Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Le donne incinte con cronologia di salute mentale riconoscono diversamente le espressioni dei bambini

Uno studio pilota ha trovato diversamente che le donne incinte che hanno sofferto dalla depressione o disordine bipolare (cioè sia mania che depressione) riconoscono le fronti di taglio dei bambini e come bambini ride o grida, ai comandi sani. Ciò accade anche se corrente non stanno avvertendo i sintomi depressivi o maniaci e possono rappresentare un fattore di rischio iniziale per i bambini di queste donne, sebbene gli autori sollecitino che la ricerca sarebbe necessaria confermare tutti gli effetti a lungo termine. Questo lavoro è presentato al congresso di ECNP a Barcellona.

Le figure indicano che quasi 8% degli europei (EU) hanno sofferto dalla depressione nei 12 mesi precedenti, con la tariffa della depressione in donne (9,7%) che sono intorno 50% superiori alla tariffa negli uomini. Intorno 1% degli europei hanno sofferto da disordine bipolare nei 12 mesi precedenti. Con oltre le 5,1 milione nascite nell'UE ogni anno, un numero significativo delle donne che diventano incinte soffrirà dalla depressione o dal disordine bipolare.

I ricercatori hanno confrontato 22 donne incinte, corrente scaturiscono ma con una cronologia della depressione e 7 con disordine bipolare che erano corrente egualmente bene, contro 28 donne incinte in buona salute. Egualmente hanno esaminato 18 donne non gravide, come comandi.

Fra le ventisettesime e trentanovesime settimane della gravidanza, tutte le donne sono state esaminate a come hanno risposto ad una serie di fronti di taglio felici o tristi ed alla risata ed a gridare, sia dei bambini che degli adulti. Specificamente, le donne sono state chieste di valutare quanto felice o afflitto gli infanti sono stati basati sugli infanti facciali e sulle visualizzazioni di emozione vocali (sorrisi compresi, risata e grida). Egualmente sono state chieste di identificare le espressioni facciali adulte di emozione (felicità compresa, tristezza, timore e repulsione) attraverso i livelli di intensità varianti

Secondo il ricercatore del cavo, il Dott. Anne Bjertrup (Rigshospitalet, Copenhaghen), “in questo studio, abbiamo trovato che donne incinte con gli infanti di trattamento di disordine bipolare o della depressione facciali e segnali vocali di emozione diversamente anche quando corrente non stanno avvertendo un episodio depressivo o maniaco. Queste differenze possono alterare la capacità di queste donne di riconoscere giustamente, interpretare e rispondere ai segnali emozionali dei loro infanti futuri„.

I ricercatori hanno trovato quello, confrontato alle donne incinte in buona salute:

  • Le donne incinte con disordine bipolare hanno incontrate difficoltà con il riconoscimento di tutte le espressioni facciali ed hanno mostrato “una tendenziosità positiva di trattamento della fronte di taglio„, dove hanno mostrato il migliore riconoscimento delle fronti di taglio adulte felici e le classificazioni più positive delle fronti di taglio infantili felici.
  • Al contrario, le donne incinte con la depressione precedente hanno mostrato che una tendenziosità negativa nel riconoscimento delle espressioni facciali adulte e dell'infante stimato grida più negativamente.

Anne Bjertrup è continuato: “Questo è uno studio pilota, in modo da dobbiamo ripiegare i risultati all'interno di più grande campione. Sappiamo che la depressione ed il disordine bipolare sono altamente ereditabili, con fino a 60% dei bambini dei genitori con questi disordini affettivi più probabili sviluppare un disturbo mentale stessi. I geni svolgono un ruolo, ma è egualmente probabile che la qualità dell'interazione iniziale con la madre è importante. La risposta conoscitiva differente ai segnali infantili emozionali in donne incinte con una cronologia di mania e/o della depressione può renderla più difficile affinchè loro si riferisca al loro bambino e potrebbe così confer un rischio ambientale iniziale per il bambino.

Vale la pena di sottolineare che questo lavoro non dice che le donne commoventi sono “cattive madri„. Significa semplicemente che a causa della loro cronologia di salubrità, possono incontrano le difficoltà che interpretano giustamente e che rispondono ai bisogni emozionali dei loro infanti e che noi come i clinici devono essere più informati di queste difficoltà possibili. Questi sono inizi; ciò è la prima ricerca per mostrare questo collegamento sia nella depressione che nel disordine bipolare, in modo da abbiamo bisogno di ulteriori studi di progettare e verificare i programmi iniziali di intervento e della selezione possibilmente che comprendono i modi quale formeranno le madri per interpretare meglio i segnali dai loro bambini.

Ma soprattutto, abbiamo bisogno della prova di tutto l'effetto sui bambini; il nostro gruppo ha uno studio in corso delle madri con i disordini affettivi e dei loro infanti, per vedere se che cosa abbiamo trovato effettivamente fa una differenza all'interazione dell'madre-infante, che ha un impatto sullo sviluppo psicologico del bambino - questo è qualcosa che il lavoro presentato qui non indirizzi„.

Commentando, il professor Eduard Vieta (istituto di neuroscienza, università di Barcellona) hanno detto: “Questo studio aggiunge alla letteratura scientifica crescente che mostra la tendenziosità emozionale nella gente con i disordini di umore, anche quando sono nella remissione e per la prima volta che mostra che le madri delle difficoltà hanno nell'identificazione delle emozioni nei loro propri neonati. I risultati, tuttavia, non implicano affatto che le donne con tali circostanze non abbiano potute allevare correttamente un bambino e non prova alcun rischio per i loro bambini poiché i dati longitudinali stanno mancando di. Questo lavoro può aiutarci ad identificare gli obiettivi per i trattamenti farmacologici e psicologici, che a loro volta possono aiutare la gente con la depressione ed il disordine bipolare„.

Il professor Vieta non è stato non coinvolgere in questo lavoro, è un commento indipendente.