Il nuovo progetto di UE mira ad imparare più circa i prodotti chimici d'interruzione

i prodotti chimici d'interruzione nel nostro ambiente possono pregiudicare il neurodevelopment iniziale in bambini, ma piccolo è conosciuto circa i meccanismi esatti per questa interferenza. Un nuovo progetto di ricerca costituito un fondo per UE, coordinato da Karolinska Institutet, ora mira ad imparare più ed a sviluppare i migliori strumenti di prova e della selezione.

Il progetto chiamato ENDpoiNTs (strategie novelle di prova per i disruptori endocrini nel contesto di neurotossicità inerente allo sviluppo) include 16 partner Europa, negli Stati Uniti ed in Australia. Il coordinatore per l'intero progetto è il Dott. Joëlle Rüegg, un biologo molecolare e un professore associato all'istituto di medicina ambientale (IMM), Karolinska Institutet ed anche affiliato all'organismo di ricerca Swetox. Il progetto è costituito un fondo per con il programma quadro Horizon2020 con l'EUR 6,89 milioni o circa la corona svedese 70 milioni.

I ricercatori di punti finali sperano di chiarire il nesso causale fra i prodotti chimici d'interruzione e le lesioni neurodevelopmental integrando la competenza da differente, ma oggi comunità tossicologia e in gran parte indipendenti e combinando le tecnologie sperimentali novelle con la biostatistica avanzata sui dati umani di biomonitoring ed epidemiologici. Un altro scopo importante è di assicurarsi che gli strumenti sviluppati dal progetto possano essere utilizzati con successo nella società.

Sorgente: https://ki.se/en/news/eu-project-aims-to-increase-knowledge-on-hormone-disruptors