Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova le tracce di marijuana in latte materno fino a sei posi-utilizzazione dei giorni

Con la legalizzazione di marijuana in parecchi stati, l'uso aumentato per sia gli scopi medicinali che ricreativi è stato documentato nelle donne di allattamento al seno ed incinte. Sebbene nazionale le organizzazioni come l'accademia americana della pediatria raccomandino che le madri d'allattamento al seno non usino la marijuana, non c' è stato una mancanza di dati specifici per supportare la salubrità o le preoccupazioni neurodevelopmental in infanti come conseguenza dell'esposizione al tetrahydrocannabinol (THC) o altre componenti di marijuana via latte materno.

Per meglio capire quanti marijuana o composti costituenti realmente entrano in latte materno e quanto tempo rimane, i ricercatori alla scuola di medicina di San Diego dell'università di California ha intrapreso gli studi, pubblicanti il 27 agosto online nella pediatria.

Cinquantaquattro campioni da 50 donne che hanno usato la marijuana o quotidiana, settimanale o sporadicamente -; con inalazione che è il metodo primario di assunzione --; sono stati esaminati. I ricercatori hanno individuato THC, la componente psicoattiva primaria di marijuana, in 63 per cento dei campioni del latte materno per i fino a sei giorni dopo che l'uso l'ultima volta riferito della madre.

“I pediatri sono messi spesso in una situazione provocatoria quando una madre di allattamento al seno chiede notizie sulla sicurezza di uso della marijuana. Non abbiamo forti, dati pubblicati per supportare il consiglio contro uso di marijuana mentre allattiamo e se le donne ritengono devono scegliere, noi corrono il rischio loro che decidono di smettere di allattare -; qualcosa che sappiamo è enorme utile per sia la mamma che bambino,„ ha detto le camere di Christina, il PhD, il MPH, il ricercatore principale dello studio, professore nel dipartimento della pediatria alla scuola di medicina di Uc San Diego e Direttore della ricerca clinica al Ospedale-San Diego dei bambini di Rady.

L'organizzazione mondiale della sanità raccomanda l'allattamento al seno esclusivo per fino a sei mesi. L'allattamento al seno iniziale è associato con un rischio diminuito di obesità, di asma e di morte in culla e con salubrità e la prestazione immuni migliori sulle prove di intelligenza. In madri, allattanti è stato associato con i rischi più bassi per il petto e cancro e diabete di tipo 2 uterini.

Cannabinoidi -; i composti attivi della marijuana, quale THC -; come per legare alle molecole grasse, che sono abbondanti in latte materno. Questa viscosità ha suggerito che, in donne che usano la marijuana, questi composti potessero finire in latte materno, sollevante interessasse circa i loro effetti potenziali sui bambini di professione d'infermiera.

“Abbiamo trovato che la quantità di THC che l'infante potrebbe potenzialmente ingerire da latte materno era relativamente bassa, ma ancora non conosciamo abbastanza circa la droga per dire indipendentemente da fatto che c'è una preoccupazione per l'infante a tutta la dose, o se c'è un livello di dose sicuro,„ ha detto le camere, co-direttore del centro per i migliori inizi a Uc San Diego. “Gli ingredienti nei prodotti della marijuana che sono oggi disponibile sono probabilmente molto più potenti dei prodotti i 20 o 30 anni disponibili fa.„

I campioni di latte materno usati per lo studio sono stati ottenuti dalle madri che hanno unito la ricerca umana Biorepository del latte del latte della mamma a Uc San Diego, un programma quel mette a fuoco sull'esame dei vantaggi numerosi di latte materno al livello molecolare. Le camere ed il suo gruppo di ricerca hanno collaborato con il banco di Skaggs della farmacia e delle scienze farmaceutiche a Uc San Diego per misurare i livelli di marijuana nei campioni.

Le camere hanno detto che i risultati sono una pietra facente un passo per la ricerca futura. Più studi devono essere fatti, non solo per determinare l'impatto a lungo termine di marijuana in latte materno per i bambini, ma più specificamente: “C'è delle differenze negli effetti di marijuana in latte materno per un di due mesi contro un di 12 mesi ed è differente se la madre fuma contro mangia la cannabis? Queste sono zone critiche dove abbiamo bisogno delle risposte mentre continuiamo a promuovere il latte materno come il premio in nutrizione per gli infanti.„