Lo studio trova le mutazioni tipiche in prole dei soldati del radar

La prole dei soldati del radar ha esposto alle dosi elevate di radiazione durante le loro alterazioni più genetiche di esperienza di servizio che le famiglie senza esposizione a radiazioni. Ciò è stata dimostrata in uno studio pilota dal gruppo di ricerca che comprende Charité-Universitätsmedizin Berlino, l'istituto di Berlino della sanità (BIH), il centro massimo di Delbrück per medicina molecolare, università Nimega (Paesi Bassi) di Radboud e l'ospedale universitario Bonn, che ora è stato pubblicato nel giornale “rapporti scientifici„. I risultati di questo studio pilota saranno esaminati in uno studio di su vasta scala.

Fino agli anni 80, i sistemi militari del radar spesso sono stati protetti insufficientemente contro radiazione spuria emessa dai tubi di amplificatore del radar. Tali razze possono danneggiare il danno da radiazione il personale di manutenzione e di servizio. Le persone coinvolgere hanno unito le forze “nell'associazione per il supporto delle persone danneggiate dai raggi del radar. Nel 2003, una commissione degli esperti ha fatto le raccomandazioni sui premi di compensazione. Poiché alcuni bambini di ex soldati del radar soffrono dalle inabilità fisiche attribuite all'esposizione a radiazioni dei loro padri, la loro prole è ora nel riflettore. Se la radiazione piombo a danno di genotipo in questi bambini è dibattuta.

Un gruppo di ricerca da Charité-Universitätsmedizin Berlino, l'istituto di Berlino della sanità (BIH), il centro massimo di Delbrück per medicina molecolare, l'università Nimega (Paesi Bassi) di Radboud e l'ospedale universitario Bonn ora ha studiato questo problema in uno studio pilota. “Attraverso gli ultimi metodi di ordinamento di alto-capacità di lavorazione, i genoma completi dei genitori ed i loro bambini può ora essere studiato entro un breve periodo di tempo. Ciò permette che noi determiniamo le tariffe di mutazione dopo che l'esposizione a radiazioni molto più esattamente di prima„ dice il primo Dott. med dell'autore. Manuel Holtgrewe della bioinformatica dell'unità di memoria (CUBI) dell'istituto di Berlino di salubrità (BIH) e di Charité-Universitätsmedizin Berlino.

I ricercatori hanno studiato i genoma di dodici famiglie

Gli scienziati hanno studiato i genoma di dodici famiglie dei soldati del radar. Gli interi genoma della prole 18 e dei loro genitori sono stati ordinati. L'esposizione a radiazioni esatta dei soldati non può essere determinata con effetto retroattivo. I ricercatori stimano, tuttavia, che “una dose elevata„ di radiazione sia derivato dai sistemi del radar, particolarmente perché i soldati del radar sono diventato molto frequentemente malati, molti da cancro. Gli scienziati hanno paragonato le tariffe di mutazione nei genoma delle famiglie del soldato del radar a quella della prole 28 dei genitori che non sono stati esposti a radiazione.

Il fuoco era sulle cosiddette “mutazioni multicentre di de novo„ (MSDN), che già sono state dimostrate in mouse a causa di radiazione. Un MSDN è presente quando due o più difetti nei fili del DNA si presentano l'un l'altro adiacente in una riga di 20 coppie di basi. Mentre nelle famiglie senza esposizione a radiazioni, soltanto ogni quinta prole ha avuta un MSDN, nelle famiglie del soldato del radar questo era due sulla prole tre. Dodici MSDNs sono stati trovati nella prole 18 dei soldati del radar, in una famiglia effettivamente sei MSDNs in prole tre. Inoltre, in prole due, le alterazioni cromosomiche egualmente sono state individuate che hanno avute conseguenze cliniche gravi. L'origine di queste mutazioni ha potuto anche essere rintracciata di nuovo alla linea germinale paterna e soltanto raramente accade per caso.

“I risultati del nostro studio pilota indicano che una capitalizzazione di determinato danno di genotipo tramite radiazione può essere dimostrata basicamente nella generazione seguente,„ dice prof. il Dott. med. Peter Krawitz dall'istituto per le statistiche genomiche e dalla bioinformatica all'ospedale universitario Bonn. Quanto pronunciato la capitalizzazione di danno di genotipo tramite radiazione è deve essere dimostrato ancora dai più grandi studi, i risultati di cui contano su un database molto più vasto. Un gruppo che comprende Krawitz corrente pianificazione un tal studio di approfondimento insieme all'istituto della genetica umana dell'ospedale universitario Bonn, il Charité-Universitätsmedizin Berlino e l'istituto di Berlino di salubrità (BIH), che sta costituendolo un fondo per.

Sorgente: https://www.uni-bonn.de/