Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo metodo etichetta le protesi del seno con il DNA del pomodoro per evitare la contraffazione

Per anni, una società francese ha venduto le protesi del seno fatte delle componenti industriali economiche del silicone. Le notizie di titolo quando si sono rotte nel 2010, questo scandalo ancora stanno tenendo le corti occupate oggi. Ora, un gruppo di ricerca all'istituto di Fraunhofer per la ricerca applicata pressione i.a. del polimero ha fornito un metodo impedire questo ordinamento della frode. Dà a produttori l'opportunità agli innesti a prova di falsificazione - etichettandoli con il DNA incapsulato del pomodoro.

Con l'affare che va globale, la contraffazione di prodotto si è trasformata in in un problema crescente per i produttori. I consumatori sono al rischio quando i contraffattori fissano le loro viste sui prodotti sensibili quali attrezzatura medica e le droghe. Le falsificazioni sono solitamente inferiori. Possono nuocere seriamente alla salubrità dei pazienti e perfino compromettere le vite, poichè lo scandalo che circonda un produttore francese della protesi del seno va mostrare. La società ha tagliato gli angoli, mescolantesi in siliconi unapproved per tagliare i costi di produzione (più su questo nella casella “come le protesi del seno sono fatte„).

Questo genere di manipolazione illegale è quasi non tracciabile. Cattura le analisi elaborate per individuare tale alterazione. “I contraffattori generalmente comprano le diverse componenti di alta qualità dai fornitori rispettabili e li allungano con il silicone economico, che costa una frazione del materiale premio. I pirati del prodotto girano gli utili enormi,„ dice il Dott. Joachim Storsberg, uno scienziato al Fraunhofer pressione i.a. a Potsdam e un testimone esperto in tribunale riveste concentrato sulle protesi del seno. Un metodo per confermare sia le manipolazioni quantitative che qualitative di una o più componenti sarebbe ideale.

Probabilità zero di pirateria del prodotto

Storsberg ed il suo gruppo - che include il porticciolo Volkert dall'università del Beuth di Berlino di scienze applicate - sviluppate precisamente questo tipo di procedura. Già è stata brevettata. L'idea è di usare le sequenze del DNA poichè indicatori permanenti per identificare positivamente gli innesti. Ciò dà a produttori l'opportunità di etichettare i prodotti con un indicatore a prova di falsificazione e quindi di accrescere la sicurezza paziente. La materia grezza è sicura di sollevare le sopracciglia: il DNA del pomodoro fa l'indicatore perfetto, poichè i vari esperimenti hanno confermato. “Abbiamo isolato il DNA genomico (gDNA) dalle foglie del pomodoro e lo abbiamo incassato nella matrice del silicone. Abbiamo usato i silossani approvati, che sono particelle elementari per i prodotti del silicone, per fabbricare le protesi del seno,„ spieghiamo Storsberg. I ricercatori sono riuscito a dimostrare la stabilità di temperatura del DNA estratto nelle esperienze pilota. Hanno vulcanizzato il gDNA nel silicone ospite a 150 lauree per cinque ore e poi lo hanno verificato con una reazione a catena della polimerasi (PCR), una tecnica per ampliare il DNA e con un'elettroforesi analitica speciale del gel di chiamata di metodo. Il DNA è rimanere stabile e non si è degradato.

“Le protesi del seno si compongono delle componenti; cioè parecchi polimeri di silicone che uniscono con legami atomici incrociati per formare un gel. Il produttore delle componenti ora ha l'opzione dei siliconi della marcatura con la sequenza incapsulata del DNA del pomodoro durante il processo di produzione. Solo conosce il tipo e la concentrazione del DNA usato. Le componenti sono tracciate in primo luogo e poi sono vendute al produttore dell'innesto. Il metodo di PCR può individuare se il produttore allungasse le componenti con i materiali inferiori o usasse una concentrazione più bassa. “Questo funziona tanto come una prova di paternità,„ dice Storsberg. Il vantaggio del DNA del pomodoro è che costa accanto a niente ed è adatto come indicatore a prova di falsificazione per molti a innesti basati a polimero tali innesti della lente.