I punti di Cornell forniti dei frammenti dell'anticorpo offrono una nuova arma del cancro

alla la rappresentazione basata a anticorpo di un modulo particolarmente aggressivo di cancro al seno sta subendo i test clinici universalmente, ma il percorso dalla prova all'applicazione sta impedendo da un ostacolo importante: sicurezza.

Le preoccupazioni provengono dal tumore inefficiente che mira, che può provocare la capitalizzazione nel midollo osseo, nel fegato e nei reni del materiale radioattivo necessario per la rappresentazione. Gli sforzi recenti hanno messo a fuoco sui vettori del nanoscale con le componenti immuni, ma questi veicoli sono spesso ancora troppo grandi (20 nanometri o più grandi) per clearance renale dopo la rappresentazione.

Ulrich Wiesner, Spencer T. Olin professore di assistenza tecnica nella scienza dei materiali e di assistenza tecnica alla Cornell University, in collaborazione con il Dott. Michelle Bradbury del centro del Cancro di Sloan Kettering e (MSKCC) della medicina commemorativi di Weill Cornell, ha proposto un approccio novello facendo uso delle nanoparticelle ultrasmall della silice - meglio conosciute come “Cornell punteggia„ (o punti di C) - inventate nel suo laboratorio più di dozzina anni fa.

Il loro gruppo - compreso i ricercatori alla ditta farmaceutica MedImmune - ha fornito i punti di C dei frammenti dell'anticorpo. Poiché i coniugati risultanti sono più piccoli di 8 nanometri, questi punti di C tengono conto clearance renale mentre raggiungono la specificità stata necessaria per l'ottimizzazione efficiente del tumore.

Riferiscono la loro scoperta “in nanoparticelle mirate a Ultrasmall con i frammenti costruiti dell'anticorpo per rilevazione della rappresentazione del cancro al seno di HER2-Overexpressing,„ 8 ottobre pubblicato nelle comunicazioni della natura. Feng Chen, ricercatore senior a MSKCC e Kai mA, ricercatore postdottorale nel laboratorio di Wiesner, è autori del co-cavo.

Wiesner ha detto che questa ricerca crea “un'intera nuova pista„ per impiegare i frammenti per una serie di malattie, il cancro dell'anticorpo in particolare e per i sistemi diagnostici come pure la consegna della droga - una volta combinato in una singola entità anche conosciuta come “theranostics.„

“Questo è la prima volta abbiamo lavorato con questi frammenti dell'anticorpo,„ Wiesner ha detto, “quindi sfruttando la potenza degli anticorpi nella lotta contro cancro.„

I punti di Cornell e la loro più nuova generazione - “Cornell definita punti principali,„ o semplicemente punti di C - si sono evoluti da Wiesner e dal suo gruppo li hanno introdotti nel 2005 e da quando, in collaborazione con Bradbury, un primo test clinico li ha reputati sicuri per gli esseri umani nel 2014. Due anni fa, i punti sono stati indicati per avere la capacità non solo di individuare le cellule tumorali ma di essere auto-terapeutici quindi realmente uccidendole.

Ciò l'ultima ricerca mette i punti di C nuovamente dentro il ruolo del Cancro-cercatore, ma aggiunge “un cercatore del tumore„ sotto forma di frammento dell'anticorpo. Hanno usato un frammento particolare dell'anticorpo a y, rispetto all'intera molecola, per tenere il punto di C all'interno della soglia di dimensione per clearance renale.

L'obiettivo: Cancro al seno di HER2-positive, più aggressivo ed estremamente che il cancro di HER2-negative, rendentegli un obiettivo attraente per i nuovi sistemi diagnostici e terapie. Nella collaborazione, MedImmune ha costruito un frammento dell'anticorpo specificamente per mirare alla proteina HER2 e ad un sito di coniugazione che non interferiscono con la sua attività obbligatoria. I gruppi di Wiesner e Bradbury, nel frattempo, hanno lavorato insieme per fissarlo alla superficie del punto di C per tenere il coniugato globale inferiore a 8 nanometri di diametro.

Il punto stesso è stato sintetizzato in un modo che gli ha dato cinque funzioni distinte, tutto all'interno della sua dimensione ultrasmall di 6 - 7 nanometri.

Sia in vitro che in vivo (mouse) l'ottimizzazione delle celle di cancro al seno di HER2-positive riusciva, con in vivo l'assorbimento del tumore dei punti iniettati alti quanto 17,2 per cento, il più alto Wiesner e Bradbury hanno raggiunto in tutto della loro ricerca del punto di C.

“L'iniezione circola con il sangue e deve sfuggire al sistema vascolare, deve diffondersi attraverso il tessuto connettivo, deve associarsi con il tumore e poi il genere di penetra l'organismo del tumore,„ Wiesner ha detto. “Vogliamo 100 per cento - tutti vogliono 100 per cento. Ma quando considerate tutte altre cose che sono in competizione per il veicolo altrove nell'organismo, 17 per cento non sono quello piccolo.„

Bradbury, che con Wiesner dirige il centro diMSK-Cornell per la traduzione di Cancro Nanomedicines, chiama il punto di C “un cacciagione-commutatore„ alla nella consegna basata a nanoparticella della droga.

“Questi risultati della ricerca sono molto emozionanti,„ ha detto, “come suggeriscono che potremmo specificamente consegnare varie piccole terapie della molecola - chemioterapia, inibitori e radioterapia - senza la tossicità trovata tipicamente facendo uso di più grandi sonde della particella.„

Studente di laurea Melik Turker dal gruppo di Wiesner anche contribuito a questo lavoro, come ha fatto ricercatori da Sloan Kettering e l'università del Missouri.

Sorgente: http://news.cornell.edu/stories/2018/10/latest-cornell-dot-features-new-cancer-weapon-antibodies