Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le aree con alta densità degli sbocchi dell'alcool hanno più tariffe di ricovero ospedaliero

Le aree con un'alta densità degli sbocchi dell'alcool hanno più alte tariffe in relazione con la bevanda di ricovero ospedaliero, un nuovo studio dall'università di Sheffield ha trovato.

Gli studi, intrapresi dai ricercatori dal banco dell'università di salubrità e della ricerca riferita (ScHARR), hanno rivelato che i posti in Inghilterra con la maggior parte di pub, di barre e dei night-club hanno avuti una tariffa di ammissione più d'altezza di 13 per cento per le circostanze acute causate dall'alcool come ubriachezza e vomito.

Queste aree egualmente hanno avute una tariffa più d'altezza di 22 per cento di ricovero ospedaliero per le circostanze croniche causate dall'alcool - quale l'affezione epatica, rispetto ai posti con la densità più bassa dei venditori dell'alcool.

La ricerca, costituita un fondo per tramite ricerca Regno Unito dell'alcool, analizzata entrambi gli sbocchi di su commercio - dove l'alcool può essere comprato e consumato sui locali quali i pub, i club ed i ristoranti - come pure sbocchi di fuori commercio - dove l'alcool è approvvigionato per bere altrove, come i supermercati ed i negozi di alimentari.

Lo studio, che è il più grande del suo mondiale gentile, ha esaminato interamente i dati su più di un milione di ammissioni attribuibili all'alcool in 12 anni. Ha compreso tutte e 32.482 le aree di censimento in Inghilterra.
I risultati anche indicati:

  • I posti con il più ad alta densità dei ristoranti conceduti una licenza a per vendere l'alcool hanno avuti le tariffe di ammissione più d'altezza di nove per cento per i termini acuti e tariffe di ammissione più d'altezza di nove per cento per i termini cronici causati dall'alcool.
  • Le aree con il più ad alta densità di altri sbocchi di su commercio (quali gli hotel, i casinò e le società polisportive) hanno avute le tariffe di ammissione più d'altezza di 12 per cento per i termini acuti e tariffe di ammissione più d'altezza di 19 per cento per i termini cronici causati dall'alcool, rispetto alle aree con la densità più bassa di altri sbocchi di su commercio.
  • I posti con il più ad alta densità dei negozi di alimentari hanno avuti le tariffe di ammissione più d'altezza di 10 per cento per i termini acuti e tariffe di ammissione più d'altezza di sette per cento per i termini cronici rispetto alle aree con la densità più bassa dei negozi di alimentari.

Ravi Maheswaran, professore dell'epidemiologia e della salute pubblica all'università di Sheffield, ha detto: “Il più forte collegamento era fra i pub, barre e night-club ed ammissioni per l'epatopatia alcolica.

“Egualmente abbiamo osservato un'associazione fra i ristoranti conceduta una licenza a per vendere l'alcool ed i ricoveri ospedalieri, che non avevamo preveduto. Ciò ha bisogno dell'indagine successiva di stabilire se c'è un nesso causale.

“Mentre i negozi di alimentari sono stati associati chiaramente con i ricoveri ospedalieri, l'associazione per i supermercati era modesta, avevamo preveduto. I supermercati rappresentano una proporzione significativa di vendite dell'alcool, comunque tendono a servire i grandi bacini di raccolta mentre il nostro studio è stato installato per esaminare gli effetti di densità dello sbocco nelle piccole aree locali.„

La densità dello sbocco è stata misurata come il numero dei punti di vendita dell'alcool all'interno di un raggio di 1km del centro di ogni codice postale residenziale in Inghilterra. Ciò è stata classificata in quattro categorie, variando dal più in basso al più su e nel regolato dell'analisi per altri fattori in grado di influenzare le associazioni, compreso le differenze di età, la privazione socioeconomica e le polizze di ricovero ospedaliero nelle aree differenti.

Il professor Maheswaran ha aggiunto: “Sebbene abbiamo osservato le chiare associazioni fra le densità dello sbocco dell'alcool ed i ricoveri ospedalieri, il nostro studio non può confermare se queste associazioni causale sono collegate.
“Tuttavia, c'è prova emergente da altri studi che suggeriscono che l'applicazione dell'autorizzazione del locale potrebbe diminuire in relazione con l'alcool noccia a.„

La ricerca è stata costituita un fondo per tramite la ricerca Regno Unito, un funzionamento indipendente dell'alcool della carità per diminuire il danno in relazione con l'alcool through assicurando la polizza e la pratica può essere sviluppata in base aa prova affidabile e basata a ricerca.

Il Dott. James Nicholls, direttore di ricerca e sviluppo politico all'alcool ricerca il Regno Unito ha detto: “Capire la relazione fra densità dello sbocco ed i ricoveri ospedalieri dell'alcool è essenziale a diminuire il danno. Le autorità che rilascia le licenze locali, in particolare, devono scomporre questi informazioni in fattori nelle loro decisioni.

“Sentiamo spesso che nessuno sbocco determinato può essere giudicato responsabile dei ricoveri ospedalieri aumentati ed a causa di questo i gruppi d'autorizzazione non possono pianificazione su quella base. Tuttavia, questo studio aggiunge il peso all'argomento di che concedere una licenza ha bisogno anche per pensare al livello globale di disponibilità in un'area data.

“Come la prova sulla relazione fra disponibilità e danno diventano più forti, quelli incaricati con la regolamentazione della necessità del mercato di rispondere.„

Il lavoro precedente dall'università di ricercatori di Sheffield hanno mostrato un vasto aumento nel numero degli sbocchi di fuori commercio, quali i negozi di alimentari ed i supermercati che vendono l'alcool. La quantità di negozi di alimentari che vendono alcool più di quanto raddoppiato dal 2003 al 2013, con un aumento di 104 per cento. Il numero dei supermercati che vendono l'alcool egualmente ha aumentato di 33 per cento.