Il nuovo vaccino mostra l'efficace protezione nei modelli animali di febbre di Lassa

La febbre di Lassa appartiene alla stessa classe di febbri emorragiche di Ebola. Come Ebola, è stato una minaccia importante di salubrità in Africa occidentale, infettante 100,000-300,000 genti e mortale 5.000 all'anno. Un nuovo vaccino contro sia la rabbia che Lassa ha dimostrato l'efficace protezione nei modelli animali della malattia, secondo la ricerca che pubblica nelle comunicazioni della natura del giornale, l'11 ottobre. La ricerca egualmente indica un nuovo modo provare a protezione contro il virus, un'individuazione che potrebbe accelerare significativamente lo sviluppo del vaccino in esseri umani.

“Questo vaccino a due componenti ha mostrato che la buona protezione dall'esposizione agli entrambi virus digita dentro gli studi sugli animali preliminari,„ ha detto Matthias senior Schnell autore, presidenza del dipartimento di microbiologia e dell'immunologia a Jefferson (università di Filadelfia + università di Thomas Jefferson) e Direttore del centro del vaccino di Jefferson. Poiché il vaccino è inattivato e basato su un vaccino antirabbico che è stato usato per le decadi, il profilo di sicurezza del vaccino di combinazione è eccellente e probabilmente cassaforte abbastanza amministrare alle donne incinte, che hanno un ad alto rischio dell'aborto una volta infettate con il virus di Lassa. Inoltre, può probabilmente essere prodotto in un formato liofilizzato stalla che è di facile impiego in cliniche che mancano della refrigerazione.

“Forse più d'importanza, tuttavia, abbiamo scoperto come provare a protezione, in grado di migliorare notevolmente la nostra capacità di tradurre questi risultati in vaccino umano-pronto,„ abbiamo detto il Dott. Schnell.

I risultati indicano un cambiamento in come i ricercatori analizzeranno per la potenza nello sviluppo del vaccino del virus di Lassa e potrebbero avere implicazioni per altri virus di febbre emorragica pure.

Poiché sarebbe immorale verificare l'efficacia vaccino intenzionalmente esponendo la gente ad un agente patogeno, i ricercatori vaccino invece provano a cosiddetti sostituti di immunità, un proxy per la protezione immune, in base ai risultati dagli studi sugli animali.

Uno dei sostituti più comuni per i vaccini contro gli agenti patogeni virali è l'anticorpo di neutralizzazione - uno degli anticorpi fatti durante la reazione immune che lega e blocca la parte del virus che le guide entrano ed infettano nelle celle. “L'anticorpo di neutralizzazione funziona come mettere la colla su un tasto,„ dice primo l'autore Tiago Abreu-Mota, studente di MD/PhD nel laboratorio del Dott. Schnell che visualizza dall'università di Minho, Portogallo. “Da junking-up il tasto, o la molecola dell'entrata, il virus può più non aprire la porta alla cella.„

Sebbene la risposta immunitaria generi gli anticorpi che combattono l'infezione in altri modi, l'anticorpo di neutralizzazione è stato qualcosa di un sistema monetario aureo in via di sviluppo lo sviluppo del vaccino. Gli alti livelli sono solitamente una buona indicazione che la reazione immune è abbastanza forte deviare la malattia virale.

Nel caso del virus di Lassa, tuttavia, gli anticorpi di neutralizzazione non sono stati sostituti molto buoni, poiché sono prodotti in quantità molto più bassa.

Il Dott. Schnell, insieme ai colleghi dagli istituti nazionali dell'allergia e malattia infettiva (NIAID) e università di California, San Diego (UCSD), ha esaminato gli anticorpi contro altre parti della glicoproteina del virus di Lassa. Sebbene questi anticorpi non possano bloccare l'infezione, i ricercatori hanno indicato che nel caso di Lassa, possono essere abbastanza efficaci ad etichettare il virus o la cella infettata da virus con un gavitello per l'identificazione più rapida da altre celle immuni della difesa, quale la cella immune dell'uccisore naturale.

I ricercatori hanno usato questo concetto per sviluppare una nuova prova per quantificare il numero delle celle uccise tramite l'attacco delle cellule dell'anticorpo tagging/NK, creante un nuovo sostituto della protezione contro la malattia emorragica del virus di Lassa, in base alla citometria a flusso. Egualmente hanno indicato che certa classe di IgG contro il virus di Lassa è utile.

Il nuovo sostituto della protezione aiuterà nello sviluppo di un vaccino più potente contro il virus di Lassa. I ricercatori egualmente stanno esplorando altri approcci per contribuire a determinare la protezione vaccino nel campo.

Sorgente: https://www.jefferson.edu/

Advertisement