Il controllo del tabacco deve essere più prioritario nella pianificazione nazionale di controllo del cancro, dice il rapporto

Il più prioritario in una pianificazione nazionale di controllo del cancro deve essere espansione di controllo del tabacco--l'intervento con le più grandi indennità-malattia potenziali--secondo un nuovo rapporto americano dell'associazione del cancro, il secondo in una serie degli articoli che informano insieme le priorità per una pianificazione completa di controllo del cancro. Il rapporto, comparente nel CA: Un giornale del Cancro per i clinici, dice che sebbene alcuni interventi di prevenzione del cancro, come aumento delle tariffe della vaccinazione di HPV, possano essere applicati equo rapidamente, altri, compreso la promozione dell'accesso agli ambienti viventi più sani ed indirizzare i fattori determinanti sociali di salubrità, richiederà gli sforzi concordati e continui.

Il secondo articolo in serie mette a fuoco su prova attuale circa i fattori di rischio stabiliti e modificabili per cancro, il carico del cancro negli Stati Uniti dovuto ogni fattore di rischio e raccomandazioni ed interventi primari stabiliti di prevenzione diminuire l'esposizione ad ogni fattore di rischio. Il rapporto piombo da Susan M. Gapstur, il Ph.D., il MPH, vicepresidente senior dell'associazione del cancro americana della ricerca dell'epidemiologia e comportamentistica.

Il rapporto mette a fuoco su parecchi fattori di rischio modificabili importanti:

Tabacco: Più della metà del declino di 26% nei tassi di mortalità del cancro negli Stati Uniti dal 1991 è dovuto le riduzioni del tabagismo. Malgrado questo progresso, il tabagismo (fumo attivo e di seconda mano) rimane la maggior parte della causa comune dei cancri diagnosticati (19,4%, n=304,880) e morte del cancro (29,6%, n=173,670). Inoltre, le spese sanitarie dirette annuali di tabacco negli Stati Uniti sono valutate $170 miliardo e risultati di uso del tabacco in $156 miliardo nella produttività persa. C'è considerevole prova che il controllo del tabacco può impedire più morti del cancro che qualunque altra strategia primaria di prevenzione.

Il profilo demografico di odierno fumatore ha passato l'ultimo mezzo secolo.

Oggi, l'uso del tabacco è più prevalente fra le persone con l'istruzione più bassa; reddito più basso; all'interno delle popolazioni vulnerabili, quali le persone con la malattia mentale o la dipendenza ad altre sostanze; presso la lesbica, gay, bisessuale, comunità (LGBT) del transessuale; ed in seno a determinato razziale o ai gruppi etnici. Gli sforzi migliorati per raggiungere i gruppi che sono più probabili fumare sono necessari più ulteriormente diminuire la prevalenza di uso del tabacco.

Obesità e peso eccessivo: Negli Stati Uniti, approssimativamente, 7,8% dei casi del cancro nel 2014 sono stati attribuiti a grasso in eccesso dell'organismo, in secondo luogo soltanto al tabagismo. Il suo contributo era più alto fra le donne (10,9% dei casi) che fra gli uomini (4,8% dei casi). Fra le donne, 60,3% di cancro uterino e, fra gli uomini e le donne combinati, più di 30% della cistifellea, fegato ed il rene/i cancri renali come pure l'adenocarcinoma esofageo sono stati attribuiti a grasso in eccesso dell'organismo. Malgrado chiara prova che il grasso in eccesso dell'organismo contribuisce sostanzialmente al rischio di cancro, l'impatto completo dell'epidemia dell'obesità sul carico del cancro, compreso l'effetto a lungo termine dell'obesità che comincia nell'infanzia, deve ancora completamente essere capito.

Alcool: L'alcool è il terzo contributore modificabile principale più-importante a cancro, connesso con 6,4% dei cancri in donne e 4,8% dei cancri negli uomini nel 2014. Tuttavia, per alcuni cancri, la frazione attribuibile supera 10%; fra gli uomini e le donne combinati, i 40,9% stimati dei cancri faringe/della cavità orale, 23,2% dei cancri della laringe, 21,6% dei cancri di fegato, 21% dei cancri esofagei e 12,8% dei cancri colorettali sono stati attribuiti al consumo dell'alcool. Considerevolmente, fra le donne, l'ingestione di alcol ha rappresentato 16,4% di tutti i casi, o 39.060 cancri al seno nel 2014.

