Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La vitamina D può diminuire la mortalità del cancro al seno in donne con BMI più basso

La vitamina D è già ben nota per le sue ossa sane in costruzione dei vantaggi. Un nuovo studio supporta l'idea che anche può diminuire il rischio di cancro come pure la mortalità del cancro al seno, particolarmente in donne con un indice di massa corporea più basso. I risultati di studio sono pubblicati oggi online nella menopausa, il giornale della società nordamericana della menopausa (NAMS).

Il cancro al seno rimane il cancro più comune in donne universalmente ed è la causa della morte principale da cancro in donne. I fattori di rischio riproduttivi quale l'inizio iniziale di pubertà, di menopausa recente, dell'età successiva alla prima gravidanza, mai non essendo incinti, dell'obesità e di una storia della famiglia tutti sono stati indicati per essere associati con lo sviluppo del cancro al seno. Il ruolo di concentrazione di vitamina D nello sviluppo di cancro al seno, tuttavia, continua ad essere dibattuto.

Questo studio che fa partecipare più di 600 donne brasiliane suggerisce che la vitamina D possa diminuire il rischio di cancro inibendo la proliferazione delle cellule. I risultati di studio compaiono nell'articolo “concentrazione bassa nel siero di pretrattamento della vitamina D alla diagnosi del cancro al seno in donne postmenopausali.„

I ricercatori coinvolgere nello studio hanno concluso che le donne postmenopausali hanno fatte connesso un rischio aumentato di carenza di vitamina D ai tempi delle loro diagnosi del cancro al seno, con le più alte tariffe dell'obesità, che le donne dello stesso gruppo d'età senza cancro. I simili studi egualmente precedentemente hanno dimostrato una relazione fra la vitamina D e la mortalità del cancro al seno. Le donne nell'più alto quartile delle concentrazioni di vitamina D, infatti, hanno avute un tasso di mortalità più basso 50% da cancro al seno che quelli nel primo quartile, suggerente che i livelli di vitamina D dovrebbero essere riparati ad un intervallo normale in tutte le donne con cancro al seno.

“Sebbene la letteratura pubblicata sia contradditoria circa i vantaggi dei livelli e del cancro al seno di vitamina D, questo studio ed altri suggeriscono che i livelli elevati della vitamina D nell'organismo siano associati con il rischio ridotto del cancro al seno,„ dice il Dott. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo di NAMS. “La vitamina D può svolgere un ruolo nelle celle o nella fermata di cancro al seno gestenti loro dalla crescita. La vitamina D viene da esposizione alla luce solare diretta, dai supplementi di vitamina D3, o dagli alimenti ricchi in vitamina D.„