Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: I cervelli delle donne più vulnerabili degli uomini alla lesione dall'abbattimento di calcio

I cervelli delle donne sono molto più vulnerabili degli uomini alla lesione dall'abbattimento ripetuto di calcio, secondo un nuovo studio dai ricercatori all'istituto universitario di Albert Einstein di medicina, parte di Montefiore. Lo studio ha trovato che le regioni di tessuto cerebrale nocivo erano cinque volte più estese in calciatori femminili che in maschi, suggerenti che le linee guida sesso-specifiche potessero essere autorizzate per impedire le lesioni alla testa in relazione con il calcio. I risultati sono stati pubblicati oggi online in radiologia.

“I ricercatori ed i clinici lungamente hanno notato che il prezzo delle donne peggio che segue la lesione alla testa che gli uomini, ma alcuni ha detto che fossero soltanto perché le donne sono più disposte a riferire i sintomi,„ dicessero la guida Michael L. Lipton, M.D., il Ph.D., professore di studio della radiologia e della psichiatria e delle scienze comportamentistiche a Einstein ed a Direttore medico dei servizi di MRI a Montefiore. “Ha basato sul nostro studio, che ha misurato i cambiamenti obiettivi in tessuto cerebrale piuttosto di quanto i sintomi auto-riferiti, donne sembrano più probabile degli uomini soffrire il trauma del cervello dai palloni da calcio dell'abbattimento.„

Circa 30 milione donne e ragazze giocano a calcio universalmente, secondo la federazione internazionale di calcio di associazione, conosciuta come la FIFA, l'organo direttivo internazionale di calcio.

Cambiamenti di misurazione del cervello
Nello studio, il Dott. Lipton ed i suoi colleghi hanno eseguito la rappresentazione del tensore della diffusione (DTI), un modulo di MRI, su 49 calciatori dilettanti maschii e 49 femminili iscritti allo studio di calcio di Einstein. Entrambi i gruppi hanno variato nell'età da 18-50 con un'età media di 26 ed entrambi i gruppi hanno riferito un simile numero degli abbattimenti nel corso dell'anno prima (una media di 487 abbattimenti per gli uomini e di 469 per le donne).

DTI individua la lesione cerebrale sottile misurando la direzione della diffusione dell'acqua nella materia bianca (il tessuto cerebrale profondo che coordina la comunicazione fra le regioni del cervello). Più l'uniforme la diffusione di acqua misurato sulla a zero--u'al disgaggio ha chiamato l'anisotropia (FA) frazionaria; migliore l'integrità microstrutturale del tessuto. L'individuazione della regione del cervello basso FA indica il danno strutturale al cervello.

La valutazione del FA nei cervelli dei giocatori ha indicato che il volume di materia bianca nociva in calciatori delle donne era cinque volte maggior di per i giocatori maschii. Le donne hanno avute otto regioni dove i maggiori livelli di abbattimento sono stati associati con il FA più basso rispetto a soltanto tre regioni negli uomini, lo studio del cervello trovato.

“Il nostro studio è più grande e saldato più uniformemente fra i sessi che qualsiasi studio priore di rappresentazione sul sesso e sul trauma cranico,„ dice l'autore principale Todd G. Rubin, M.S., un M.D. - Studente di Ph.D. nel laboratorio di traduzione di Neuroimaging a Einstein. “I risultati aggiungono all'organismo crescente di prova che gli uomini e le donne esprimono le risposte biologiche distinte al trauma del cervello.„

Possono i giocatori diminuire i rischi?
Appena perché le donne potrebbero essere più sensibili alla lesione alla testa che gli uomini non è conosciuto. I ricercatori speculano che le differenze nella resistenza, nelle ormoni sessuali o nella genetica del collo potrebbero svolgere un ruolo. I cambiamenti nel FA erano infraclinici, significando essi non hanno prodotto i risultati clinici evidenti quale abilità di pensiero alterata. Ma quei cambiamenti di FA sono ancora fonte di preoccupazioni.

“In vari traumi cranici, compreso l'encefalopatia traumatica cronica [una malattia di cervello degenerante trovata in atleti, in veterani militari ed in altri con una cronologia del trauma ripetitivo del cervello], la patologia infraclinica si sviluppa prima che possiamo individuare la lesione cerebrale che pregiudica la funzione,„ diciamo il Dott. Lipton. “Così prima che la disfunzione seria accada, è saggio identificare i fattori di rischio per la lesione di cervello cumulativa; quale l'abbattimento se siete femminile; in moda da potere agire la gente per impedire ulteriore danno e per massimizzare il ripristino.„

Per più di una decade, il Dott. Lipton ha studiato gli effetti del trauma cranico delicato e gli effetti cumulativi della lesione subconcussive ripetitiva sui cervelli degli atleti e dei veterani dilettanti di combattimento. Precedentemente ha trovato che il frequente abbattimento del pallone da calcio è un terreno comunale e una causa sotto-riconosciuta dei sintomi di commozione cerebrale e che la funzione conoscitiva peggiore in calciatori stacca pricipalmente dalla frequente palla che si dirige piuttosto che dagli impatti capi involontari dovuto le collisioni.

Dovrebbero i calciatori smettere di dirigersi? “Abbiamo effettuato parecchi studi che indicano che la maggior parte dei giocatori sembrano tollerare un certo livello di abbattimento,„ diciamo il Dott. Lipton. “Piuttosto che divieto che si dirige complessivamente; quale probabilmente non è realistico; vorremmo ottenere una migliore manopola su cui le intestazioni entreranno a giocatori in difficoltà. Che cosa è importante circa questo studio è che gli uomini e le donne possono avere bisogno di di essere esaminato diversamente.„

Le organizzazioni di calcio possono infine volere adottare le misure preventive come il passo Smart, un programma promosso da baseball di U.S.A. e la Major League Baseball che raccomanda i conteggi del passo ed i periodi di riposo per i giocatori delle età differenti, il Dott. Lipton suggerisce. “I limiti sui conteggi del passo hanno diminuito drammaticamente l'incidenza delle lesioni di sforzo ripetitive dell'arto superiore,„ dice. “Limitare il numero delle intestazioni permesse nel calcio ha potuto avere simili vantaggi nell'impedire le lesioni alla testa. Ma non possiamo raccomandare i numeri specifici a questo punto. Completamente capire il rischio di abbattimento catturerà molto più il lavoro.„