Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: 11% dei pazienti di IBS-D soffrono da suicida pensando quando il loro stato è cattivo

Undici per cento della sindrome di viscere irritabili con i pazienti di diarrea (IBS-D) rivelano che soffrono da suicida pensando quando il loro stato è cattivo, un nuovo studio hanno trovato.

La ricerca, pubblicata nel giornale di UEG, ha valutato il carico connesso con la sindrome di viscere irritabili con diarrea esaminando 513 pazienti e 679 professionisti di sanità. Un quarto dei pazienti ha riferito che IBS li ferma dal godere della vita e di 11% acconsentiti con l'istruzione; ` quando il mio IBS è cattivo, desidero che sia stato morto'.

IBS è un disordine di viscere funzionale, caratterizzato da dolore addominale e da abitudini alterate delle viscere. La malattia pregiudica 11% degli adulti globalmente, di cui un terzo di di diarrea di esperienza come il sintomo predominante. IBS-D è considerato come un disordine di interazione dell'cervello-intestino e un intervallo degli approcci del trattamento è stato proposto, compreso le modifiche di stile di vita e di dieta, i supplementi della fibra e di probiotics ed i vari farmaci non quotati in borsa e di prescrizione.

Più di un terzo dei pazienti ha riferito che essi preoccupazione del ` costantemente' circa se e quando i loro sintomi di IBS ritorneranno e si in cinque ha specificato che IBS aveva pregiudicato negativamente la loro vita lavorativa. I pazienti egualmente hanno rivelato che, in media, essi passare i 18 giorni per mese che avvertono la fatica o mancanza di energia. La metà dei pazienti ha riferito che avrebbero applicato una terapia quotidiana per il resto della loro vita se impedisse i loro sintomi di IBS (49%) e una volontà del ` provare qualche cosa' migliorare il loro stato (46%).

Malgrado queste statistiche in modo allarmante, l'indagine ha descritto che un terzo dei pazienti di IBS non pensa che i professionisti di sanità catturassero seriamente la malattia e dovrebbe fornire più supporto nella gestione di malattia. Nell'esaminare gli atteggiamenti dei professionisti di sanità verso IBS, i risultati hanno indicato che due terzi hanno acconsentito che i pazienti dovrebbero ritenere ascoltati e di supporto, con la vasta maggioranza che specifica che lo scopo principale della loro cura quando IBS di gestione sta migliorando significativamente qualità di vita dei loro pazienti'.

Il professor Hans Törnblom, autore principale dello studio, osservazioni sui risultati:

IBS può essere estremamente un duro, emozionale e lo stato difficile da vivere con e, oltre a dedicare le risorse per migliorare il carico fisico di IBS, è essenziali che la cura e l'investimento sia preveduta a fornire il supporto psicologico ed emozionale per i pazienti. Ciò dovrebbe venire dai professionisti multi-disciplinati di sanità come pure membri della famiglia, amici e colleghi.„

“La maggior parte delle vittime di IBS non chiede il parere medico per il professor aggiunto Törnblom del loro stato„. “Di quelli che parlano ad un professionista di sanità, è chiaro che ci sono alti livelli dell'insoddisfazione con il livello di cura che corrente ricevono. I professionisti di sanità avvertono un grado di incertezza e la complessità nella gestione i pazienti di IBS e della ricerca indica la necessità per i livelli elevati della comunicazione fra i curante ed i pazienti di facilitare i risultati pazienti migliori.„