Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I supplementi dell'olio di pesce non diminuiscono il rischio di eventi cardiovascolari in pazienti con il diabete

I supplementi dell'olio di pesce non impediscono gli attacchi di cuore o i colpi in pazienti con il diabete, secondo i risultati di rottura recenti la prova di ASCENSIONE presentata oggi in una sessione del hot line al congresso di ESC 2018 e pubblicata in New England Journal di medicina.

Negli studi d'osservazione, il più alto consumo di pesce è associato con i rischi più bassi di coronaropatia e di colpo. Tuttavia, le prove ripartite con scelta casuale precedenti non hanno potute mostrare che quello che cattura i supplementi dell'olio di pesce che contengono gli acidi grassi omega-3 diminuisca il rischio di avere eventi cardiovascolari.

La prova di ASCENSIONE (uno studio sugli eventi cardiovascolari in diabete) esaminata se i supplementi dell'olio di pesce diminuiscono il rischio di evento cardiovascolare in pazienti con il diabete. Fra 2005 e 2011, 15.480 pazienti con il diabete ma nessuna cronologia della malattia cardiovascolare sono stati definiti a caso al completamento dell'olio di pesce (1 quotidiano di g) o al placebo di corrispondenza.

Il risultato primario di efficacia era in primo luogo evento vascolare serio, che attacchi di cuore non fatali inclusi, colpi non fatali o attacchi ischemici transitori (a volte chiamati “mini-colpi„), o morti da una causa cardiovascolare (ma dall'esclusione della qualsiasi emorragia intracranica; cioè spurgo nella testa o nel cervello).3

Durante la media di 7,4 anni di seguito, un primo evento vascolare serio si è presentato in 689 (supplementi assegnati 8,9%) partecipanti dell'olio di pesce e 712 (9,2%) partecipanti hanno assegnato il placebo. Non c'era differenza significativa fra i due gruppi: un rischio relativo di 0,97 (intervallo di confidenza 0.87-1.08, p=0.55 di 95%).

Il Dott. Louise Bowman, ricercatore principale, dipartimento di Nuffield di salubrità della popolazione, università di Oxford, Regno Unito, ha detto: “Il nostro grande, prova ripartita con scelta casuale di lungo termine indica che i supplementi dell'olio di pesce non diminuiscono il rischio di eventi cardiovascolari in pazienti con il diabete. Ciò è un'individuazione deludente, ma è in conformità con le prove ripartite con scelta casuale precedenti in altri tipi di pazienti al rischio aumentato di eventi cardiovascolari che egualmente non hanno mostrato vantaggio dei supplementi dell'olio di pesce. Non c'è giustificazione affinchè i supplementi di raccomandazione dell'olio di pesce protegga dagli eventi cardiovascolari.„

Sorgente: https://www.escardio.org/The-ESC/Press-Office/Press-releases/Fish-oils-do-not-prevent-heart-attack-or-strokes-in-people-with-diabetes