Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano le migliori opzioni per trattare la malattia periferica dell'arteria

Cristina Sabliov, Tammy e professore di tecnica agraria e biologica di LSU Dugas, professore nel banco di LSU dell'instituto della medicina veterinaria delle scienze biomediche comparative, hanno unito le forze per combattere la malattia periferica dell'arteria, o il CUSCINETTO, un disturbo che pregiudica 8 milione Americani.

I ringraziamenti ad un Consiglio di $200.495 Luisiana dei reggenti accordano e concessione $50.000 LIFT2, il paio sta sviluppando un trattamento alternativo per il CUSCINETTO facendo uso di un delivery system di nanoparticella e dei polifenoli non tossici che daranno meglio le opzioni dei pazienti per il trattamento del CUSCINETTO con possibilmente meno effetti secondari. I processi attuali per il trattamento del CUSCINETTO, un problema circolatorio in cui ha limitato le arterie riducono il flusso sanguigno agli arti, possono avere effetti secondari duri e sempre non hanno un impatto reale sul miglioramento dei sui sintomi.

Volere sviluppare un trattamento inoffensivo e più efficace, Dugas ha scoperto due droghe per trattare il CUSCINETTO--resveratrol e quercetina. Entrambi sono trovati in vino rosso, hanno effetti benefici sulle celle all'interno delle arterie e promuovono la guarigione della parete dell'imbarcazione, presumibilmente senza gli effetti secondari indesiderati connessi con altre droghe utilizzate nelle terapie del CUSCINETTO. Lo scopo di Sabliov e di Dugas nel trattamento del CUSCINETTO è di usare le droghe che non distruggono le celle ma piuttosto di tenerle dalla coltura e dalla limitazione dell'arteria senza l'uso di uno stent.

“Il Dott. Dugas ha scoperto che queste due droghe in associazione hanno funzionato bene per quello scopo,„ Sabliov ha detto. “Ha trovato la pozione giusta, ma ha voluto le droghe rilasciate col passare del tempo e per quello, ha avuto bisogno di un delivery system astuto.„

Sapendo dell'esperienza di Sabliov che lavora alla nano-consegna, Dugas gli ha chiesto di creare una nanoparticella che contiene entrambe le droghe per servire da quel delivery system.

“Potere fare quello, il professor di aiuto Carlos Astete ed io stesso della ricerca ha caricato queste droghe in una nanoparticella,„ Sabliov ha detto. “Le nanoparticelle sono realmente, realmente piccolo--soltanto 100-200 nanometri (nm). In confronto, i capelli sono densamente 70.000 nanometro.„

Il modo in cui la droga sarebbe amministrata è simile ad angioplastia, dove corrente, medici inseriscono un pallone droga rivestito, o al DCB, allegato ad un catetere nell'imbarcazione limitata e gonfia il pallone per espandere il vaso sanguigno e per migliorare il flusso sanguigno. Il pallone rilascia una droga chiamata paclitaxel per rallentare la crescita delle celle sulle pareti dell'imbarcazione dove applicato. Il problema con questo è quel paclitaxel, che egualmente è usato come agente della chemioterapia del cancro al seno dovuto la sua capacità di rallentare la crescita delle cellule tumorali, può realmente diminuire la guarigione adeguata dell'imbarcazione. Gli Stents che sono in genere applicati all'interno delle arterie del cuore sono relativamente inefficaci in CUSCINETTO ed a volte sono associati con un rischio di rottura, specialmente una volta collocati dove il cosciotto piega.

“Ci sono posti in cui lo stent non è adatto,„ Sabliov hanno detto. “Non potete avere uno stent nella parte del cosciotto che piega. Volete che arteria restare aperto, ma senza lo stent, in modo da che cosa fate? Con queste nuove droghe, fermano le celle dell'arteria dalla crescita indietro e dal causare l'arteria ari-stretto.„

Sabliov e Dugas svilupperanno una terapia del DCB in cui i composti del vino rosso sono polverizzati uniformemente sull'esterno del pallone in un modulo di nanoparticella che eventualmente aderirà alle pareti dell'imbarcazione, rilascerà la droga ed impedirà alle celle di diventare lo stretto l'imbarcazione e limiterà il flusso sanguigno. Di conseguenza, uno stent non dovrebbe essere necessario una volta che il pallone è eliminato.

“L'intera procedura richiede soltanto alcuni minuti, in modo da dobbiamo assicurarci che le particelle siano rilasciate molto rapidamente dal pallone,„ Sabliov ha detto.

Comunque l'idea sonda infallibile, il diavolo è in dettaglio.

“Abbiamo alcune sfide perché, il numero uno, voi vuole le droghe rilasciate col passare del tempo,„ Sabliov abbiamo detto. “Ed il numero due, i due prodotti chimici differenti deve essere nel rapporto ottimale che [Dugas] trova gli impianti la cosa migliore.„

Alcuni obiettivi del progetto erano affinchè la particella siano di meno di 300 nanometro, sferico, per avere una carica positiva e per rilasciare la droga caricata al rapporto molare di 1:2 (quercetina: resveratrol) durante 14 giorni.

“Se hanno una carica positiva, quindi fissano rapidamente alle celle,„ Sabliov ha detto. “Il rapporto deve essere 1:2 perché quella è la pozione magica che renderà le droghe efficaci. Non abbiamo voluto le droghe uccidere le celle. Le abbiamo volute appena impedire alle celle di crescere indietro.„

Convincere le particelle per essere della dimensione identica fa parte egualmente della pianificazione. Se le particelle sono della dimensione variante, pregiudicherà il tempo della versione. Una volta che questo è risolto, il punto seguente sta mettendo le particelle sul pallone. Il metodo del rivestimento è fatto con un electrospray che utilizza una siringa riempita di particelle droga rivestite. Mentre il pallone gonfiato gira sui bastoncini, la siringa polverizza e riguarda tutti i lati del pallone all'interno di un aspetto dei minuti.

“Se catturate il pallone ed appena lo immergete nella soluzione di nanoparticella, non funziona,„ Sabliov ha detto. “Vogliamo la copertura costante della particella del pallone. Dobbiamo appena ottimizzarlo--quanto tempo polverizzate, da fin dove, quanto il pallone gira rapidamente, ecc.„

Il progetto è fissato per essere completato da ora al 2019, con le speranze che sarà usato per curare sia gli animali che gli esseri umani in futuro.

Egualmente recentemente è stato pubblicato nel giornale della ricerca biomedica dei materiali, con Sabliov che dà credito al suo gruppo di ricerca di Astete; fabbricante di birra di Gabrielle degli studenti universitari, Madison Longwell, Taylor Fradella e Jacob Braun; e socio di ricerca Merilyn Jennings.

“Li ho inviati con la posta elettronica appena per lasciarli conoscerci sono stato pubblicato,„ ha detto. “Quando lavorate a qualcosa per tanti anni e definitivo pubblica, è un gran cosa per tutti noi. Sono così fiero di loro.„