Dieta: La combinazione di calcio basso, di fibra e di assunzione della verdura e della frutta e di assunzione su rossa ed elaborata della carne è stimata per causare 4,2% dei cancri fra gli uomini e le donne combinati. Tuttavia, c'era la considerevole variazione attraverso i fattori dietetici specifici ed i tipi di cancri. Per esempio, 5,4% dei cancri colorettali sono associati con le alte cause del consumo della carne rossa, 8,2% con il consumo della carne elaborato livello e 10,3% e 4,9% per il consumo dietetico basso del calcio e della fibra, rispettivamente. Il consumo basso della verdura e della frutta è stato attribuito a 17,6% e a 17,4% dei cancri della cavità orale/faringe e della laringe, rispettivamente. Una mancanza di chiara prova circa il ruolo delle esposizioni dietetiche di vita in anticipo come pure di molte altre ipotesi dietetiche significa che la percentuale dei cancri attribuibili alla dieta può continuare ad aumentare oltre i preventivi correnti una volta di più è conosciuta.

Inattività fisica è stimato che 2,9% di tutti i casi del cancro negli Stati Uniti nel 2014 siano stati attribuibili ad attività fisica bassa, con il contributo maggior fra le donne (4,4%) che fra gli uomini (1,5%). Il cancro con il più alta percentuale relativa ad attività fisica bassa era cancro uterino (26,7%), seguito da cancro colorettale (6,3% fra gli uomini e le donne combinati). Poichè i tipi supplementari del cancro sono determinati causale per essere associati con gli importi bassi di attività fisica, il numero totale dei casi del cancro attribuito ad attività fisica bassa continuerà ad aumentare.

Negli Stati Uniti, i 13,9% stimati dei cancri fra gli uomini e 22,4% fra le donne nel 2014 erano attribuibili alla combinazione di peso corporeo in eccesso, di dieta difficile, di inattività fisica e di consumo dell'alcool. L'inversione dell'epidemia dell'obesità ed aumentare la prevalenza del cibo sano e della vita attiva tengono il considerevole potenziale per la diminuzione l'incidenza e dei tassi di mortalità del cancro. Raggiungendo questo potenziale, scriva gli autori, richiederà un approccio completo, compreso gli interventi basati a prova e primari di prevenzione che mirano alle comunità ed alle persone.

il consumo di bevande Zucchero-zuccherato è stato associato coerente con obesità, il peso eccessivo e l'obesità. Coerente con l'efficacia di riscossione delle tasse del tabacco sulla diminuzione dell'uso dei prodotti del tabacco, la vasta entrata in vigore delle accise su questi prodotti ha il potenziale di diminuire il consumo di bevande zuccherate lo zucchero.

Negli Stati Uniti, un 4% stimato dei cancri umani è attribuito agli agenti infettante. Per parecchi tipi di cancri, gli agenti infettante sono i fattori di rischio conosciuti dominanti. Il rapporto dettaglia sei degli undici agenti patogeni classificati come essendo agenti cancerogeni umani: Pilori del H. (il solo batterio), papillomavirus umano (HPV), epatite B, epatite virale C, Epstein-Barr e virus dell'immunodeficienza umana (HIV).

I preventivi recenti indicano che circa 95% di tutti i casi cutanei del melanoma negli Stati Uniti può essere attribuibile ad esposizione a radiazioni UV dal sole e dall'abbronzatura dell'interno. Più di 9000 uomini e donne muoiono ogni anno dal melanoma negli Stati Uniti da solo.

La proporzione di radiazione ionizzante che il grande pubblico è esposto a quello viene dalle sorgenti mediche è aumentato significativamente. Negli anni 80, l'esposizione dalle cose come le procedure diagnostiche e terapeutiche ha rappresentato 15% di esposizione a radiazioni totale. Da ora al 2006, quella proporzione era aumentato a 48%. Il grande aumento è stato attribuito agli importante crescite nel numero delle procedure di CT.

L'esposizione del radon ha causato 13% (21.000) di tutte le morti del cancro polmonare negli Stati Uniti nel 1995, rendendo a radon la seconda causa principale del cancro polmonare dietro fumare. Secondo una valutazione del rischio dal Consiglio nazionale delle ricerche, circa 3% - 4% di tutte le morti del cancro polmonare negli Stati Uniti hanno potuto essere impediti attenuando tutte le case con i livelli del radon pari o al di sopra del livello di atto di EPA.

“Una pianificazione completa di controllo del cancro ha progettato per supportare l'entrata in vigore agli degli interventi basati a prova, compreso gli interventi di prevenzione del cancro come quelle abbiamo descritto abbiamo potenziale enorme di diminuire sostanzialmente il numero delle persone diagnosticate con e morendo dal cancro,„ ha detto il Dott. Gapstur. “È la responsabilità del governo e l'industria come pure la salute pubblica, medico e le comunità scientifiche di lavorare insieme per investire dentro ed applicare una pianificazione completa di controllo del cancro al livello nazionale e per supportare ed ampliare le iniziative in corso allo stato ed ai livelli locali. Se non riusciamo a agire in tal modo, rallenteremo il progresso nei nostri sforzi nazionali per diminuire il carico di cancro.„

Sorgente: http://pressroom.cancer.org/Ch2Blueprint