I ricercatori di NUS sfruttano la piattaforma di AI per curare il paziente con cancro avanzato

Un gruppo di ricerca di traduzione piombo dall'università nazionale di Singapore (NUS) ha sfruttato CURATE.AI, una piattaforma potente di intelligenza (AI) artificiale, per curare con successo un paziente con cancro avanzato, progressione completamente esitante di malattia. Questa novità rappresenta un grande passo avanti nella medicina personale.

In questo studio clinico, un paziente con carcinoma della prostata castrazione-resistente metastatico (MCRPC) è stato dato una combinazione novella della droga che consiste della droga d'investigazione ZEN-3694 e del enzalutamide, una droga di carcinoma della prostata approvata. Il gruppo di ricerca CURATE.AI con successo utilizzato per identificare continuamente le dosi ottimali di ogni droga per provocare una risposta durevole, permettendo che il paziente riattivi uno stile di vita completamente normale e attivo.

“Il dosaggio dinamico nella terapia del cancro non è comunemente usato. Infatti, la droga che dosa i cambiamenti in oncologia è eseguita tipicamente per diminuire soltanto la tossicità. CURATE.AI modifica unicamente la droga che dosa per aumentare l'efficacia. Il nostro studio clinico ha indicato che dosare può profondo pregiudicare l'efficacia e la sicurezza del trattamento. Il profilo clinico di un paziente cambia col passare del tempo. La capacità unica affinchè CURATE.AI identifichi rapido le dosi di farmaco che provocano i risultati migliori del trattamento tiene conto medicina personale perseguibile e e perpetuo ottimizzata,„ il professor spiegato decano Ho, Direttore dell'istituto di Singapore per Neurotechnology (SINAPSE) a NUS, che piombo lo studio.

Lotta contro il cancro con la terapia di combinazione

La terapia di combinazione rappresenta una pietra angolare nel trattamento del cancro moderno. Facendo uso di questo approccio, le droghe multiple sono usate per attaccare i trattamenti che sostengono la crescita del cancro. Un obiettivo principale quando progetta le terapie di combinazione è di raggiungere la sinergia della droga, dove le droghe funzionano insieme per migliorare sostanzialmente l'efficacia.

Mentre la terapia di combinazione ha migliorato generalmente i risultati del trattamento quale la sopravvivenza globale per molti cancri, è data principalmente sia alle dosi elevate fisse come pure.

Prof. Ho aggiunto, “pazienti risponde alla chemioterapia diversamente l'uno dall'altro. Anche la risposta di un singolo paziente alla terapia può variare sostanzialmente nel corso del trattamento. Infatti, molti pazienti non rispondono affatto alla combinazione della droga perché i dosaggi, che possono profondo urtare l'efficacia, non sono adatti loro. Di conseguenza, mentre la terapia di combinazione della dose fissa rappresenta un livello di cura, può anche servire da barriera a realizzare la medicina vero ottimale e personale.„

Sfruttamento del AI per ottimizzare continuamente dosaggio di terapia di combinazione

Per sormontare le sfide della terapia convenzionale di combinazione, il gruppo di NUS degli ingegneri ha sviluppato la piattaforma di CURATE.AI, che usa i propri dati clinici del paziente - come le loro dosi di farmaco e corrispondenza cambia alle dimensioni di tumore o ai livelli di biomarcatori del cancro nel sangue - per calibrare la sua risposta unica al trattamento. Questa calibratura poi è usata per creare un profilo individualizzato di CURATE.AI, o la mappa, che identifica le dosi di farmaco che permettono al risultato migliore del trattamento a tutto il punto temporale determinato dato.

“I profili di nessun due pazienti sono simili e poichè l'organismo di un paziente ed il cancro stesso si evolvono durante il trattamento, il profilo di CURATE.AI si evolve pure, permettendo al clinico e costruendo teams per ottimizzare la cura per l'intera durata del trattamento, un avanzamento senza precedenti per la terapia di combinazione,„ prof. Ho ha spiegato.

