Lo studio suggerisce la nuova strategia per uccidere le celle del melanoma

Pensi alla proteina BH3 come una barretta che spegne un'opzione di sopravvivenza della cellula tumorale. Il problema è che la maggior parte delle cellule tumorali hanno trovato i modi eliminare questa “barretta„ - comunemente, rompendo l'atto di un gene chiamato p53 che mette in movimento la barretta BH3. Ora pensi a Bcl-2 come l'opzione stesso. Quando il cancro rompe p53, la barretta BH3 non passa mai ed il resti dell'opzione di sopravvivenza Bcl-2. Malgrado migliaia di studi pubblicati, i ricercatori non hanno avuti molta fortuna direttamente proteggere l'atto di p53. Ma, BH3 è un'altra storia. Le droghe esistono quel mimo l'atto di BH3, chiamato collettivamente (creativamente…) “Mimetics BH3.„ Per esempio, il venetoclax della droga è un BH3 mimetico che utile l'approvazione di FDA contro il cancro di sangue CLL e mostra la promessa contro il cancro di sangue relativo, TUTTO.

Il mimetics BH3 egualmente è riuscito in laboratorio contro il modulo pericoloso del cancro di interfaccia, melanoma. Ma a differenza dei cancri di sangue, sembra che il melanoma abbia un modo sornione lavorare intorno al mimetics BH3.

Ora, un'università di centro del Cancro di colorado, dipartimento della dermatologia, studio pubblicato nelle manifestazioni di morte e di malattia delle cellule del giornale come il melanoma sfugge al mimetics esistente BH3 e suggerisce una nuova strategia per bloccare questo viale della fuga.

Il problema è che Bcl-2 stesso non è la sola opzione che, una volta lasciata nella posizione di "ON", tenga le cellule tumorali vive. BCL-2 descrive una famiglia delle proteine ed anche quando Bcl-2 stesso è spento, le celle del melanoma possono ottenere i segnali ugualmente efficaci di sopravvivenza da un altro membro BCL-2 della famiglia, vale a dire la proteina MCL-1. Lo studio corrente si è domandato che cosa sarebbe accaduto se entrambe queste opzioni fossero spente allo stesso tempo.

Quando il gruppo ha usato un cugino di venetoclax, chiamato navitoclax, fare tacere Bcl-2 con la droga d'investigazione A-1210477 per fare tacere MCL-1, le celle del melanoma sono morto. Non solo la combinazione di navitoclax e di A-1210477 ha ucciso le celle del melanoma ed i campioni pazienti del melanoma indipendentemente dalle mutazioni specifiche che determinano la malattia o se il paziente i trattamenti precedenti ricevuti, ma la combinazione egualmente aveva ucciso le celle d'inizio (aka cellule staminali di cancro) che resistono spesso al trattamento per ricominciare la malattia.

“In cellule tumorali, c'è una miscela della pro-morte e delle proteine di anti-morte. Secondo il bilanciamento, queste celle vivono o muoiono. Da usando navitoclax e A-1210477 per mute Bcl-2 e MCL-1, eliminiamo le proteine di anti-morte e, tutto soppesato, le cellule tumorali muoiono,„ dice il primo autore, Nabanita Mukherjee, PhD, socio di ricerca della facoltà nel servizio di scuola di medicina del CU di dermatologia. L'opera è pubblicata dai laboratori di DRS. David Norris e Yiqun Shellman.

Oltre a Bcl-2 e a MCL-1, c'era un terzo giocatore genetico in questa storia BCL-2 della famiglia “l'opzione di sopravvivenza.„ Nel cancro al seno, DRP-1 fa le proteine di morte. Ma, lo studio corrente indica che nel melanoma, DRP-1 ha l'effetto opposto, facente le proteine di anti-morte. La combinazione di navitoclax e di A-1210477 ha agito contro DRP-1. Inoltre, quando il gruppo ha usato CRISPR/Cas9 completamente per mute DRP-1, le celle del melanoma sono state uccise efficientemente.

“Questo che trova non è stato riferito prima ed i nostri risultati indicano che l'inibizione DRP-1 coopererebbe con la terapia di mimetics BH3 nel melanoma,„ Mukherjee dice.

“Sebbene i trattamenti per il melanoma abbiano avanzato drammaticamente, le opzioni alternative ancora sono necessarie, particolarmente per i pazienti a cui non risponde o la ricaduta dalla corrente mirata a o dalle immunoterapie,„ dice Mukherjee. “I nostri studi suggeriscono che il concetto di ottimizzazione dei membri della famiglia multipli BCL-2 valga la pena di esplorare più ulteriormente per questi pazienti.„

Sorgente: http://www.ucdenver.edu/