La complessità dei limiti dell'ambiente del lavoro cura dal raggiungimento dello stile di vita sano

Il cambiamento dei comportamenti multipli è difficile nelle alte occupazioni di sforzo con i programmi esigenti quale professione d'infermiera, secondo un nuovo studio pubblicato nel giornale di educazione alimentare e di comportamento

Ricerchi fra i rapporti degli infermieri meno linee guida di attività fisica di raduno di che 10 per cento e mangi una dieta sana. L'associazione degli infermieri dell'americano ha sottolineato questa emissione dichiarando 2017 come l'anno dell'infermiere in buona salute. Un nuovo studio pubblicato nel giornale di educazione alimentare e di comportamento ha trovato che malgrado la fornitura dei pedometri, uno smartphone app e l'accesso ad un gruppo di Facebook, partecipanti di studio non potevano cambiare i loro livelli di attività fisica e di dieta allo stesso tempo.

“La complessità del luogo di lavoro degli infermieri limita il numero dei programmi del posto di lavoro per aiutarle per raggiungere e mantenere uno stile di vita sano,„ ha detto l'autore principale Luciana Torquati, il PhD, il banco di movimento umano e le scienze di nutrizione, università di Queensland, Brisbane, Australia. “Lo scopo di questo studio era di valutare e capire i fattori chiave per superare le barriere a creare i programmi per aiutarli per cambiare i comportamenti non sani.„

Questo studio ha reclutato 47 infermieri che lavorano direttamente nel pronto soccorso, nelle unità di cure intensive, o negli impianti del ricoverato a due ospedali metropolitani in Australia. La maggioranza era femminile e lavorante a tempo pieno e più mezzo stavano lavorando almeno uno spostamento di notte. Una valutazione iniziale delle misure e dei questionari dell'organismo incluse partecipanti circa salubrità auto-stimata, interesse nell'adozione dei comportamenti più sani e supporto sociale disponibile. I partecipanti sono stati invitati a indossare un accelerometro per i sette giorni consecutivi. Gli infermieri sono stati chiesti di definire gli obiettivi realistici di salubrità, mettendo a fuoco sui piccoli e cambiamenti sostenibili ai loro livelli di attività fisica e di dieta.

Per supportare i loro scopi durante l'intervento di tre mesi, vari strumenti sono stati forniti compreso un pedometro, uno smartphone app e un gruppo di Facebook. Alla fine di tre mesi di questionari compilati partecipanti, le misure sono state catturate e sono state chieste di nuovo per indossare un accelerometro per tenere la carreggiata la durata e l'intensità di attività fisica. I simili dati sono stati riuniti dopo sei mesi per determinare se del progresso fosse stato sostenuto.

Dopo l'intervento, l'assunzione della verdura e della frutta è aumentato significativamente, mentre l'attività fisica leggermente è diminuito. Il feedback ha indicato che era più facile da cambiare la dieta che diventare più fisicamente attivo. Gli strumenti per facilitare il cambiamento parzialmente sono stati usati soltanto dagli infermieri che partecipano con molto pochi paletti fatti al gruppo di Facebook o compartecipi al app. Ciò ha provocato il supporto sociale fra i partecipanti che sono più bassi di quanto preveduti con incoraggiamento minimo fra i colleghi.

Alcune delle ragioni date per la partecipazione hanno compreso la mancanza di tempo, il materiale fornito non stava facendo appello a, o hanno preferito un programma alterno di perdita di peso. L'altro feedback ha compreso avere pasto pianificazione disponibile ed aggiungendo le diverse consultazioni al video progrediscono. Gli infermieri hanno ritenuto che la partecipazione allo studio aumentasse la loro consapevolezza delle loro abitudini alimentari e la mancanza di attività fisica.

“C'era una discrepanza fra che infermieri hanno detto che hanno voluto durante lo studio e che cosa sono stati preparati fare,„ ha detto il Dott. Torquati. “Gli studi futuri dovrebbero prendere in considerazione la motivazione primaria di una persona più la prontezza da cambiare quando crea le strategie.„

Sorgente: https://www.elsevier.com/