Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Stato attuale delle tecniche per realizzare modifica aterosclerotica coronaria della placca

Nella questione attuale delle innovazioni e delle applicazioni cardiovascolari (Volume3, numero 2, 2018, pp. 203- 214(12); DOI: https://doi.org/10.15212/CVIA.2017.0046 Ahmad A. Mahmoud, Ahmed N. Mahmoud, Akram Y. Elgendy e R. David Anderson dalla divisione di medicina cardiovascolare, dipartimento di medicina, università di Florida, Gainesville, FL, U.S.A. considerano lo stato attuale di atherectomy coronario.

Ci sono parecchie tecniche per realizzare la modifica aterosclerotica coronaria della placca, conosciute come atherectomy. Storicamente, i test clinici mostrano principalmente equivalente fra le varie tecniche atherectomy coronarie, l'angioplastia del pallone e stenting coronario percutaneo. Negli ultimi anni l'uso di una tecnica atherectomy data è stato principalmente al fine della facilitazione della consegna dello stent in imbarcazioni che sono calcificate molto. Nessun test clinico ha indicato la superiorità di tutto il metodo atherectomy sopra le tecniche più standard di intervento coronario percutaneo. Gli autori discutono le tecniche atherectomy atherectomy e orbitali atherectomy e rotazionali direzionali del laser e atherectomy e presentano i dati di prova pertinenti. Infine, gli orientamenti futuri sono dettagliati.

CVIA è disponibile sulla piattaforma di IngentaConnect ed alle innovazioni ed alle applicazioni cardiovascolari. Le osservazioni possono essere fatte facendo uso dei manoscritti di ScholarOne. Non ci sono tasse di trattamento di osservazione o dell'articolo dell'autore. CVIA è indicizzato nel ESCI, nel OCLC, nella centrale di Primo (ex libris), nello Sherpa Romeo, nel NISC (National Information Services Corporation), nel DOAJ e nei database di Copernicus di indice analitico. Segua CVIA sul @CVIA_Journal di Twitter; o Facebook.