Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Stigmatizzando le visualizzazioni, le percezioni false circa la psoriasi continuano a persistere fra la gente negli Stati Uniti.

Il marchio di infamia connesso con la psoriasi di malattia autoimmune può piombo la gente evitare i pazienti che danno segni del termine, compreso non volere fin qui, stringe le mani, o ha gente nelle loro case se soffrono dalla malattia. La nuova ricerca pluridisciplinare che fa partecipare sia gli psicologi che i dermatologi dalla scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania è la prima per esaminare come il terreno comunale questo marchio di infamia può essere fra la popolazione in genere degli Stati Uniti come pure fra gli studenti di medicina. Lo studio egualmente ha trovato le percezioni false circa la psoriasi per continuare a persistere, compreso la credenza che la psoriasi è contagiosa e che non è una malattia seria. I ricercatori hanno pubblicato oggi i loro risultati nel giornale dell'accademia americana della dermatologia.

La psoriasi è una malattia autoimmune comune e cronica che pregiudica più di otto milione Americani, causare doloroso, toppe spesse e rosse sull'interfaccia che spesso prurito e immagine al vivo. Egualmente ha effetti profondi su qualità di vita correlata con la salute ed in moderato ai casi severi, porta un rischio aumentato di attacco di cuore, di colpo e di morte prematura. Non è contagiosa e mentre è trattabile, non c'è corrente maturazione.

“Sebbene ampiamente sia riconosciuto che l'aspetto della psoriasi può urtare negativamente le relazioni professionali e ed intime dei pazienti sociali, abbiamo voluto quantificare i pazienti di percezioni con la fronte di taglio di psoriasi su base giornaliera per capire quanto dominante sono,„ abbiamo detto il Joel senior M. Gelfand, il MD MSCE, un professore dello studio l'autore della dermatologia e dell'epidemiologia a Penn. Rebecca L. Pearl, PhD, un assistente universitario della psicologia in psichiatria, era l'autore principale dello studio.

I ricercatori hanno usato il Turco meccanico di Amazon (MTurk), un servizio del web della raccolta di dati, per esaminare la gente circa le loro percezioni delle persone con la psoriasi. Egualmente hanno inviato l'indagine direttamente a diverse centinaia studenti di medicina. In tutto, 198 laypeople hanno risposto su MTurk e 187 studenti di medicina hanno completato l'indagine inviata con la posta elettronica. Tutti i partecipanti sono stati indicati le immagini della gente con la psoriasi come pure si chiudono sulle foto delle lesioni di psoriasi.

In generale, 54 per cento dei laypeople che hanno risposto hanno detto che non hanno voluto fin qui qualcuno con la psoriasi. Trentanove per cento hanno detto non hanno voluto stringere le mani con qualcuno che soffre dalla malattia, mentre 32 per cento hanno detto che non hanno voluto avere qualcuno con la psoriasi nelle loro case. I dichiaranti egualmente hanno firmato parecchi stereotipi circa la gente con la psoriasi, con 57 per cento che dicono erano insicuri, 53 per cento dicendo che erano malati, 45 per cento dicendo erano non attraenti e 27 per cento dicendo erano contagiosi. Gli studenti di medicina hanno dimostrato meno visualizzazioni stigmatizzare confrontate al gruppo di MTurk. Fra i partecipanti di MTurk, coloro che ha conosciuto qualcuno con la psoriasi o aveva sentito parlare la psoriasi dimostrata meno atteggiamenti stigmatizzare.

“È che la migliore formazione circa la malattia come pure il contatto con le persone con la psoriasi, possano contribuire a dissipare i miti e gli stereotipi e diminuire le percezioni negative,„ Pearl possibile ha detto.

I ricercatori hanno sottolineato la necessità di ulteriore ricerca con una più grande dimensione del campione prima di trarre qualsiasi conclusioni definitive. Tuttavia, hanno detto che i risultati hanno implicazioni per sia la salute pubblica che la cura paziente.

“Gli studi futuri dovrebbero valutare gli effetti delle campagne di formazione sugli atteggiamenti della gente verso quelli con la psoriasi come pure sforzi per incorporare i pazienti con la psoriasi in formazione medica generale per i medici ed altri fornitori di cure mediche,„ Gelfand ha detto.