Nuovo test clinico iniziato sul vaccino sperimentale per fermare la diffusione del glioblastoma

Il centro medico di Rush University fa parte di nuova prova di test clinico se un vaccino sperimentale può aiutare i sistemi immunitari dei pazienti per fermare la diffusione del glioblastoma -- un modulo aggressivo di tumore al cervello con molto poche opzioni correnti di trattamento.

Piombo dall'neuro-oncologo Pillainayagam clemente, il MD, il test clinico di fase II sta analizzando un vaccino d'investigazione che sarà somministrato insieme con bevacizumab, una droga approvata dalla FDA che mira alle proteine celle di glioblastoma che deve coltivare i vasi sanguigni. L'attività  è una soltanto di alcune posizioni di Midwest per questa prova internazionale, lo studio del trattamento della droga per ricorrente o il progressivo Glioblastoma.

Glioblastomas è tumori che cominciano nel glial, o complementare maligni, tessuto del cervello e si è sparso rapido perché sono supportati tramite una grande rete dei vasi sanguigni. Non c'è maturazione conosciuta per i tumori di glioblastoma e la sopravvivenza mediana è di appena quattro mesi senza trattamento e 15 - 19 mesi con il trattamento. In un ricordo rigido dell'esigenza di migliori trattamenti, senatore John McCain degli Stati Uniti è morto dal glioblastoma il 25 agosto, uno di più di 15,000 persone negli Stati Uniti che soccombono ogni anno a tumore al cervello, secondo l'istituto nazionale contro il cancro.

I trattamenti standard correnti comprendono tipicamente la chirurgia seguita dalla radioterapia e della chemioterapia. Le immunoterapie come quelle che sono provate in questa prova, che impegnano il sistema immunitario dell'organismo per attaccare i tumori, sempre più sono parte diventante delle pianificazioni del trattamento.

“Il nostro sistema immunitario metterebbe tipicamente un arresto alle cellule tumorali che crescono, ma le celle di glioblastoma sopprimono questo trattamento.„ Pillainayagam spiega.

“Bevacizumab è stato indicato per aiutare il sistema immunitario per morire di fame i tumori della loro offerta di sangue come pure fare diminuire lo stato immunosuppressed intorno al tumore. Ma quello non è appena abbastanza,„ ha detto.

Morendo di fame il tumore e andare su di giri il sistema immunitario

La metà dei partecipanti di studio scelti a caso riceverà il bevacizumab e l'altra metà sarà trattata con bevacizumab più il vaccino sperimentale. Il vaccino (DSP-788-201G) è derivato dai peptidi (brevi catene degli amminoacidi) prodotti dal WT1gene che è trovato in molti tipi di cellule tumorali, compreso i glioblastomas.

Il vaccino è usato dal sistema di HLA (antigene umano del leucocita), proteine di superficie delle cellule che contribuiscono a regolamentare il sistema immunitario. “Mentre le guide del bevacizumab muoiono di fame il tumore bloccando la formazione di vasi sanguigni dentro, speriamo che il vaccino vada su di giri la risposta immunitaria aiutando l'organismo riconosca che queste cellule tumorali sono una minaccia,„ Pillainayagam abbia detto.

Sebbene lo sviluppo durante gli anni recenti di terapie che aiutano il proprio sistema immunitario della gente per mirare alle cellule tumorali abbia significato le nuove opzioni per molti tipi di cancri, molto poche immunoterapie per i cancri nel cervello hanno indicato la promessa. “Il cervello ha tipi differenti di celle immuni che lavorano nelle combinazioni uniche. Quindi, provare a capire come liberare i nostri propri sistemi immunitari è una sfida,„ Pillainayagam dice.

Una sfida è realmente una barriera: Il corpo umano ha evoluto un livello di celle specializzate, chiamato la barriera ematomeningea, che allineano i vasi sanguigni nel cervello, fornente l'obbligazione extra dalle minacce quali i virus ed i batteri che circolano nel resto della circolazione sanguigna. Che il livello extra di protezione egualmente impedisce molte droghe di Cancro-combattimento lavorare. Da alcuni preventivi, 98 per cento delle droghe approvate dalla FDA correnti non entrano nel cervello a causa della barriera ematomeningea.

Influenza dei tumori al cervello che cosa fanno la gente che sono

Con Joo Yeon Nam, il MD, Pillainayagam piombo la sezione dell'attività  dell'Neuro-oncologia, che funziona insieme con gli specialisti attraverso il dipartimento dell'attività  delle scienze neurologiche per curare i pazienti con i cancri primari del cervello e della spina dorsale.

“Il cervello è bene immobile sensibile e squisito. Tutto che facciamo e perfino chi siamo dipende dal cervello che funziona bene, così anche una crescita minuscola può avere un impatto enorme„ Pillainayagam dice.

Aggiunge che l'addestramento doppio in oncologia e neurologia entra solitamente in gioco parecchie volte durante la singola nomina. “Come oncologo, il mio fuoco è tipicamente al livello cellulare, mettente a fuoco sulla chemioterapia, sulla radiazione e su altri strumenti che tengono le cellule tumorali nell'assegno. Ma come neurologo, sto indirizzando l'impatto che neurologico i cancri hanno sui movimenti della gente, il pensiero e perfino la personalità.„

Nam dice che l'addestramento doppio in oncologia e neurologia è necessario particolarmente perché i tumori al cervello hanno tale impatto profondo sulla qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie. Oltre a causare i problemi neurologici quali la debolezza, gli attacchi ed il discorso alterato, “i tumori al cervello come i glioblastomas pregiudicano la parte del corpo che fa la gente che sono,„ lei dice.