Perché alcuni pazienti con gli indicatori del cervello per Alzheimer non sviluppano mai la circostanza

Un nuovo studio intrigante ha tracciato l'inizio della risposta ad un mistero medico: perché è che qualche gente con gli indicatori classici per il morbo di Alzheimer non mostra mai alcuni segni di demenza durante la loro vita?

Scansione di cervello con le regioni verdi sane e le regioni non sane rosseCredito di immagine: SpeedKingz/Shutterstock

Il morbo di Alzheimer (AD) è il modulo più diffuso di demenza ed ora è stato riferito in più di 5 milione Americani.

In questa circostanza, il cervello si trasforma in in eccedenza con due tipi di proteine; beta proteina dell'amiloide, che forma le placche e proteina tau, che causa le masse dei grovigli neurofibrillary.

Gli studi precedenti hanno dimostrato la presenza di simili placche ed i grovigli sia in gente pazza che non pazza con il cervello del tipo di annuncio cambia ma rivelato che le sinapsi del cervello sono state risparmiate negli ultimi.

Ciò è importante perché le sinapsi sono le intersezioni in cui le fibre nervose realmente scambiano le informazioni.

Se queste proteine interrompono o impediscono questa interferenza di un neurone, i processi conoscitivi quali i trattamenti di pensiero e di memoria soffrono.

La questione chiave seguente era poi che cosa fa la sinapsi di queste persone resilienti capaci di rifiuto dell'associazione disfunzionale dell'amiloide beta e della tau?„

Giulio Taglialatela, Direttore del centro di Mitchell per le malattie di Neurodegenerative

La risposta è stata cercata facendo uso dell'elettroforesi e della spettrometria di massa di alto-capacità di lavorazione per esaminare il tipo di proteina espresso alle sinapsi del tessuto cerebrale congelato.

Il tessuto cerebrale usato è stato donato dalle persone decedute che avevano partecipato agli studi su invecchiamento del cervello ed avevano subito i controlli annuali per valutare la salubrità dei loro sistemi nervosi come pure tutta la cattiva salute psicologica che provengono dalla malattia di cervello, nel corso delle loro vite.

Tre gruppi di partecipanti sono stati identificati; quelli con l'ANNUNCIO, quelli con il cervello del tipo di annuncio cambiano ma nessun sintomi di demenza e quelli senza i cambiamenti del cervello tipici dell'ANNUNCIO.

Lo studio ha mostrato che quella gente di cui i cervelli hanno mostrato il risparmio sinaptico malgrado la presenza di proteine dell'ANNUNCIO ha fatto esprimere un tipo specifico di proteina alle sinapsi, che non è stata veduta negli altri due gruppi.

Questa impronta della proteina è probabile essere la ragione per la quale le sinapsi resistono all'accumulazione delle proteine tossiche, permettendo a queste persone di conservare la funzione conoscitiva normale.

Giulio Taglialatela ha precisato l'importanza di questa individuazione, mentre indicava la direzione della ricerca futura.

L'ammissione che gli scienziati non potrebbero rappresentare questo livello di protezione dai meccanismi biologici conosciuti, disse, “che capiscono dei tali trattamenti biologici protettivi potrebbe rivelare i nuovi obiettivi per sviluppare i trattamenti di efficace Alzheimer.„

Lo studio recentemente è stato pubblicato nel giornale del morbo di Alzheimer ed è stato effettuato da Taglialatela e da altri ricercatori al ramo medico dell'università del Texas a Galveston.

Sorgente:

https://www.utmb.edu/newsroom/article11851.aspx

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, June 19). Perché alcuni pazienti con gli indicatori del cervello per Alzheimer non sviluppano mai la circostanza. News-Medical. Retrieved on October 23, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20180817/Why-patients-with-brain-markers-for-Alzheimers-never-develop-the-condition.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Perché alcuni pazienti con gli indicatori del cervello per Alzheimer non sviluppano mai la circostanza". News-Medical. 23 October 2019. <https://www.news-medical.net/news/20180817/Why-patients-with-brain-markers-for-Alzheimers-never-develop-the-condition.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Perché alcuni pazienti con gli indicatori del cervello per Alzheimer non sviluppano mai la circostanza". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20180817/Why-patients-with-brain-markers-for-Alzheimers-never-develop-the-condition.aspx. (accessed October 23, 2019).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Perché alcuni pazienti con gli indicatori del cervello per Alzheimer non sviluppano mai la circostanza. News-Medical, viewed 23 October 2019, https://www.news-medical.net/news/20180817/Why-patients-with-brain-markers-for-Alzheimers-never-develop-the-condition.aspx.