6 del tabacco gli anni di 21,5 terrapieni) della prova DELICATA della selezione. I pazienti con SSN sono stati selezionati dall'analisi visiva e dalla diagnosi assistita dall'elaboratore (CAD). Tutti gli SSN sono stati classificati nei noduli non solidi (NSN) o nei noduli parziale solidi (PSN) e sono stati misurati tramite la segmentazione semiautomatica volumetrica. Il volume di SSN è stato misurato compreso la componente non solida di tutto (NSN e PSN) e la componente solida (PSN). Il rischio di mortalità globale e di mortalità del cancro polmonare è stato provato dal modello proporzionale di rischi di Cox.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel giornale dell'oncologia toracica, la Gazzetta ufficiale dell'associazione internazionale per lo studio sul cancro polmonare (IASLC). Complessivamente 6.541 nodulo è stato individuato in 55,5% (1,277/2,303) dei pazienti schermati. Facendo uso sia della rappresentazione che del cad che schermano 16,9% dei pazienti (389/2,303) sono stati trovati per avere uno SSN. Trenta cancri polmonari sono stati diagnosticati in 389 pazienti con SSN, riflettente un rischio globale 7,7% di diagnostica con il cancro polmonare in tutto il ± 9,3 1,2 anni di rapporto di rischio e di seguito (HR) di 6,77 (95%CI: 3.39-13.54). Il cancro polmonare che non proviene dallo SSN è stato veduto in 22/30 (73%) dei pazienti con SSN. Il cancro polmonare è comparso dopo un tempo mediano di 52 mesi da rilevazione dello SSN. L'ora per la mortalità Cancro-specifica del polmone era 3,80 (95%CI: 1.24-11.65) per i pazienti con SSN hanno confrontato ai pazienti senza noduli del polmone. Il cancro polmonare in seguito a SSN non non piombo alla morte durante il periodo di seguito in 100% dei pazienti con il cancro polmonare SSN-derivato confrontato a 63,6% per i cancri polmonari non derivati da SSN.

Gli autori commentano che, “in conclusione, la maggior parte degli oggetti con SSN che sono stati diagnosticati con il cancro polmonare nel gruppo DELICATO aveva sviluppato un cancro altrove nei polmoni. I cancri polmonari che sono risultato dallo SSN non hanno rappresentato mai la causa della morte durante il periodo quasi di dieci anni di seguito. Di conseguenza, SSN può essere considerato un biomarcatore del rischio di cancro e dovrebbe essere gestito tramite sorveglianza attiva fino ai segni della crescita della componente solida. Questo approccio diminuirà l'ambulatorio inutile con danno cardiopolmonare negli oggetti con i comorbidities multipli, compreso i cancri polmonari più aggressivi in seguito ai siti del polmone all'infuori dello SSN. Suggeriamo che gli oggetti con SSN potrebbero essere una popolazione bersaglio adatta per le prove farmacologiche di chemoprevention e di fumare-cessazione.„