Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

il naltrexone della Esteso-versione sembra aiutare i pazienti HIV positivi a diminuire bere pesante

naltrexone della Esteso-versione -- un'iniezione che fa diminuire bere pesante nella popolazione in genere quando la congiunzione contenuta con il consiglio -- sembra aiutare le persone HIV positive a diminuire il loro numero dei giorni bere pesanti anche, dice i ricercatori di Yale.

Questo studio è stato pubblicato online il 2 agosto nell'AIDS e nel comportamento.

“Mentre sappiamo che i pazienti con uso pesante dell'alcool sono meno probabili catturare i loro farmaci per il HIV, c'è una scarsità degli interventi che mirano all'uso dell'alcool migliorare come i pazienti catturano i loro farmaci,„ hanno detto Jennifer Edelman, M.D., primo autore e professore associato alla scuola di medicina di Yale. “il naltrexone della Esteso-versione è un farmaco che è sicuro ed efficace per i pazienti che vivono con il HIV che può essere consegnato nelle impostazioni del trattamento del HIV che potrebbero potenzialmente aiutare questo problema.„

Condotto fra aprile 2011 e febbraio 2015, la prova ha fatto partecipare 51 persona HIV positiva che hanno esibito bere pesante e (meno di 95%) l'aderenza suboptimale del antiretroviral. Tutti i partecipanti allo studio hanno ricevuto il consiglio. I ricercatori hanno trovato che il naltrexone della esteso-versione piombo a clinicamente e statisticamente diminuzioni significative nel numero dei giorni beventi pesanti per i partecipanti.

Tuttavia, i ricercatori non hanno veduto effetto apprezzabile del naltrexone della esteso-versione, contro un placebo, sull'aderenza delle persone HIV positive ai loro regimi di terapia del antiretroviral.

“Speriamo che questi risultati stimolino ulteriore ricerca messa a fuoco sul miglioramento dell'accoppiamento degli interventi dell'alcool con gli interventi di aderenza del farmaco del antiretroviral per migliorare sia l'uso dell'alcool che i risultati riferiti HIV,„ abbiamo detto Lynn Fiellin, M.D., autore senior, Direttore del centro di Yale per salubrità e giochi dell'apprendimento e professore associato alla scuola di medicina di Yale.