In questi studi, che sono stati intrapresi all'istituto del UCLA dell'oncologia urologica per un periodo di anno, un paziente con carcinoma della prostata metastatico è stato dato ZEN-3694 e il enzalutamide. La diminuzione del livello di antigene prostata-specifico (PSA) nel sangue del paziente ha servito da biomarcatore primario determinare se il paziente stesse reagendo al trattamento. La rappresentazione (CT) di tomografia computerizzata delle lesioni del cancro ha riflesso le dimensioni della progressione di malattia.

Inizialmente, le dosi di ZEN-3694 e il enzalutamide erano regolato dai clinici per gestire meglio la qualità di vita paziente-riferita. Le dosi di farmaco iniziali del paziente ed i livelli di PSA poi sono stati usati per costruire il suo profilo personale di CURATE.AI. Notevolmente, CURATE.AI successivamente ha identificato una dose ZEN-3694 che era 50 per cento più bassa della dose cominciante del paziente della droga prima dell'analisi di CURATE.AI. L'orientamento futuro di dosaggio da CURATE.AI ha provocato i più bassi livelli di PSA osservati per il paziente nel corso dello studio. Mentre il trattamento ha progredito, i leggeri aumenti nel dosaggio ZEN-3694 hanno provocato le chiare diminuzioni nei livelli di PSA, anche dimostranti il suo ruolo chiave nella soppressione del cancro metastatico. La rappresentazione di CT delle lesioni del paziente ha indicato che la progressione di malattia è stata fermata come conseguenza della terapia di combinazione di CURATE.AI-guided sia di ZEN-3694 che del enzalutamide. La cura paziente guida da CURATE.AI è corrente in corso.

“Facendo uso di CURATE.AI modificare dinamicamente le dosi di farmaco e curare con successo un malato di cancro metastatico rappresentano un'innovazione del punto di riferimento per l'uso di AI vero personalizzare la cura paziente. Questo avanzamento si pensa che drammaticamente migliori i tassi di risposta per tutte le terapie di combinazione che stanno sviluppande per l'oncologia come pure virtualmente tutte le altre malattie. Possiamo anche invitare CURATE.AI contrassegnato per diminuire i costi dello sviluppo della droga,„ prof. Ho ha aggiunto.

Il Dott. Allan Pantuck, il clinico del cavo dello studio, aggiunto, “con la terapia della dose fissa, pazienti è passato spesso ad altre droghe quando più non reagiscono al trattamento. Tuttavia, CURATE.AI ha indicato che i pazienti possono ancora rispondere alle terapie che hanno lavoro apparentemente interrotto continuamente identificando i parametri di dosaggio ottimali del paziente.„

“L'entrata in vigore di CURATE.AI rappresenta una variazione cacciagione-cambiante nel modo che la terapia di combinazione può essere ottimizzata al singolo livello paziente ed abbiamo indicato che la medicina N-of-1 può essere una realtà. Siamo emozionanti che CURATE.AI potrebbe infine migliorare l'accessibilità paziente alle nuove terapie importanti di combinazione, salvandi vite nel trattamento,„ ha detto prof. Ho, che proviene egualmente dai dipartimenti di farmacologia e di assistenza tecnica biomedica a NUS come pure un membro dell'istituto biomedico per la ricerca di salubrità e la tecnologia globali (BIGHEART) a NUS.

La ricerca è stata condotta in collaborazione con l'università di California, Los Angeles e zenit Epigenetics. I risultati sono stati pubblicati in terapeutica avanzata il 29 agosto 2018.

Più test clinici in corso

CURATE.AI è applicabile a tutte le malattie ed a tutti i pazienti e una prima generazione della piattaforma precedentemente è stata convalidata nella clinica per la singola ottimizzazione della droga nell'immunosoppressione del post-trapianto. Questo nuovo studio dimostra che CURATE.AI può ottimizzare i regimi della multi-droga.

I test clinici multipli facendo uso della terapia di combinazione di CURATE.AI-guided per l'oncologia e le applicazioni supplementari quale immunosoppressione del post-trapianto sono in corso. Inoltre, l'assunzione paziente per le prove supplementari dell'oncologia a Singapore è stata approvata.

Il gruppo di CURATE.AI pensa spiegare largamente la piattaforma per la prevenzione del rigetto, cancri adulti e pediatrici, medicina cardiovascolare, gestione del diabete, malattie infettive e molte altre applicazioni.