Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Valutazione tossicologica di dosimetria e di valutazione del radiotraccitore potenziale dell'ANIMALE DOMESTICO

Sfondo

Il sulfamidico di SR101 N (3 [18F] Fluoropropyl) ([18F] SRF101) è un derivato di Sulforhodamine 101 (SR101) che precedentemente è stato sintetizzato dal nostro gruppo. La tintura fluorescente SR101 è stata riferita come indicatore specifico di astroglia nel neocortex dei roditori in vivo. Alcune limitazioni di SR101 riguardo alla specificità delle cellule sono state identificate. Questo derivato è stato contrassegnato per studiare il suo in vivo comportamento biologico con la rappresentazione dell'ANIMALE DOMESTICO.

Poichè alcune indagini recenti hanno indicato, il astroglia è influenzato nelle fasi iniziali di malattie neurologiche differenti ed i astrocytes reattivi contribuiscono al neuroinflammation agli stadi avanzati. Questa ricerca messa a fuoco sul astrocytosis reattivo nel morbo di Alzheimer (AD). È postulato che [18F] SRF101 è un radiotraccitore potenziale dell'ANIMALE DOMESTICO per rilevazione di astrocytosis. Una caratterizzazione biologica dell'elemento tracciante novello in mouse che triplo-transgenici il modello dell'ANNUNCIO (3xTg) è stato eseguito ed i risultati è stata paragonata a quelle dei mouse sani del nero C57BL6J. Gli studi di distribuzione biologica hanno mostrato un metabolization hepatobiliary del composto. La rappresentazione dell'ANIMALE DOMESTICO con [18F] SRF101 ha rivelato che l'elemento tracciante novello potrebbe essere un indicatore del astrocytosis in questo modello animale. Questi risultati hanno indicato che [18F] SRF101 è un candidato di promessa per una valutazione più estesa come elemento tracciante del astrocyte dell'ANIMALE DOMESTICO.

Per concludere la caratterizzazione preclinica [18F] di SRF101 e per tenere conto la progettazione della valutazione clinica pilota in pazienti, gli studi di dosimetria di radiazione [18F] sulle iniezioni SRF101 sono stati condotti sui mouse consideranti le seguenti emissioni: i) la valutazione della dose assorbita può essere basata sui dati biokinetic ottenuti in piccoli animali ed ii) sviluppare i nuovi radiotraccitori per la rappresentazione di cervello, studi sono stati effettuati sulle curve di del tempo attività nelle sezioni differenti del cervello ed in altri organi.

Uno studio sulla tossicità d'una sola dose egualmente è stato effettuato che considera le linee guida sugli studi di tossicologia applicabili ai prodotti radiofarmaceutici. Il limite tossicologico scelto in questo caso era μg <100 basato sul concetto di microdosing. Lo studio è stato effettuato con una dose collocata da operazione di disgaggio allometrica con un fattore di sicurezza di 100. Poiché [18F] SRF101 è un prodotto radiofarmaceutico pronto da una reazione radiolabelling non-quantitativa e la sua procedura sintetica comprende un punto di depurazione per separare il composto radioattivo desiderato dalla miscela di reazione, gli studi sulla tossicità sono stati svolti per SRF101 adenoide.

Riassumendo, lo scopo di questo studio era di eseguire una valutazione tossicologica [18F] di SRF101 e di stimare la dosimetria umana di radiazione di questo elemento tracciante basato sugli studi preclinici. Ottenere questi dati terrà conto muoversi in avanti per valutare il suo potenziale come prodotto radiofarmaceutico della rappresentazione dell'ANIMALE DOMESTICO per uso clinico.

Risultati

Tutti gli animali sono sopravvissuto a fino alla conclusione dello studio senza i segni sistematici della tossicità durante l'intero periodo di osservazione. Nessun cambiamento riferito droga è stato notato nei parametri esaminati durante lo studio dei 14 giorni, compresi il peso corporeo, consumo alimentare, cambiamenti di occhi, parametri clinici di patologia, risultati lordi di autopsia, pesi assoluti e relativi dell'organo, risultati dell'istopatologia, o lesioni microscopiche.

Assorbente e le dosi efficaci sono stati stimati da OLINDA/EXM V2.0. Entrambi i modelli dosimetrici--maschio e femmina--ha presentato la stessa tendenza. Gli più alti valori totali della dose assorbita erano per le sezioni differenti degli intestini (ha lasciato il colon, l'intestino tenue, il giusto colon ed il retto). Per il modello dosimetrico maschio, altri organi che esibiscono un'alta dose assorbita totale hanno incluso il fegato, i reni, la parete della cistifellea ed il pancreas. Per il modello dosimetrico femminile, l'utero si è aggiunto oltre agli organi citati.

La dose efficace per il maschio ed i modelli dosimetrici femminili era 4.03E-03mSv/MBq e 5.08E-03mSv/MBq, rispettivamente. Per un'attività amministrata di 350MBq questo corrisponderebbe a 1.41mSv e a 1.78mSv per gli stessi modelli dosimetrici.

Conclusioni

Una valutazione tossicologica di SRF101 è stata eseguita, che ha verificato la sicurezza biologica di nuovo composto per le iniezioni unico endovenose in esseri umani. I calcoli di dosimetria dai dati animali hanno rivelato che il rischio radiazione-associato [18F] di SRF101 sarebbe dello stesso ordine di altri prodotti radiofarmaceutici 18F utilizzati nelle applicazioni cliniche. Riassumendo, i dati generati con questi studi confermano che il radiotraccitore novello sarebbe sicuro per uso nella rappresentazione umana dell'ANIMALE DOMESTICO. Ciò terrebbe conto la progettazione della valutazione clinica pilota dei pazienti.