Gli scienziati scoprono l'obiettivo primario e diretto dell'alcool nel cervello

Quando l'alcool entra nel cervello, causa i neuroni in una regione specializzata chiamata l'area tegmental ventrale, o VTA -- anche conosciuto come “il centro di piacere„ -- per rilasciare la dopamina, un neurotrasmettitore che produce quelle sensazioni ottimistiche e dice al cervello che qualunque ha sperimentato appena vale la pena di ottenere più di.

Gli scienziati lungamente hanno cercato il primo punto nella via molecolare da cui l'alcool induce i neuroni nel VTA a rilasciare la dopamina.

Ora, i ricercatori nel centro per la ricerca dell'alcool in Epigenetics all'università dell'Illinois a Chicago riferiscono in neurofarmacologia del giornale, che l'alcool blocca un canale del potassio chiamato KCNK13 che si siede all'interno della membrana dei neuroni dirilascio nel VTA. Quando il canale del potassio ottiene bloccato, i neuroni aumentano la loro attività e rilasciano più dopamina.

“Il canale KCNK13 assolutamente è richiesto affinchè l'alcool stimoli la versione di dopamina da questi neuroni,„ ha detto il segno Brodie, professore della fisiologia e della biofisica nell'istituto universitario di UIC di medicina e autore principale dello studio. “Senza il canale, l'alcool non può stimolare la versione di dopamina e così bere è meno rewarding probabile. Pensiamo che il canale KCNK13 presenti un nuovo obiettivo estremamente emozionante per le droghe che potrebbero potenzialmente aiutare la gente con l'alcool ad usare il disordine per smettere di bere.„

Altre droghe sul servizio per trattare le sensibilità di causa di disordine di uso dell'alcool della nausea con bere, o da interferire con l'atto di alcool in altre parti del cervello.

“Le droghe attualmente disponibili diminuiscono l'impatto dell'alcool sul cervello che è analogo girando giù il volume su una stereotipia,„ lui hanno detto. “Una droga che avrebbe mirato a KCNK13 sarebbe differente in quanto sarebbe stata come un interruttore acceso/spento. Se ha spento, l'alcool non avvierebbe appena la versione aumentata della dopamina.„

Brodie ha spiegato quello senza il canale, il VTA ancora potrebbe rilasciare la dopamina in risposta ad altre indulgenze piacevoli, come il dolce di cioccolato.

“Questo canale sembra essere specifico agli effetti dell'alcool nel VTA, così mirargli con una droga inumidirebbe gli effetti dell'alcool soltanto,„ ha detto.

Brodie ed i suoi colleghi hanno usato le tecniche genetiche per diminuire KCNK13 nel VTA dei mouse da circa 15 per cento rispetto ai mouse normali. Una volta permessi alla baldoria sull'alcool, questi mouse hanno bevuto mouse del normale per cento di 30 - di 20 per cento più.

“Crediamo che i mouse con meno KCNK13 nel VTA abbiano bevuto il più alcool per raggiungere la stessa “ricompensa„ dall'alcool dei mouse normali, presumibilmente perché l'alcool stava avviando la versione di meno dopamina nei loro cervelli,„ Brodie abbiamo detto.

In un altro esperimento, i ricercatori hanno esaminato la risposta dei neuroni nella regione di VTA catturata dai mouse che hanno espresso meno KCNK13. Quando questi neuroni sono stati esposti all'alcool, erano 50 per cento meno rispondenti all'alcool che i neuroni di VTA dai mouse normali.

Brodie specula che le variazioni nella quantità del canale KCNK13 potrebbero partecipare a gente determinata di predisposizione a bere di baldoria.

“Se qualcuno ha naturalmente livelli più bassi di questo canale, quindi per produrre gli effetti piacevoli dell'alcool, che la persona dovrebbe bere molto più e può essere all'elevato rischio per disordine di bevanda di baldoria,„ ha detto.

Brodie ed i suoi colleghi continueranno a studiare il ruolo di KCNK13 ed ad esaminare come la manipolazione selettiva del canale in altri aree del cervello e tipi delle cellule potrebbe alterare i comportamenti in relazione con l'alcool.

“Siamo i primi per indicare che KCNK13 è un obiettivo primario e diretto dell'alcool e che questo canale è importante per il consumo di regolamentazione dell'alcool. KCNK13 rappresenta un obiettivo novello per lo sviluppo delle droghe di disordine di uso dell'alcool, di cui abbiamo oggi relativamente pochi,„ Brodie ha detto.

Sorgente: https://today.uic.edu/researchers-uncover-new-target-of-alcohol-in-the-brain