I bambini delle madri che usando le cannabis possono cominciare usando ad un'età più giovane, ritrovamenti studiano

Poichè prevalendo gli spostamenti regolatori e culturali normalizzano l'uso medico e ricreativo adulto della cannabis, l'identificazione dei fattori di rischio potenziali è chiave ad impedire le conseguenze di salute pubblica, secondo il giornale americano di medicina preventiva

Quando le madri usano la marijuana durante i primi 12 anni di vita del loro bambino, loro cannabis-facendo uso dei bambini sia più probabile iniziare ad un'età più giovane che i bambini non facendo uso delle madri, secondo un nuovo studio da Harvard T.H. Chan School della salute pubblica pubblicata nel giornale americano di medicina preventiva. Questo studio è il primo per stabilire una relazione fra uso materno della cannabis durante la vita di un bambino e l'inizio più iniziale in un nazionale-rappresentante, gruppo longitudinale e per esaminare il ruolo della corsa, del genere e di altri fattori ambientali sociali.

“L'inizio iniziale è uno di più forti preannunciatori della probabilità di avvertire le conseguenze di salubrità da uso della marijuana. In un ambiente regolatore mobile in cui prevediamo l'uso adulto della marijuana diventare più normativi, sviluppare una comprensione più profonda e più sfumata dei fattori di rischio sociali per l'inizio iniziale è una tappa critica nella progettazione e nella consegna di intervento. L'uso materno d'incorporazione della cannabis nella nostra comprensione dei fattori di rischio importanti per l'inizio iniziale può aiutarci meglio ad identificare la gioventù a rischio per adattato o le strategie intensive di prevenzione,„ hanno spiegato il principale inquirente Natasha A. Sokol, ScD, corrente del centro per l'alcool e gli studi di dipendenza, del dipartimento di comportamentistico e delle scienze sociali, banco di Brown University della salute pubblica, la provvidenza, RI, U.S.A.

I ricercatori hanno analizzato due gruppi collegati dell'indagine longitudinale nazionale della gioventù 1979 (1980-1998 onde) e bambino e giovani adulti (1988-2014 onde) per valutare la sincronizzazione e le dimensioni di uso e dell'inizio del bambino e materni della marijuana. Hanno valutato i dati per 4.440 bambini e 2.586 madri per l'effetto di uso materno della marijuana fra la nascita di un bambino ed invecchiano 12 sull'inizio successivo della marijuana di quel bambino, gestente per potenzialmente i fattori importanti relativi al comportamento della vita del bambino e la cognizione iniziale e l'ambiente socioeconomico della posizione e del sociale della famiglia. In generale, 2.983 bambini (67,2 per cento) e 1.053 madri (35,3 per cento) auto-identificate come utenti della cannabis. I ricercatori hanno trovato che i bambini di cui le madri hanno usato la marijuana erano al rischio aumentato per l'inizio della marijuana prima dell'età 17 ed hanno cominciato ad un'età media di 16, confrontata per invecchiare 18 fra i bambini dei non utenti, notanti che questo effetto era leggermente più forte fra i bambini non neri del non Latino-americano.

Sebbene la marijuana sia generalmente probabilmente meno nocivo rispetto ad altre droghe di abuso, la probabilità di avvertire le conseguenze di salubrità connesse con uso della marijuana è collegata forte per invecchiare all'inizio, tale che coloro che inizia più presto sono al rischio molto maggior. Le conseguenze negative possono essere tracciate specialmente per i bambini e gli adolescenti durante queste età inerente allo sviluppo critiche. Il bambino e l'uso adolescente della cannabis è associato con i danni nell'attenzione, concentrazione, processo decisionale e memoria di lavoro e impulsivity aumentato, che può persistere per la post-utilizzazione di settimane, con prova che alcuni effetti conoscitivi, compreso le riduzioni del quoziente d'intelligenza, possono indugiare nell'età adulta. Fra gli utenti della cannabis, l'inizio più iniziale è associato a un aumentato rischio di ansia e di disordini depressivi.

Gli Stati Uniti corrente stanno sperimentando una marijuana circostante della profonda trasformazione. Questo spostamento culturale si pensa che provochi gli aumenti nella prevalenza, nella frequenza, nella visibilità e/o nell'accettabilità di uso adulto della marijuana. Capendo l'impatto del genitore usi sull'inizio iniziale della marijuana è un punto importante nel prevedere i modi in cui i cambiamenti ambientali sociali possono alterare il carico di malattia connesso con marijuana negli Stati Uniti.

I risultati indicano che i bambini marijuana-facendo uso dei genitori possono essere un sottogruppo importante per l'identificazione ed all'l'intervento iniziale e basato a prova dei pediatri ed i fornitori di cure mediche adolescenti. Sebbene la ricerca futura sui meccanismi che sostengono questa relazione sia necessaria prima che più specifico raccomandazioni possa essere fatta, i prescrittori della marijuana ed altri medici possono studiare la possibilità di istruire marijuana-facendo uso dei genitori circa l'inizio iniziale della marijuana e di fornirli alle delle strategie preventive basate a prova per ritardare l'uso della marijuana nei loro bambini. Ulteriore ricerca può cercare di capire i best practice per impedire l'inizio iniziale, quali la diminuzione o l'uso facente una pausa, diminuente la visibilità di uso finché i bambini non siano più vecchi e fornente l'addestramento, gli strumenti e le risorse per contribuire ad affrontare queste emissioni.

“La cannabis ha riconosciuto i vantaggi terapeutici per il trattamento delle una serie di condizioni mediche differenti. C'è egualmente prova che la disponibilità della cannabis medica e ricreativa legale può diminuire le morti della dose eccessiva dell'opioide della popolazione. Gli arresti della cannabis rappresentano più della metà di tutti gli arresti della droga negli Stati Uniti ed il possesso della cannabis è un driver importante delle disparità razziali nell'arresto e nell'incarcerazione. Per queste ragioni, la proibizione totale della cannabis non può essere coerente con gli obiettivi di salute pubblica. Invece, dato il neurocognitive, la salubrità e le conseguenze sociali connesse con uso a breve termine, ritardante l'inizio possono essere un importante, ma sottovalutato, lo scopo di salute pubblica,„ ha commentato il Dott. Sokol.

Sorgente: https://www.elsevier.com/