Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova comprensione sui meccanismi del rotavirus ha potuto aprire i viali per gli efficaci trattamenti

I ricercatori hanno fornito la nuova comprensione sui meccanismi di un virus che causa la diarrea e la malattia severe in bambini piccoli, secondo un rapporto pubblicato nel eLife.

Lo studio, dall'università autonoma di Madrid, istituto di salubrità di Carlos III e centro nazionale per biotecnologia, Spagna, potrebbe aprire i nuovi viali per sviluppare gli efficaci trattamenti per il rotavirus, che infetta comunemente i bambini fino a cinque anni. È il primo documento per dettagliare l'interazione fra la funzione ed i beni meccanici di un virus “a più strati„.

Le particelle del virus uniscono il loro materiale genetico in uno shell della proteina destinato per proteggere, muovere e rilasciare il suo genoma avanti e indietro alla cellula ospite. La struttura delle particelle del virus quindi deve essere abbastanza forte proteggere il genoma virale negli ambienti fuori della cella e resistere agli attacchi dal sistema immunitario ospite, per assicurare la riuscita infezione.

Molti virus a RNA a doppia elica, quale il rotavirus, isolano il loro genoma all'interno di uno shell di memoria che incorpora il suo proprio macchinario molecolare per permettere che il genoma ripieghi e si sparga. Alcuni virus intraprendono questo un'azione più ulteriormente e sviluppano i livelli concentrici extra della proteina cui funzioni in altri modi, tale da contribuire a legare e penetrare le loro cellule bersaglio.

“La particella completa del rotavirus è costituita da tre shell indipendenti della proteina. Questa particella e le particelle subviral che contengono uno o due livello della proteina svolgono i ruoli distinti durante l'infezione,„ spiega l'autore principale Manuel Jiménez-Saragozza, assistente di ricerca nel dipartimento di fisica della materia condensata all'università autonoma di Madrid. “Abbiamo voluto vedere come le interazioni fra i livelli che definiscono queste particelle differenti funzionano insieme durante il ciclo della replica del virus.„

Sebbene gli studi precedenti abbiano rivelato come depurare le particelle della proteina del due-livello, gli autori dell'attività in corso abbiano sviluppato un modo novello depurare le particelle a un solo strato, permettendoli di essere studiato determinato. Dopo la depurazione delle queste particelle subviral, il gruppo ha usato una microscopia atomica della forza chiamata sistema della sonda di scansione, che comprende per mezzo di piccolo, stilo marcato per deformare le particelle del virus. Ciò li ha permessi di studiare la resistenza e la stabilità di diverse particelle triple, doppie e monostrate.

Hanno scoperto una forte interazione fra i livelli esterni e medi, che è critico per la protezione della particella completa del virus. Nel frattempo, le interazioni che hanno luogo fra il medio ed i livelli interni aiuti il virus a ripiegare il suo genoma fra le cellule ospiti, un trattamento conosciuto come trascrizione.

“I nostri risultati rivelano come i beni biofisici dei tre shell della proteina sono regolati per permettere al rotavirus di essere portato fra le cellule ospiti,„ dice l'autore Pedro senior de Pablo, professore associato all'università autonoma di Madrid. “Crediamo che questo potrebbe provare il valuable nell'offerta delle sedi nuove per lo sviluppo delle strategie antivirali novelle.„