L'uso di stimolo elettrico transcranial sostenere la creatività ha implicazioni ampie

Che cosa è creatività e può essere migliorato -- sicuro -- in una persona chi ha bisogno di una spinta dell'immaginazione? Gli esperti di Georgetown dibattono l'utilizzazione crescente delle unità elettriche che stimolano il tessuto cerebrale e concludono là è il valore potenziale nella tecnica. Tuttavia, l'uso di questi commputer egualmente solleva le emissioni neuro-etiche, legali e sociali che devono ora essere affrontate.

In un articolo ha pubblicato oggi in giornale della ricerca di creatività, i ricercatori di Georgetown dicono che le più chiare emissioni problematiche con usando lo stimolo elettrico transcranial (tES) per migliorare i vari moduli di cognizione creativa si riferiscono all'uso della procedura nel cervello di un bambino. Questo scenario è sempre più probabile perché le unità del tES non sono appena nell'uso clinico per alcuni disordini neurologici ma ampiamente stanno vendende dirigono verso il consumatore (DTC) e sta facendo ad un modo (DIY) da fare da soli, i ricercatori dicono.

Quello suggerisce che il campo del tES (coloro che utilizza clinicamente le unità, studia le sue implicazioni innumerevoli e sviluppa e commercializza le unità) debba considerare - appena possibile - come l'uso del tES dovrebbe essere considerato e regolamentato, essi dice.

“Ci sono preoccupazioni potenziali multiple per la corrente elettrica d'amministrazione DIY-ers ai loro cervelli, ma questo uso di tES può essere inevitabile. E, certamente, in qualsiasi momento c'è rischio di danno con una tecnologia, i rischi più spaventosi sono quelli connessi con i capretti ed il cervello di sviluppo,„ dice il co-author Adam Green, PhD, professore associato nel dipartimento di psicologia & programma interdisciplinare in neuroscienza a Georgetown.

L'approccio pragmatico può essere di istruire e rendere gli strumenti più sicuri disponibile, verde e l'autore senior dello studio, James Giordano, PhD, dica.

“Le applicazioni di DIY possono posare determinate sfide in quanto i vincoli non possono essere apprezzati o aderiti a ed in alcuni casi, non considerato,„ dice Giordano, che è professore nei dipartimenti della neurologia e della biochimica ed il capo del Neuroethics studia il programma nel centro di Pellegrino per bioetica clinica al centro medico di Georgetown University.

“La comunità di DIY non è certamente sprezzante o un ambiente “ad ovest„ selvaggio proverbiale. Molte persone ed i gruppi di DIY impiegano i comitati d'esame istituzionali indipendenti, o istituiscono i comitati autoregolatori di svista per guidare la portata e tenore del loro lavoro,„ dice.

“Tuttavia, che cosa è importante da notare è che la natura dell'impegno di DIY può anche fornire un ambiente delle ripetizioni di avanguardia di scienza, della tecnologia, dei metodi e delle applicazioni. Ciò non è necessariamente una cattiva cosa, di per sé, come può, in effetti “spinge la busta„ in parte,„ aggiunge Giordano.

“Ma ci sono che cosa ritengo per essere preoccupazione giustificata che tali tentativi potrebbero incorrere nei problemi di sicurezza. A quell'indicatore luminoso, abbiamo richiesto un dialogo in corso con la comunità di DIY per permettere alla comunicazione migliore delle tecniche e degli effetti in modo da rimanere informati di che cosa sta facenda, come ed i risultati di tale lavoro che possono essere importanti ad avanzare il campo e la cura clinica di tutte le manifestazioni avverse.„

Gli autori egualmente dicono che un'altra preoccupazione è che l'uso aumentante di tES potrebbe precipitare l'arrivo di nuovo e “disordine„ medicamente accettato che poi richiederebbe il trattamento del tES.

Semplicemente spostando una soglia della che qualità e capacità sono considerate come “normale„ stabilisce una base affinchè tutto l'intervento siano considerati un trattamento, essi dicono.

Qualche gente può confondere il tES con la terapia “di scossa„ (terapia elettrotipia-convulsiva o ECT), ma tES e ECT sono molto differenti, Giordano dice. “La corrente utilizzata anche nella ricerca e nelle unità cliniche del tES è parecchi ordini di grandezza di meno che quello che è utilizzato in ECT e la corrente che è consegnata in commputer del diretto--consumatore è anche di meno.„

Giordano, di cui il lavoro indirizza i meccanismi e gli atti di vari moduli del neuromodulatore, aggiunge che l'effetto di tES sui neuroni dipende entrambi dal metodo di tES che è usando che sulla regione che è stimolata.

Ora sta coltivando l'interesse nell'uso di tES per il trattamento di una serie di termini neuropsichiatrici, come usando i moduli differenti (diriga e lo stimolo transcranial di corrente alternata) per diminuire i segni ed i sintomi particolari di ansia e di disordini depressivi, pregiudicare la memoria nei disordini neurodegenerative, diminuire determinate funzionalità conoscitive della malattia del Parkinson e certi moduli di dolore cronico come pure potenzialmente aiutare i pazienti che hanno fatti comunicare dai disturbi del linguaggio indotti da colpo.

Il lavoro Green mette a fuoco sulla prova se il tES può, effettivamente, sostenere la creatività. In uno studio, ha esaminato se il tES al palo frontale del cervello, per facilitare l'attività neurale in questa regione del cervello, avrebbe supportato il pensiero ed il ragionamento verbali creativi. Ha usato le prove di ragionamento e di associazione di parole analogici creativi per misurare la creatività. Per entrambe le mansioni, la capacità di fare le connessioni meno ovvie fra le parole è considerata di richiedere il pensiero creativo più astratto.

Il risultato dello studio, pubblicato nel 2017 in corteccia cerebrale, effettivamente ha indicato che la creatività può essere migliorata con il meticoloso e l'applicazione controllata di questa “cappello pensatore„ sofisticato ha fornito da tES.

“Il nostro lavoro in laboratorio comprende la modellistica attenta del computer dei tessuti nella testa,„ dice. “È importante capire dove la corrente elettrica sta andando e come sta comportandosi.„

Ma anche il concetto di creatività è in discussione, aggiunge il verde, che è presidente eletto della società per la neuroscienza di creatività.

“La definizione di riserva di creatività è qualcosa come, generando o trovando le idee/soluzioni che sono sia novelle che utili,„ dice. “Ma posso dirvi che c'è molta discussione, anche fra i ricercatori di creatività circa le migliori definizioni operative per usare. Il mio forte senso è che è più importante studiare le attività che sono chiaramente creative che sono di provare ad identificare una singola attività che è creatività.„