Le nuove tecniche rivelano come gli utenti della protesi stanno facendo il danneggiamento dei loro arti intatti

I RICERCATORI dall'università di Salford hanno usato le nuove tecniche per indicare che la gente con le armi artificiali e le mani stanno facendo il danneggiamento dei loro arti intatti.

Nel primo studio principale sul suo genere, i ricercatori hanno utilizzato i sensori elettronici per osservare dettagliatamente le attività quotidiane di un gruppo di persone con uno prostetico consegnano il corso di una settimana.

Precedentemente, i clinici hanno contato sui dati dai questionari auto-riferiti compilati dagli utenti della protesi circa come utilizzano i loro arti artificiali, ma questi sono spesso inaffidabili.

La ricerca pubblicata nei rapporti scientifici del giornale può piombo per migliorare i modi di supporto della gente che è stata data gli arti prostetici.

Il leader della squadra Laurence Kenney, professore della ricerca delle tecnologie di ripristino all'università di Salford, ha detto: “Sebbene ampiamente sia stato sospettato che gli utenti della protesi hanno una tendenza a contare sul loro braccio intatto, questo è la prima volta che i dati obiettivi e dettagliati sono stati redatti per confermare questo sono il caso.

“Contare troppo su un arto può piombo per esagerare le lesioni ed i nostri risultati sono coerenti con i rapporti che gli amputati superiori dell'arto sono più probabili avvertire tali problemi.„

Il gruppo di utenti della protesi proveniva da un intervallo delle età e della gente inclusa che erano nate senza mani come pure di coloro che aveva avuto bisogno delle amputazioni.

I sensori elettronici sono stati collocati sulle manopole sia della mano prostetica che della mano intatta per misurare le attività continue oltre i sette giorni.

La tecnica ha dato a ricercatori i dati incredibilmente accurati circa cui stavano utilizzando ciascuna delle loro mani ed i risultati sono stati comparati ad un simile gruppo di 20 persone ad entrambi gli arti intatti.

I ricercatori hanno trovato che tutti utenti della protesi hanno mostrato un ricorso aumentato alla loro mano intatta, sebbene trovassero che coloro che stava utilizzando una mano prostetica per più lungamente non hanno contato sulla mano intatta come molto.

Egualmente hanno esaminato quanto tempo la gente stava indossando le loro mani artificiali durante il giorno - come gli utenti delle protesi a volte scelgono di non indossare le loro unità - ma trovato non c'era relazione fra questa e quanto hanno contato sulla mano intatta.

Per concludere, i ricercatori egualmente hanno invitato i partecipanti nel laboratorio a studiare come gli utenti della protesi eseguiti su un martello pneumatico semplice ed a collocare il compito. I ricercatori hanno trovato che relazione fra le misure della prestazione di compito con il lasso di tempo una protesi non è stata indossata, o il grado di ricorso al braccio intatto.

Il professor Kenney ha detto: “Mentre ulteriore lavoro è necessario, la nostra nuova tecnica permette che i clinici ed i ricercatori capiscano per la prima volta come la gente con gli arti prostetici realmente li utilizza nelle loro vite quotidiane. Questa tecnica può finalmente piombo per migliorare i modi di supporto della gente che è stata data gli arti prostetici.„

Sorgente: https://www.salford.ac.uk