Cancellare il programma del perdono di prestito di servizio pubblico ha potuto minacciare la mano d'opera medica

Cancellare il programma 2007 ha potuto peggiorare il debito educativo in America e minacciare la mano d'opera medica

Con il debito di prestito della facoltà di medicina che è in media $200.000, molti medici perseguono il programma del perdono di prestito di servizio pubblico che elimina i prestiti federali dello studente dopo 10 anni di servizio nel settore pubblico. Ma il destino del programma appende nel bilanciamento, poichè i funzionari di governo segnalano un desiderio di cessarlo, lasciante i medici in un'incertezza prolungata che è inutile ed ingiusta, esperti in criterio di integrità dalla scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania ed altri tre istituti ospedalieri discutono in un nuovo commento pubblicato negli annali di medicina interna.

“Ci sono ragioni giustificabili di supportare il programma ed anche ragioni giustificabili di cambiarlo,„ l'autore David senior A. Asch, MD, un professore di medicina e l'etica e criterio di integrità medici e direttore esecutivo del centro di Penn per l'innovazione di sanità ed i suoi colleghi hanno scritto. “Ma non ci sono ragioni giustificabili di tenere i neo-laureati nel suspense.„

Il programma, che ha cominciato nel 2007 sotto Presidente George W. Bush, perdona il debito federale restante per i mutuatari che hanno fatto 120 pagamenti o il valore di 10 anni dei rimborsi di prestito mentre impiegati alle istituzioni senza scopo di lucro o pubbliche. Quelle circostanze sono particolarmente favorevoli per i medici, come la maggior parte cominciano le loro carriere nei programmi della residenza - che contano verso gli anni di rimborso - ai centri medici o agli ospedali senza scopo di lucro e spesso continuano in quella collocazione in seguito. Secondo gli autori, un terzo di 2017 laureati che hanno preso in prestito la moneta affinchè la pianificazione di rapporto della facoltà di medicina usino il programma.

Recentemente, il programma è stato minacciato per l'eliminazione tramite il congresso e l'amministrazione di Trump, con poco orientamento circa il destino dei mutuatari correnti.

Una Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti la proposta rende i mutuatari dopo il 1° luglio 2019 ineleggibili per il programma - e lascia poco chiaro se i mutuatari che perseguono i prestiti federali prima di quel tempo saranno autorizzati dentro. Ulteriore muddying le acque, il dipartimento di educazione ha invertito con effetto retroattivo le certificazioni per alcuni avvocati che lavorano nelle istituzioni senza scopo di lucro ed ha indicato che le certificazioni ora sono temporanee e conforme ad approvazione definitiva da loro.

È che cosa gli autori chiamano “un'incertezza inutile„ che merita la chiarezza e le decisioni rapide. “I medici sono formati per trattare l'incertezza ma quella non scusa lasciare i nuovi medici che affrontano le incertezze che possono essere facilmente risolte,„ essi ha scritto. “Proprio mentre consideriamo i nuovi approcci verso addestramento di finanziamento per il servizio pubblico, dovremmo insistere su chiarezza per coloro che già la ha perseguita.„

Il programma non è senza sui problemi, compreso le emissioni quali i preventivi di spesa insufficienti.

Mentre potrebbe aiutare il problema di montaggio del debito educativo in America, i progettisti del programma possono ritenere di più ai maestri di scuola pubblici meno pagati e non anticipare quanti più alti medici pagati sarebbero ammissibili e come gli anni lunghi di addestramento aumenterebbero la proporzione di debito del medico alleviata dal programma. “Ha strutturato per incoraggiare i mutuatari a minimizzare il rimborso di prestito corrente per massimizzare il perdono finale di prestito,„ dice Asch. “Che è una strategia che potrebbe risolvere bene per i medici ed altri mutuatari,„ ha aggiunto, “ma è egualmente un uno rischioso; uno che potrebbe piombo i giovani medici accumulare ancor più debito mentre ritardano ripagare i prestiti.„

I medici che perseguono le più alte specialità dell'utile con addestramento in genere più lungo, quale la neurochirurgia, egualmente finiscono responsabile di di meno del loro rimborso di debito che i medici che perseguono le specialità più basse dell'utile con addestramento in genere più breve, quale la medicina di famiglia. “Che probabilmente non era una conseguenza progettata della struttura del programma, ma è tuttavia un risultato perverso, dato le scarsità riconosciute e paga relativamente bassa nei campi di pronto intervento confrontati ai subspecialties,„ dice Justin Grischkan, MD, l'autore principale dello studio e un medico residente nella medicina interna al policlinico di Massachusetts a Boston.

Eppure, cancellare il programma, piuttosto che fissandolo, non solo peggiorerebbe il debito educativo, può anche impedire alla gente di entrare nella mano d'opera medica. “I medici che pianificazione usare il programma sono più probabili laurearsi con il più alto debito, ricevere meno supporto di borsa e venire dagli ambiti di provenienza con reddito parentale più basso„ Grischkan dice. Mentre gli studenti di medicina vengono dagli ambiti di provenienza con reddito elevato che possono supportare la loro formazione senza debito (quasi un terzo dei laureati), il debito globale più ulteriormente è concentrato fra quelli con la maggior parte del bisogno, gli autori hanno detto.

“Un grado medico è sempre più fuori mano di molti che potrebbero contribuire che ad una mano d'opera più rispondente ai diversi bisogni nazionali,„ gli autori ha scritto. La cessazione del quel programma “può eliminare un contributo finanziario critico agli interessi nazionali.„

Il preventivo degli autori ha annualizzato i costi per il programma a circa $1 miliardo per formazione medica del medico. La cessazione potrebbe riorientare che $1 miliardo più efficientemente verso gli scopi della mano d'opera di sanità, ma è più plausibili che quei fondi sarebbero andato altrove, essi ha detto. “Un programma difettoso può essere migliore di neanche uno.„

Sorgente: https://www.pennmedicine.org/