Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Risultati dettagliati attuali di Eisai e di Biogen dallo studio del 1b di fase su aducanumab alla riunione di CTAD

Biogen e Eisai Co., srl hanno annunciato che Biogen ha presentato i risultati ai test clinici sulla riunione del morbo di Alzheimer (CTAD), a Barcellona, la Spagna, dal recente 36 - e le analisi di 48 mesi dell'estensione a lungo termine in corso (LTE) dello studio del 1b di fase su aducanumab, di un trattamento d'investigazione per danno conoscitivo delicato dovuto il morbo di Alzheimer (AD) e dell'ANNUNCIO delicato.

Una presentazione orale dirottura e un manifesto hanno compreso i dati dai pazienti curati con aducanumab per fino a 36 e 48 mesi. I dati da entrambe le analisi hanno mostrato una riduzione dei livelli della placca dell'amiloide in un modo dipendente dal tempo e della dose, come misurato tramite tomografia a emissione di positroni (PET). Inoltre, le analisi dei punti finali clinici esplorativi, somma di valutazione di demenza clinica delle caselle (CDR-SB) e l'esame Mini-Mentale dello stato (MMSE), hanno suggerito un rallentamento continuato del declino clinico oltre 36 mesi e 48 mesi. I risultati in ogni braccio di dosaggio erano generalmente coerenti con le analisi precedentemente riferite di questo studio e non c'erano cambiamenti al profilo del rischio-vantaggio di aducanumab.

“Questo studio del 1b di fase ora ha quattro anni di risultati del aducanumab e siamo incoraggiati da questi dati, che hanno continuato a mostrare una riduzione dei livelli della placca dell'amiloide e che suggeriscono che la nostra terapia d'investigazione possa rallentare la progressione clinica della malattia,„ abbiamo detto Alfred Sandrock, Jr., M.D., Ph.D., vice presidente esecutivo e capo ispettore sanitario a Biogen. “Gli studi di fase 3 ora completamente sono iscritti e rimaniamo guidati dai bisogni insoddisfatti profondi dei pazienti, delle famiglie, dei badante e della società.„

Sorgente: https://www.eisai.com/news/2018/news201894.html