I ricercatori sviluppano la molecola che rende le cellule tumorali sensibili alla radioterapia

I ricercatori da Karolinska Institutet e da Kancera ab hanno sviluppato una molecola che rende le cellule tumorali sensibili alla radioterapia. In uno studio pubblicato nelle comunicazioni della natura, i ricercatori descrivono un nuovo modo bloccare la capacità delle cellule tumorali di riparare il loro DNA e di fermare così la sopravvivenza delle cellule tumorali.

La radioterapia è uno dei trattamenti del cancro più comuni. Danneggia il DNA, inducente le cellule tumorali a smettere di crescere e morire se il danno è lasciato unrepaired. Purtroppo, alcuni cancri sono resistenti alla radioterapia ed il trattamento egualmente danneggia il DNA in celle in buona salute, così limitando la quantità di radiazione che può essere usata riguardo a danno di tessuto normale.

In collaborazione con la società svedese Kancera l'ab, ricercatori a Karolinska Institutet hanno scoperto un nuovo meccanismo che le cellule tumorali usano per riparare il danno del DNA. Nello studio corrente, i ricercatori hanno scoperto che le cellule tumorali usano una proteina chiamata PFKFB3 per riparare il danno del DNA che si presenta nella radioterapia. Hanno trovato che la proteina individua ai siti di danno del DNA nel nucleo delle cellule in cui la proteina regolamenta la capacità della cellula tumorale di riparare il suo DNA e di sopravvivere a così.

Il candidato della droga blocca la proteina

I gruppi di ricerca a Kancera ab e a Karolinska Institutet ora hanno sviluppato un nuovo candidato della droga che blocca la proteina e la sua capacità riparare il danno del DNA. Hanno dimostrato che le cellule tumorali curate con la droga non sopravvivono a sopra la radioterapia negli esperimenti del laboratorio.

“È conosciuto che i livelli elevati di PFKFB3 è molto in cellule tumorali che in celle in buona salute. Tuttavia, la scoperta che PFKFB3 regolamenta la riparazione del DNA sopra la radioterapia è nuova e molto emozionante,„ dice Nina Gustafsson, assistente universitario e leader della squadra nella medicina di traduzione al dipartimento di Oncologia-Patologia, Karolinska Institutet, che piombo lo studio insieme al professor Thomas Helleday allo stesso dipartimento.

Fondamenta per un nuovo trattamento del cancro

Dalle celle normali e in buona salute non dipenda da PFKFB3 per la riparazione adeguata del DNA, i ricercatori sperano che la terapia di combinazione con radiazione o la chemioterapia sia tollerata bene. Lo scopo ora è più ulteriormente di sviluppare la droga e di gettare la base per un nuovo trattamento del cancro con meno effetti secondari che i trattamenti attualmente disponibili.

Sorgente: https://ki.se/en/news/new-drug-candidate-makes-cancer-cells-more-sensitive-to-radiotherapy