Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati scoprono la vulnerabilità chiave della leucemia mista di stirpe

La leucemia di infanzia è una diagnosi a che nessuna famiglia vuole mai resistere. Mentre il trattamento della maggior parte dei tipi di leucemie è migliorato costantemente nel corso degli anni, alcuni tipi specifici rimangono molto difficili da trattare. Uno di questi è chiamato “leucemia mista di stirpe,„ e per i bambini influenzati da questo cancro, la loro possibilità di sopravvivenza è soltanto intorno 50%.

Un gruppo dei ricercatori piombo da Václav Veverka (IOCB Praga, repubblica Ceca), da Zeger Debyser (KU Lovanio, Belgio) e da H. Courtney Hodges (istituto universitario di Baylor di medicina, TX, U.S.A.) recentemente ha scoperto una nuova vulnerabilità importante della leucemia mista di stirpe. I loro risultati, pubblicati in un'edizione recente del giornale PNAS, riferisce che una proteina chiamata LEDGF/p75 è regolamentata da fosforilazione, una modifica molecolare che cambia la carica elettrica della proteina LEDGF/p75.

LEDGF/p75, o “la lente epitelio-ha derivato il fattore di crescita,„ è una proteina che contribuisce alla regolazione genica. Fa così mediante la legatura delle altre proteine ad un segno epigenetico specifico su cromatina. Questa cromatina che lega l'attività è dirottata in due impostazioni importanti di malattia: HIV e leucemia mista di stirpe. Purtroppo, finora piccolo è stato conosciuto circa il regolamento biologico di interazione di LEDGF/p75 ai partner obbligatori, che hanno limitato lo sviluppo di ottimizzazione terapeutica di LEDGF/p75 nella malattia umana.

Dopo un'estesa analisi strutturale, gli scienziati hanno scoperto le funzionalità molecolari cruciali per interazione LEDGF/p75 con i sui partner obbligatori. Con la loro sorpresa, hanno scoperto che questa interazione è raggiunta con un modo obbligatorio strutturalmente conservato comune a tutti partner obbligatori LEDGF/p75. Ciò li ha permessi di identificare le interazioni dirette precedentemente sconosciute fra LEDGF/p75 ed altri fattori regolatori trascrizionali importanti. Questi fattori sono ben noti nel mondo del regolamento del gene ed includono i regolatori importanti quale il complesso del mediatore. I loro risultati dimostrano che LEDGF/p75 partecipa ad una rete molto più grande dei fattori in questione nell'allungamento della trascrizione che che cosa precedentemente è stato riconosciuto. D'importanza, egualmente hanno rivelato per la prima volta che legando fra LEDGF/p75 ed i sui partner di interazione sono modulati forte da fosforilazione da un enzima chiamato chinasi 2. della caseina.

Questa innovazione principale permette che i ricercatori mirino alle interazioni LEDGF/p75, che possono essere usate per sviluppare le assolutamente nuove strategie terapeutiche contro la leucemia mista di stirpe. In una dimostrazione iniziale del proof of concept, il gruppo ha mostrato quell'eliminazione dei siti di fosforilazione in MLL1, uno dell'interazione LEDGF/p75 partners, diminuisce la capacità delle celle leucemiche di rimanere in uno stato del tipo di Cancro. Interessante, questa interazione è necessaria soltanto per cancro e non sembra essere necessaria per la funzione normale dei globuli.

Nei loro studi, i ricercatori hanno trovato che quello inibire la fosforilazione che permette LEDGF/p75 e MLL1 per legare fornisce un itinerario terapeutico nuovo di promessa contro la leucemia mista di stirpe. Poiché questa interazione è specifica a cancro e non è necessaria per la funzione normale, gli studi supplementari in questa area possono contribuire a fornire le terapie più potenti e meno più tossiche del cancro. “La potenza di biologia strutturale è la capacità di prevedere le interazioni molecolari che contribuiscono alla malattia umana,„ Veverka dice. Sulla base della loro scoperta recente, la speranza dei ricercatori i loro risultati aprirà le nuove possibilità per migliorare le probabilità per i giovani pazienti influenzati da questa leucemia aggressiva.