Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: L'alloggio accessibile con i servizi sociali complementari per gli anziani può diminuire l'uso dell'ospedale

Investendo in alloggio accessibile che offre i servizi sociali complementari agli anziani su Assistenza sanitaria statale ha il potenziale di diminuire i ricoveri ospedalieri ed il lasso di tempo che ha bisogno della cura di ospedale del ricoverato dai migliori stati di salute cronici di gestione, secondo uno studio di Rutgers.

Lo studio recentemente è stato pubblicato negli affari di salubrità del giornale.

Mentre la ricerca priore ha indicato che le condizioni di alloggio pregiudicano i risultati di salubrità degli anziani, ci sono informazioni limitate sui servizi di sostegno di effetto - compreso le valutazioni fisiche e psicologiche; consiglio ed avvocatura; educazione sanitaria; programmi di benessere e di attività fisica e di socializzazione; -- abbia sul benessere degli anziani e sui servizi costosi dell'ospedale per i beneficiari di Assistenza sanitaria statale.

La ricerca piombo da Michael Gusmano, un professore associato di criterio di integrità al banco di Rutgers della salute pubblica ed al membro dell'istituto di Rutgers per salubrità, polizza di sanità e la ricerca di invecchiamento. Lo studio esaminato se un programma ha fornito ai beneficiari anziani di Assistenza sanitaria statale attraverso un gruppo senza scopo di lucro e a livello comunitario in Queens, New York, diminuirebbe l'uso dell'ospedale, compreso gli scarichi dell'ospedale per alle le circostanze cura sensibili ambulatorie che, se gestite bene, non dovrebbero richiedere l'ammissione ad un ospedale.

Secondo Gusmano, la ricerca ha indicato che lo scarico valuta e la lunghezza delle degenze in ospedale era più bassa nei beneficiari di Assistenza sanitaria statale che hanno vissuto nell'ambiente dell'alloggio che ha offerto i servizi sociali complementari, rispetto agli anziani nella stessa vicinanza che vivono senza queste amenità. Ciò suggerisce che l'investimento continuato in alloggio con i servizi sociali complementari possa diminuire le degenze in ospedale costose e fare diminuire la spesa per gli adulti più anziani vulnerabili, ha detto.

“Questi risultati sono coerenti con il reclamo che i programmi di alloggio di questa gente di guida di ordinamento restano sani e, forse più d'importanza, aiutile per ricevere la salubrità e servizi sociali che li permettono di gestire le loro circostanze croniche,„ ha detto Gusmano. “Ricevendo il supporto tempestivo e appropriato nella comunità questa popolazione vulnerabile può potere evitare l'ospedalizzazione o usarla almeno spesso di meno.„

Sorgente: https://news.rutgers.edu/elderly-housing-supportive-social-services-can-reduce-costly-hospital-use-rutgers-study-finds/20181010#.W7979ZNKg8Y