Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ricercatore di tecnologia della Virginia riceve $1,7 milioni per studiare il virus Herpes simplex

L'istituto nazionale dei disordini neurologici e del colpo (NINDS) degli istituti della sanità nazionali ha assegnato Andrea Bertke, un assistente universitario delle malattie infettive nel dipartimento delle scienze di salubrità della popolazione nell'istituto universitario di Virginia-Maryland di medicina veterinaria a tecnologia della Virginia, $1,7 milioni per studiare il regolamento neurone-specifico dei virus Herpes simplex 1 e 2 (HSV1 e HSV2).

HSV1 e HSV2 sono altamente contagiosi ed incurabili. I virus stabiliscono la latenza in neuroni sensoriali ed autonomi (cellule nervose), da cui possono riattivare per causare la malattia ricorrente, pregiudicanti più di 250 milione di persone negli Stati Uniti da solo, secondo Bertke.

HSV1 è associato tipicamente con le febbri, anche conosciute come herpes orale e HSV2 con herpes genitale, sebbene l'uno o l'altro uno possa essere trasmesso a qualsiasi sito. Oltre alle lesioni cutanee ed al dolore, possono causare l'infezione, la meningite e l'encefalite oculari d'abbaglio. Infatti, HSV1 è una delle cause di piombo di cecità corneale contagiosa nel mondo e, secondo i preventivi dell'organizzazione mondiale della sanità, sopra le miliardo genti mezza fra le età di 15-49 anni faccia causare l'infezione genitale da HSV1 o da HSV2.

Alcuni tipi di neuroni supportano la replica di HSV sopra l'entrata, mentre altri tipi inibiscono naturalmente la replica, con conseguente latenza. HSV riattiva soltanto da una parte dei neuroni latente infettati, causando la malattia ricorrente e lo spargimento virale. Inoltre, i sottotipi dei neuroni che supportano questi risultati differenti dell'infezione sono differenti per HSV1 e HSV2.

“Lo scopo di questo progetto è di capire come alcuni neuroni hanno interrotto naturalmente inizialmente la replica del virus e che meccanismi inibitori intrinsechi in quei neuroni la chiudono giù,„ Bertke ha detto. “Se possiamo trovare quei meccanismi, possiamo sfruttarli per impedire la replica in tutti i neuroni.„

Gli studi precedenti sui meccanismi regolatori di HSV hanno contato sugli interi tessuti, sulle linee cellulari, o sulle culture di un neurone embrionali, che non permettono l'analisi dei meccanismi tipo-specifici del neurone.

“Come questi meccanismi differiscono fra HSV1 e HSV2, piombo ai reticoli ed alle frequenze differenti della malattia ricorrente, grossolanamente understudied,„ Bertke ha detto. “Capire come i tipi differenti di neuroni maturi regolamentano le infezioni virali rappresenta uno spazio significativo nella conoscenza, una che è di importanza critica, poiché i neuroni sono celle alla fine differenziate longeve sostituite non facilmente in adulti.„

Il gruppo di ricerca di Bertke precedentemente ha determinato che in neuroni sensoriali adulti, la presenza continua di determinati fattori neurotrophic mantiene HSV in uno stato latente e la privazione di questi fattori induce selettivamente la riattivazione virale. Con la nuova concessione quinquennale, il gruppo costruirà sul loro lavoro per identificare che cosa chiamano “il blocco della latenza„ - lo sviluppo di una molecola o antivirale che può chiudere sul virus e permanentemente chiuderla a chiave in uno stato latente incapace della riattivazione, in qualsiasi tipo di neurone.

“In questi studi, identificheremo le vie specifiche di segnalazione del neurone che permettono che il virus riattivi e determinare se ci sono inibitori che impediranno il trattamento della riattivazione,„ ha detto Bertke. “Se possiamo un quei meccanismi, possiamo potere permanentemente interrompere il virus. Poi, non avremo mai la malattia ricorrente o spargimento virale e non lo avremo mai spargerci ad altri host.„

Altri studiosi di tecnologia della Virginia sul personale addetto al programma includono Telvin Harrell, studente di Ph.D. nell'istituto universitario veterinario biomedico ed il programma delle scienze veterinarie e le precedenti opportunità accademiche multiculturali programmano il mentee nel laboratorio di Bertke; Poorna Goswami, studente di Ph.D. nella biologia, nella medicina e nella salubrità di traduzione; Lindsey Henry, lo studente della lastra nella salute pubblica; e due studenti universitari, Abbott, minori ambrati nella microbiologia ed in ONG di Dominique, in senior nella biologia e nello Spagnolo. Jack Thompson, senior in biochimica, contribuita per elaborare i dati preliminari per il progetto.

Altri collaboratori sul progetto includono Seth Frietze, assistente universitario all'università di istituto universitario del Vermont delle scienze di salubrità e di professione d'infermiera e al co-ricercatore sulla concessione ed Anna Cliffe, assistente universitario all'università di scuola di medicina della Virginia.

Ciò è in secondo luogo la concessione di Bertke da NINDS questo anno; il primo era una concessione biennale ricevuta ad aprile. Lei e il co-ricercatore David Davido, professore associato all'università di Kansas, stanno lavorando per identificare il ruolo HSV1 di una proteina, ICP0, nella latenza e nella riattivazione in neuroni.

Sorgente: https://vtnews.vt.edu/articles/2018/10/vetmed-bertke-grant.html