Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

HalioDx annuncia la disponibilità di Brightplex, una tecnologia della multisala di capacità elevata IHC

HalioDx, una società dell'immuno-oncologia che apre la strada alla diagnosi immunologica dei cancri, annuncia la disponibilità di Brightplex, una tecnologia novella della multisala di capacità elevata IHC permettendo ai biomarcatori multipli di essere analizzato su una singola diapositiva di FFPE. Il flusso di lavoro è automatizzato ed approfitta del brightfield che macchia con i reagenti standardizzati, il knowhow privato e l'analisi sulla base di immagini avanzata per permettere all'analisi robusta di fino a 7 biomarcatori o ad una combinazione su una singola diapositiva.  La componente di analisi sulla base di immagini della tecnologia di Brightplex fa leva la piattaforma indica di analisi sulla base di immagini di ALONE dei laboratori.

La tecnologia mira alle attività di traduzione dell'Immuno-oncologia delle industrie farmaceutiche, un campo altamente dinamico.

Il primo comitato, Brightplex TCE, usa una combinazione di 5 biomarcatori per identificare le celle di T esaurite, cioè celle di T citotossiche con la funzione difficile dell'effettore che sostengono l'espressione dei ricevitori inibitori quale PD-1, ma anche LAG-3 o TIM-3 per cui i test clinici sono corrente in corso. È stato presentato alla quarta conferenza internazionale di immunoterapia del Cancro di CRI-CIMT-EATI-AACR il 30 settembre 2018th.

Il secondi comitato, Brightplex MDSC, usi una combinazione di 6 biomarcatori identificare i sottotipi differenti delle celle derivate mieloidi del soppressore (MDSCs), PMN-MDSCs e M-MDSCs, che finora erano rimanere difficili da identificare da IHC. La presenza di queste celle altamente immunosopressive nel microenvironment del tumore è associata con una prognosi difficile; il loro svuotamento è in esame in parecchi test clinici. La convalida del comitato di Brightplex MDSC sarà presentata alla riunione annuale di CTCI che avrà luogo il 9 novembre - undicesima, 2018.

Insieme, questi 2 comitati forniscono un insieme inestimabile degli strumenti per analizzare il contexture immune di un tumore nella ricerca di traduzione e clinica in immuno-oncologia. I comitati supplementari saranno sviluppati in base a questa nuova tecnologia di Brightplex.

“Identificare la giusta combinazione di terapia e del paziente è più che mai una sfida importante per i ricercatori clinici e le società biofarmaceutiche„, sollecita Vincent FERT, CEO e co-fondatore di HalioDx. “I nostri comitati multipli rappresentano un progresso importante nella segnatura immune, una tecnologia che può ora essere estesa per identificare altre famiglie delle celle immunosopressive per diventare mai più performant nell'immunoterapia di precisione dei cancri.„

Lo sviluppo di Brightplex TCE e di Brightplex MDSC è stato supportato dall'agenzia nazionale francese della ricerca (ANR) nel contesto del progetto pionieristico, un programma di ricerca di cinque anni che mira a capire, predire e sormontare meglio la resistenza anti-PD-1/PD-L1 nei malati di cancro avanzati del polmone.