La variabilità nel modo che i neuroni rispondono agli stimoli visivi non è appena disturbo, trova la ricerca

Dia un'occhiata alla vostra tazza preferita; probabilmente guarda lo stessi come abbia sempre, ma i vostri neuroni non possono pensare così. I neuroni stanno infornando in risposta agli stimoli che visivi vedono ma non infornano esattamente nello stesso modo ogni volta.

I ricercatori all'istituto universitario di Baylor di medicina hanno voluto conoscere il significato di quella variabilità e se le parti di quella variabilità potrebbero essere dovuto i cambiamenti nel fuoco di una persona dell'attenzione.

“Per esempio, i neuroni possono rispondere un modo quando esaminate la tazza e pensate a bere il caffè, ma un altro modo quando pensate al lavoro che il caffè stia andando contribuire ad ottenervi da parte a parte. Non abbiamo una buona comprensione di come l'attività neurale cambia quando la vostra attenzione è concentrata su un oggetto o quando la vostra attenzione è spaccata,„ ha detto George Denfield, ora uno studente di medicina quarto anno nel programma di formazione dello scienziato medico che si è preparato nel laboratorio del Dott. Andreas Tolias a Baylor. “Uno dei presupposti principali è che il cervello è solo gentile di rumoroso e che c'è casuale le funzionalità ai neuroni di modo rispondono basato sulla loro fisiologia. Un così certo genere della gente di gesso questa variabilità fino ad irregolarità.„

Tuttavia, in uno studio recente pubblicato nelle comunicazioni della natura, Denfield, un autore principale dello studio ed i suoi colleghi hanno trovato la prova che la variabilità non è appena disturbo. Può essere attribuita alle fluttuazioni nei segnali internamente generati come l'attenzione, di modo che la più sua attenzione è spaccata, “il più rumoroso„ le risposte di un neurone sembra provenire dall'esterno.

Lo studio ha fatto partecipare i primati non umani formati per impegnarsi nelle mansioni semplici. Fisserebbero ad un video che ha mostrato due reticoli nella loro visione periferica ed è stato inserito per prestare attenzione ad un reticolo per volta o ad entrambi, analogo del paragonare un cervello messo a fuoco ad un cervello a funzioni multiple.

I reticoli cambierebbero a caso ma le scimmie sono state preparate per cercare un'immagine particolare. Quando hanno veduto quell'immagine muoverebbero i loro occhi per mettere a fuoco su. I ricercatori potevano tenere la carreggiata i movimenti di occhio mentre però registrando l'attività di cervello.

“Così piuttosto che il disturbo, la variabilità riflette i cambiamenti importanti nel cervello che sono pertinenti al comportamento che una persona sta impegnandosi in, come il loro stato cambiante di attenzione,„ Denfield ha detto. “Mentre siamo stati messi a fuoco su soltanto un'area del cervello, in corteccia visiva e soltanto su un certo numero di neuroni, crediamo che questi risultati ci indichino che c'è un avvenimento trattato importante che potremmo potere sfruttare per imparare qualcosa di più circa come il nostri lavoro e fuoco di cervelli.„

Così che cosa è seguente? Denfield ha detto che questo è appena l'inizio.

“Poichè continuiamo il nostro lavoro e ci espandiamo alle aree differenti del cervello, questi risultati potrebbero avere implicazioni nel tenere la carreggiata gli stati attentional e nella comprensione come le popolazioni di un neurone stanno lavorando insieme attraverso il cervello per aiutarci a mettere a fuoco sulle funzionalità importanti nel nostro ambiente.„

I modelli statistici hanno potuto l'un giorno caratterizzare i cambiamenti in tempo reale in qualcuno l'attenzione, potenzialmente creante gli strumenti diagnostici per quelle che vivono con le emissioni neurologiche quali autismo o disturbo da deficit di attenzione.