I bambini hanno sensibilità positive quando perdono il loro primo dente da latte

Spaventato, imbarazzato, felice o fiero - come i bambini ritengono quando perdono il loro primo dente da latte? Un gruppo di ricerca interdisciplinare all'università di Zurigo ora ha trovato che le sensibilità dei bambini sono principalmente positive. Lo studio egualmente rivela che le visite precedenti al dentista come pure i precedenti ed il livello di istruzione parentali pregiudicano come i bambini avvertono la perdita di loro primo dente.

I denti decidui, conosciuti più comunemente come latte o i denti da latte, sono la prima dentatura che si sviluppano in bambini. Questi denti cadono da solitamente e sono sostituiti dai denti permanenti. I bambini perdono generalmente il loro primo dente da latte quando hanno circa sei anni: Il dente viene liberamente e finalmente cade da, lasciando una lacuna che poi permanentemente sarà colmata dal suo dente della sostituzione. Questo trattamento graduale è probabilmente uno dei primi cambiamenti biologici ai loro propri organismi che i bambini avvertono coscientemente. Le emozioni che accompagnano questa pietra miliare estremamente sono variate, varianti dalla gioia definitivo ad unire il mondo degli adulti al timore circa la perdita di parte del corpo.

I genitori riferiscono le reazioni positive
Un gruppo interdisciplinare dei ricercatori dentari e degli psicologi di salubrità ed inerenti allo sviluppo all'università di Zurigo, in collaborazione con la città dei servizi dentari del banco di Zurigo, ora ha esaminato le sensibilità che i bambini sperimentano quando perdono il loro primo dente da latte e che i fattori sono a gioco. Gli scienziati hanno esaminato i genitori dei bambini che già avevano perso almeno uno dei loro denti di latte. Delle quasi 1.300 risposte ricevute per lo studio, intorno 80 per cento dei genitori hanno riferito le sensibilità positive, mentre soltanto 20 per cento hanno detto delle emozioni negative. Raphael Patcas, primo autore dello studio, è soddisfatto dei risultati: “Il fatto che quattro su cinque bambini avvertono la perdita di dente da latte mentre qualche cosa di positivo sta rassicurando, per i genitori ed i dentisti egualmente.„

Più lungo è sciolto, migliori le sensibilità
I ricercatori hanno trovato che le visite precedenti ai dentisti hanno svolto un ruolo quando si tratta delle sensibilità dei bambini. I bambini di cui le visite precedenti erano intercapedine intercapedine e forse connesse così con vergogna o colpevolezza hanno avvertito meno emozioni positive quando più successivamente hanno perso il loro primo dente da latte. Se, tuttavia, le nomine dentarie precedenti erano il risultato di un incidente e così un evento brusco, inatteso e doloroso, quindi la perdita del primo dente di latte era più probabile essere associata con le emozioni positive. Secondo Raphael dentario Patcas del ricercatore, una spiegazione possibile per questa è che i denti da latte allentano gradualmente prima della caduta fuori un trattamento che, a differenza di un incidente, spiega lentamente e prevedibile. Ciò egualmente è supportata dal fatto quel bambini che avvertono l'allentamento del loro dente su un periodo esteso tendono ad avere sensibilità più positive: Più lungo il preparato ed il tempo di attesa, maggior il sollievo ed orgoglio quando il dente definitivo cade da.

Materia parentale di sfondo e di formazione
Inoltre, lo studio egualmente ha trovato che i fattori sociodemografici sono collegati con le sensibilità dei bambini: Per esempio, i bambini erano più probabili avere sensibilità positive quali orgoglio o la gioia se i genitori avessero un di più alto livello di formazione e venissero dai paesi non occidentali. I ricercatori indicano che le differenze culturali potrebbero essere a gioco qui: Questi comprendono lo stile di formazione e norme che i genitori passano sopra ai loro bambini come pure rituali transitioning che accompagnano la perdita del primo dente da latte.

“I nostri risultati suggeriscono che i bambini elaborino deliberatamente le esperienze precedenti riguardo ai loro denti e li integrano nel loro sviluppo emozionale,„ dice Moritz Daum, professore di UZH di psicologia dell'età evolutiva. Ciò che trova è importante per i dentisti ed i genitori simili: “Particolarmente dove le intercapedini sono interessate, vale la pena di comunicare con i bambini prudentemente„, dice Daum. “Questo modo, le emozioni nell'ambito dei denti ed i dentisti possono essere messi sulla traiettoria più positiva possibile.„

Sorgente: https://www.media.uzh.ch/en/Press-Releases/2018/Baby_Tooth.html