Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I risultati di studio possono avanzare la discussione su come efficacemente porre freno il conflitto della umano-fauna selvatica

Un nuovo studio di Biotropica esamina le gorille di montagna nel Ruanda e loro foraggiare per dell'l'alimento ricco di sodio sia nelle aree che negli sbarchi del parco nazionale gestiti dalle comunità locali.

Ottenere il sodio probabilmente crea un incentivo affinchè le gorille lasci le aree della sosta e per trasformare le incursioni l'habitat ad alta altitudine. Entrambe le posizioni non sono senza rischi: uscire il loro habitat naturale e alimentarsi i ventrigli possono aumentare il conflitto della umano-fauna selvatica e le aree ad alta altitudine visualizzanti possono aumentare il rischio di ipotermia.

I risultati possono avanzare la discussione su come adattare l'utilizzazione delle terre umana locale efficacemente porre freno il conflitto della umano-fauna selvatica.

“Quando l'eucalyptus di incursione delle gorille sta fuori del parco nazionale, contattano gli abitanti locali, che mette sia la scimmia che l'essere umano al rischio. per scoraggiare le gorille dall'incrocio nei terreni coltivabili vicino alla foresta, le pratiche agricole possono avere bisogno di di essere riconsiderato,„ ha detto il Dott. Cyril Grueter dell'autore principale, dell'università di Australia occidentale, a Perth. “Nel migliore dei casi uno vorrebbe favorire le specie dell'impianto che sono nutrizionalmente non attraenti alle gorille.„